Trading automatico: cos’è, come funziona, quali rischi

Cos’è il trading automatico? Come funziona il trading automatico? Il trading automatico conviene? Quali sono i vantaggi del Trading automatico? Il trading automatico conviene? Il trading automatico è una modalità che molti investitori sfruttano per riuscire a investire anche quando non hanno molto tempo a disposizione.

Infatti, come dice la parola stessa, il trading automatico consente di eseguire e monitorare le operazioni di trading in maniera automatizzata e quindi senza la necessità di una presenza fisica dell’investitore.

Questo modo di fare trading ha, come tutte le cose, dei pro e dei contro, dal momento che consente di sfruttare i momenti in cui non si potrebbe agire ma può portare anche a perdere delle possibilità di guadagno, dato che non consente di adattare le posizioni alla situazione del mercato.

Di seguito vediamo tutto quanto concerne il trading automatico.

Trading automatico cos’è

Cos’è il trading automatico? Un sistema di trading automatico (conosciuto anche con l’acronimo ATS) è un programma per computer che crea ordini e li invia automaticamente a un centro di mercato o uno scambio.

Il programma genererà automaticamente ordini basati su un insieme predefinito di regole, utilizzando una strategia di trading che è spesso basata su analisi tecniche ma può anche essere basata su input da altre fonti elettroniche. I sistemi di trading automatizzati sono spesso utilizzati con il trading elettronico in centri di mercato automatizzati, tra cui reti di comunicazione elettronica, “dark pool” e scambi automatizzati.

I sistemi di trading automatizzati e le piattaforme di trading elettronico possono eseguire compiti ripetitivi a grandi velocità con ordini di grandezza superiori a qualsiasi potenziale umano. I controlli di rischio tradizionali e le misure di sicurezza basate sul giudizio umano non sono appropriate per il trading automatico e ciò ha causato problemi come il Flash Crash del 2010. Nuovi controlli come i cordoli di trading o gli “interruttori di circuito” sono stati messi in atto in alcuni mercati elettronici per gestire al meglio i sistemi di trading automatici.

Ciò che attira del trading automatico è il fatto che, essendo un software computerizzato, è privo di quelle emozioni che spesso inducono i trader a commettere errori.

Migliori broker per fare trading

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
Markets.comTrading CFD, tanti strumentiConto demoPROVA >>
plus500Servizio CFDDemoPROVA >>
eToro social tradingSocial trading, copy tradingCopy fundsPROVA >>
24optionSpread bassi, CFDRendimenti elevatiPROVA >>
Xm.comBonus 25€Conti Zero spread!PROVA >>
AvaTradeForex, azioni, criptovaluteWebinar ed ebookPROVA >>

Trading automatico come funziona

Come funziona il trading automatico? A partire dal 2014, oltre il 75% delle azioni quotate sulle borse degli Stati Uniti (compresa la Borsa di New York e il NASDAQ) provengono da ordini di sistemi di trading automatizzati.

Gli ATS possono essere progettati per negoziare azioni, opzioni, futures e prodotti di cambio in base a un insieme predefinito di regole che determinano quando inserire un ordine, quando uscire da una posizione e quanto denaro investire in ciascun prodotto di trading. Le strategie di trading differiscono; alcuni sono progettati per selezionare le parti superiori e inferiori del mercato, altri per seguire una tendenza e altri implicano strategie complesse che includono ordini casuali per renderli meno visibili sul mercato. Gli ATS consentono ad un trader di eseguire gli ordini molto più rapidamente e gestire il proprio portafoglio facilmente generando precauzioni di protezione.

Il backtest di un sistema di trading coinvolge i programmatori che eseguono il programma utilizzando i dati storici del mercato al fine di determinare se l’algoritmo sottostante che guida il sistema possa produrre i risultati attesi. Gli sviluppatori possono creare software di backtesting per consentire a un progettista di sistemi di trading di sviluppare e testare i propri sistemi di trading utilizzando i dati storici del mercato per ottimizzare i risultati ottenuti con i dati storici.

Sebbene il backtesting dei sistemi di trading automatizzati non possa determinare con precisione i risultati futuri, un sistema di trading automatizzato può essere backtestato utilizzando i prezzi storici per vedere come il sistema avrebbe teoricamente eseguito se fosse stato attivo in un mercato del passato.

Il test di un algoritmo può anche essere ottenuto utilizzando il trading simulato con dati di mercato in tempo reale per aiutare a confermare l’efficacia della strategia di trading nel mercato corrente e può essere utilizzato per rivelare problemi inerenti al codice del computer.

Il test di durata è lo stadio finale del ciclo di sviluppo. In questa fase, le prestazioni dal vivo vengono confrontate con i risultati backtested e walk forward. Le metriche confrontate includono:

  • Percentuale redditizie
  • Fattore di profitto
  • Drawdown massimo
  • Guadagno medio per operazione

L’obiettivo di un sistema di trading automatico è quello di soddisfare o superare le prestazioni backtested con un alto indice di efficienza. La maggiore velocità di immissione degli ordini consente al trader di entrare o uscire da una posizione non appena i criteri commerciali sono soddisfatti.

Inoltre, le perdite e i profitti possono essere generati automaticamente utilizzando un sistema di trading automatico.

Alcune piattaforme di trading dispongono di “wizard” per la creazione di strategie che consentono agli utenti di effettuare selezioni da un elenco di indicatori tecnici comunemente disponibili per creare un insieme di regole che possono essere automaticamente scambiate.

L’utente potrebbe stabilire, ad esempio, che una negoziazione lunga sarà inserita quando la media mobile a 50 giorni supera la media mobile a 200 giorni su un grafico a cinque minuti di un particolare strumento di trading.

Gli utenti possono anche inserire il tipo di ordine (mercato o limite, ad esempio) e quando lo scambio verrà attivato (ad esempio, alla chiusura della barra o apertura della barra successiva) utilizzare gli input predefiniti della piattaforma. Molti trader, tuttavia, scelgono di programmare i propri indicatori e strategie personalizzati o di lavorare a stretto contatto con un programmatore per sviluppare il sistema.

Mentre questo in genere richiede uno sforzo maggiore rispetto all’utilizzo della procedura guidata della piattaforma, consente un grado molto maggiore di flessibilità e i risultati possono essere più gratificanti.

Una volta stabilite le regole, il computer può monitorare i mercati per trovare opportunità di acquisto o vendita basati su trading specifici di strategia. A seconda delle regole specifiche, non appena viene inserita una transazione, vengono automaticamente generati ordini di perdite di stop protettivi, stop finali e obiettivi di profitto. Nei mercati in rapido movimento, questa immissione di ordine istantanea può significare la differenza tra una piccola perdita e una perdita catastrofica nel caso in cui il trading si muova contro il trader.

Trading automatico in cosa consiste

In cosa consiste il trading automatico? I sistemi di trading automatizzati, detti anche sistemi di trading meccanici, trading algoritmico, trading automatico o trading di sistema, consentono ai trader di stabilire regole specifiche sia per le voci di trade che per le uscite che, una volta programmate, possono essere automaticamente eseguite tramite un computer.

Le regole di ingresso e uscita commerciali possono essere basate su condizioni semplici come un crossover mobile medio o possono essere strategie complicate che richiedono una comprensione completa del linguaggio di programmazione specifico per la piattaforma di trading dell’utente o l’esperienza di un programmatore qualificato.

I sistemi di trading automatizzati in genere richiedono l’uso di software collegato a un broker di accesso diretto e qualsiasi regola specifica deve essere scritta nel linguaggio proprietario di quella piattaforma. La piattaforma TradeStation, ad esempio, utilizza il linguaggio di programmazione EasyLanguage; la piattaforma NinjaTrader, invece, utilizza il linguaggio di programmazione NinjaScript.

Trading automatico rischi

Quali sono i rischi del trading automatico? Il trading automatizzato o il trading ad alta frequenza causa preoccupazioni normative come contributo alla fragilità del mercato. Le autorità di regolamentazione degli Stati Uniti hanno pubblicato testi discutendo diversi tipi di controlli di rischio che potrebbero essere utilizzati per limitare la portata di tali interruzioni, tra cui controlli finanziari e normativi per impedire l’immissione di ordini errati a seguito di malfunzionamento o errore umano del computer, violazione di vari requisiti normativi e superamento di un limite di credito o di capitale.

L’uso di strategie di negoziazione ad alta frequenza (HFT) è cresciuto in modo sostanziale negli ultimi anni e guida una parte significativa dell’attività sui mercati finanziari. Sebbene molte strategie HFT siano legittime, alcune non lo sono e potrebbero essere utilizzate per il trading manipolativo.

Data la portata dell’impatto potenziale che queste pratiche possono avere, la sorveglianza degli algoritmi abusivi rimane una priorità elevata per i regolatori. La FINRA, l’Autorità di regolamentazione dell’industria finanziaria, ha ricordato alle aziende che utilizzano strategie HFT e altri algoritmi di negoziazion,e il loro obbligo di essere vigili quando testano queste strategie prima e dopo il lancio per assicurare che le strategie non si traducano in scambi abusivi.

La FINRA continua a essere preoccupata per l’uso di “momentum ignition strategies” in cui un partecipante al mercato cerca di indurre altri a commerciare a prezzi artificialmente alti o bassi.

Esempi di questa attività includono strategie di stratificazione e spoofing in cui un partecipante al mercato colloca un ordine non di fiducia su un lato del mercato (in genere, ma non sempre, sopra l’offerta o al di sotto dell’offerta) nel tentativo di esporre altri partecipanti al mercato a reagire l’ordine non valido e il trading con un altro ordine dall’altra parte del mercato.

Altri esempi di attività HFT o algoritmica problematica includono strategie di immissione degli ordini relativi all’ordine di ordini vicini alla chiusura o chiusura delle normali ore di negoziazione che comportano distorsioni dello squilibrio di mercato indicatori attraverso l’ingresso di ordini non in buona fede e / o attività di trading aggressivo vicino all’apertura o alla chiusura.

FINRA continua anche a focalizzare la sua attenzione sull’entrata di HFT problematico e sull’attività algoritmica attraverso partecipanti sponsorizzati che avviano la loro attività al di fuori degli Stati Uniti . A questo proposito, FINRA ricorda alle imprese i loro obblighi di sorveglianza e controllo ai sensi della Regola di accesso al mercato della SEC e Comunicazione ai membri, nonché potenziali problemi relativi al trattamento di tali conti come conti dei clienti, antiriciclaggio e livelli di margine livelli, come evidenziato nell’Avviso regolamentare e nel SEC del 29 settembre 2011, l’Ufficio SEC di Compliance Inspections and Examination’s National Exam Risk.

FINRA sorveglia per identificare la manipolazione intersettoriale del prezzo dei titoli azionari sottostanti, in genere tramite algoritmi di trading abusivi, e strategie utilizzate per chiudere posizioni di opzioni preesistenti a prezzi favorevoli o stabilire nuove posizioni di opzioni a prezzi vantaggiosi. Negli ultimi anni si sono verificati numerosi malfunzionamenti commerciali algoritmici che hanno causato sostanziali interruzioni del mercato. Questi sollevano preoccupazioni circa la capacità delle imprese di sviluppare, attuare e sorvegliare efficacemente i loro sistemi automatizzati.

La FINRA ha dichiarato che valuterà se i test e i controlli delle imprese relativi alla negoziazione algoritmica e ad altre strategie di negoziazione automatizzate e sistemi di negoziazione siano adeguati alla luce degli obblighi di vigilanza della Commissione e delle borse statunitensi. Questa valutazione può assumere la forma di esami e indagini mirate.

Alle aziende sarà richiesto di verificare se conducono prove di pre-implementazione separate, indipendenti e solide di algoritmi e sistemi di trading e se il personale legale, di conformità e operativo dell’azienda sta rivedendo la progettazione e lo sviluppo degli algoritmi e dei sistemi di negoziazione per la conformità ai requisiti legali.

La FINRA valuterà se una società monitora e rivede attivamente gli algoritmi e i sistemi di scambio una volta inseriti nei sistemi di produzione e dopo che sono stati modificati, comprese le procedure e i controlli utilizzati per rilevare potenziali abusi commerciali quali vendite, marcatura, stratificazione e momentum ignition strategies.

Infine, le aziende dovranno descrivere il loro approccio agli interruttori di disconnessione a livello di impresa, nonché le procedure per rispondere a malfunzionamenti disastrosi del sistema.

Trading automatico dannoso per i mercati? Due casi

Il 6 maggio 2010, il Dow Jones Industrial Average è diminuito di circa 1.000 punti (circa il 9%) e ha recuperato tali perdite in pochi minuti. È stato il secondo più grande swing di punti (1,010,14 punti) e il più grande calo di un giorno (998,5 punti) su base intraday nella storia della media.

Questa interruzione del mercato è diventata nota come Flash Crash e ha portato i regolatori statunitensi a emanare nuovi regolamenti per controllare l’accesso al mercato ottenuto attraverso il trading automatico.

Il 1 ° agosto 2012, tra le 9.30 e le 10.00 EDT, Knight Capital Group ha perso quattro volte il suo utile netto del 2011. Il CEO di Knight, Thomas Joyce, dichiarò, il giorno successivo all’interruzione del mercato, che l’azienda aveva il pieno controllo per correggere un bug in uno degli algoritmi di trading di Knight che inviava ordini errati agli scambi per circa 150 titoli diversi.

I volumi di trading sono aumentati così tanto, che la SPDR S&P 500 ETF (SPY), che è in genere la più quotata egli Stati Uniti, è diventato il 52° titolo più scambiato in quel giorno, secondo Eric Hunsader, CEO del servizio dati di mercato Nanex.

Le azioni di Knight hanno chiuso sotto il 62% in seguito all’errore di trading e Knight Capital è quasi collassato. Alla fine Knight ha raggiunto un accordo per fondersi con Getco, una società commerciale ad alta velocità con sede a Chicago.

Trading automatico vantaggi

Quali sono i vantaggi del trading automatico? I seguenti:

Riduce al minimo le emozioni

I sistemi di trading automatizzati riducono al minimo le emozioni durante il processo di trading. Mantenendo le emozioni sotto controllo, gli operatori di solito hanno un tempo più facile attenersi al piano. Poiché gli ordini commerciali vengono eseguiti automaticamente una volta che le regole commerciali sono state soddisfatte, gli operatori non saranno in grado di esitare o mettere in discussione il trading. Oltre ad aiutare i trader che hanno paura di “premere il grilletto”, il trading automatico può frenare coloro che sono in grado di sovraperformare – comprare e vendere ad ogni opportunità percepita.

Capacità di backtest

Backtesting applica le regole di trading ai dati storici del mercato per determinare la fattibilità dell’idea. Quando si progetta un sistema per il trading automatico, tutte le regole devono essere assolute, senza spazio per l’interpretazione (il computer non può fare supposizioni, bisogna indicargli esattamente cosa fare). I trader possono prendere queste precise regole e testarle su dati storici prima di rischiare denaro nel trading dal vivo. Un backtest accurato consente ai trader di valutare e mettere a punto un’idea di trading e di determinare l’aspettativa del sistema. Ovvero, l’importo medio che un trader può aspettarsi di vincere (o perdere) per unità di rischio.

Garantisce la disciplina

Poiché le regole commerciali sono stabilite e l’esecuzione commerciale viene eseguita automaticamente, la disciplina viene preservata anche in mercati volatili. La disciplina è spesso persa a causa di fattori emotivi come la paura di subire una perdita, o il desiderio di guadagnare un po ‘più di profitto da un mestiere. Il trading automatico aiuta a garantire che la disciplina venga mantenuta perché il piano di trading sarà seguito esattamente.

Inoltre, l’errore di pilotaggio è ridotto al minimo e un ordine di acquisto di 100 azioni non verrà inserito in modo errato come ordine di vendita di 1.000 azioni. Ottenere coerenza. Una delle maggiori sfide nel trading è pianificare il trading e scambiare il piano. Anche se un piano di trading ha il potenziale per essere redditizio, i trader che ignorano le regole stanno alterando qualsiasi aspettativa che il sistema avrebbe avuto.

Non esiste un piano di trading che vince il 100% delle volte: le perdite fanno parte del gioco. Ma le perdite possono essere psicologicamente traumatizzanti, quindi un trader che ha due o tre trade perdenti di fila potrebbe decidere di saltare il prossimo scambio. Se questo prossimo scambio sarebbe stato un vincitore, il trader ha già distrutto qualsiasi aspettativa del sistema.

I sistemi di trading automatizzati consentono agli operatori di raggiungere la coerenza negoziando il piano.

Migliorata velocità di inserimento dell’ordine

Poiché i computer rispondono immediatamente alle mutevoli condizioni del mercato, i sistemi automatici sono in grado di generare ordini non appena vengono soddisfatti i criteri commerciali. Entrare o uscire da una transazione qualche secondo prima può fare una grande differenza nel risultato del trade. Non appena viene inserita una posizione, vengono generati automaticamente tutti gli altri ordini, comprese le perdite di stop protettive e gli obiettivi di profitto. I mercati possono muoversi rapidamente, ed è demoralizzante avere un trade raggiungere l’obiettivo di profitto o superare un livello di stop loss, prima che gli ordini possano essere inseriti.

Un sistema di trading automatizzato impedisce che ciò accada

I sistemi di trading automatizzati consentono all’utente di scambiare più account o varie strategie contemporaneamente. Questo ha il potenziale per distribuire il rischio su vari strumenti mentre si crea una copertura contro le posizioni perdenti. Ciò che sarebbe incredibilmente difficile per un umano da realizzare è efficientemente eseguito da un computer in pochi millisecondi. Il computer è in grado di scansionare le opportunità di trading su una vasta gamma di mercati, generare ordini e monitorare le operazioni.

Trading automatico svantaggi

Quali sono gli svantaggi del trading automatico? Ecco i principali:

Guasti meccanici

La teoria dietro il trading automatizzato fa sembrare semplice: impostare il software, programmare le regole e guardarlo scambiare. In realtà, tuttavia, il trading automatico è un metodo di trading sofisticato, ma non infallibile. A seconda della piattaforma di trading, un ordine commerciale può risiedere su un computer e non su un server.

Ciò significa che se una connessione Internet viene persa, un ordine potrebbe non essere inviato al mercato. Potrebbe anche esserci una discrepanza tra i “mestieri teorici” generati dalla strategia e la componente della piattaforma di registrazione degli ordini che li trasforma in scambi reali. La maggior parte dei trader dovrebbe aspettarsi una curva di apprendimento quando usano sistemi di trading automatici, ed è generalmente una buona idea iniziare con piccole dimensioni di trading mentre il processo viene perfezionato.

Monitoraggio

Anche se sarebbe bello accendere il computer e partire per la giornata, i sistemi di trading automatici richiedono il monitoraggio. Ciò è dovuto al potenziale rischio di guasti meccanici, come problemi di connettività, perdite di alimentazione o arresti anomali del computer, nonché a stranezze del sistema. È possibile che un sistema di trading automatico riscontri anomalie che potrebbero comportare ordini errati, ordini mancanti o ordini duplicati. Se il sistema è monitorato, questi eventi possono essere identificati e risolti rapidamente.

Tra il dire e il fare…

Sebbene non siano specifici per i sistemi di trading automatici, i trader che impiegano tecniche di backtesting possono creare sistemi che sembrano eccellenti sulla carta e si comportano male in un mercato live. L’eccesso di ottimizzazione si riferisce all’eccessivo adattamento della curva che produce un piano di trading che non è affidabile nel trading dal vivo. È possibile, ad esempio, modificare una strategia per ottenere risultati eccezionali sui dati storici su cui è stato testato.

I trader a volte erroneamente presumono che un piano di trading dovrebbe avere transazioni redditizie prossime al 100% o non dovrebbe mai verificarsi un drawdown per essere un piano praticabile.

In quanto tale, i parametri possono essere regolati per creare un piano “quasi perfetto”, che fallisce completamente non appena viene applicato a un mercato reale.

Trading automatico conviene?

Il trading automatico, essendo un sistema artificiale, può ovviamente essere fallace. Ha dei difetti e va usato con le dovute attenzioni. Tuttavia, è indubbio che alcune strategie di investimento e strategie di trading come l’arbitraggio, la diffusione tra mercati, il market making e la speculazione possono essere migliorate attraverso il trading algoritmico.

Le piattaforme elettroniche possono gestire completamente le strategie di investimento e di trading attraverso il trading algoritmico. In quanto tali, gli algoritmi sono in grado di eseguire istruzioni di trading in particolari condizioni in termini di prezzo, volume e tempistica. L’uso della negoziazione algoritmica è più comunemente utilizzato da grandi investitori istituzionali a causa della grande quantità di azioni che acquistano ogni giorno.

Algoritmi complessi consentono a questi investitori di ottenere il miglior prezzo possibile senza influire in modo significativo sul prezzo del titolo e sull’aumento dei costi di acquisto.

Cos’è l’arbitraggio? E’ la differenza dei prezzi di mercato tra due entità diverse. L’arbitraggio è comunemente praticato nelle imprese globali. Ad esempio, le aziende sono in grado di usufruire di forniture o manodopera meno costose provenienti da altri paesi. Queste aziende sono in grado di tagliare i costi e aumentare i profitti. L’arbitraggio può essere utilizzato anche nel trading S&P futures e le azioni S&P 500 stocks. E’ tipico per i S&P futures e le azioni S&P 500 sviluppare prezzi differenti.

Quando ciò accade, le azioni negoziate sui mercati NASDAQ e NYSE sono in ritardo o in vantaggio rispetto alla S&P futures, fornendo un’opportunità di arbitraggio. Il trading algoritmico ad alta velocità può tracciare questi movimenti e trarre profitto dalle differenze di prezzo.

Per quanto riguarda i fondi pensione, sono per lo più investiti in fondi comuni di investimento. I fondi indicizzati dei fondi comuni di investimento sono regolarmente adeguati per adeguarsi ai nuovi prezzi delle attività sottostanti del fondo. Prima che ciò accada, le istruzioni di trading preprogrammate sono attivate da strategie algoritmiche supportate dal trading, che possono trasferire profitti dagli investitori ai trader algoritmici.

Altra strategia che può sposarsi bene con il trading automatico è la cosiddetta Mean reversion. Si tratta di un metodo matematico che calcola la media dei prezzi alti e bassi temporanei. Il trading algoritmico calcola questa media e il potenziale profitto derivante dal movimento del prezzo del titolo in quanto o si allontana o si avvicina al prezzo medio.

Per quanto riguarda lo scalping, lo scalpers approfitta del trading dello spread bid-ask il più velocemente possibile numerose volte al giorno. I movimenti di prezzo devono essere inferiori alla diffusione della sicurezza. Questi movimenti avvengono in pochi minuti o anche meno, quindi la necessità di decisioni rapide, possono essere ottimizzate mediante formule di negoziazione algoritmica.

Altre strategie ottimizzate dal trading algoritmico includono la riduzione dei costi di transazione e altre strategie relative ai “dark pools”.

Trading automatico genera volatilità?

Il trading automatico può portare a scambi volatili? Alcuni sostengono che quando i prezzi calano, gli algoritmi e il trading ad alta frequenza possono accentuare le flessioni perché le macchine rispondono automaticamente al calo del prezzo vendendosi. La causa starebbe nel fatto che le macchine non applicano il buon senso umano a condividere le valutazioni.

Un esempio? Durante la massiccia svendita delle azioni americane lunedì 5 febbraio 2018, quando il Dow Jones è calato del 4,6 per cento, c’è stato un periodo di 15 minuti in cui i prezzi sono crollati straordinariamente in maniera rapida. Così commentava l’accaduto Walter Hellwig di BB&T Wealth Management a Bloomberg in quella settimana: “Il calo del mattino è stato causato dagli umani, ma la caduta libera nel pomeriggio è stata causata dalle macchine”.

Ma è davvero colpa del trading automatico? Alcuni sono scettici, almeno in questo caso, vedendo “i computer” come forse un comodo capro espiatorio per i gestori patrimoniali umani che propongono prezzi delle azioni al di là di quanto richiesto dai fondamentali economici, creando così una bolla che era destinata a scoppiare ad un certo punto.

Il rapporto di BRIe ha anche concluso che gli ordini di vendita da parte di trader umani, alcuni dei quali inesperti, erano parzialmente responsabili del massiccio crollo del valore della valuta. Alcuni studiosi hanno persino affermato che il trading algoritmico può agire come forza stabilizzatrice nei mercati, fornire liquidità e spingere i prezzi a valutazioni più sensate quando vengono mandati troppo lontano dai commercianti emotivi in carne ed ossa.

Trading automatico è una truffa?

Lecito anche chiedersi: il trading automatico è una truffa? La risposta più giusta è dipende. Mentre alcuni sistemi automatici funzionano e producono buoni rendimenti, la maggior parte no. Meno del 5% delle persone che tentano di fare trading hanno successo, e questo include persone che creano e acquistano sistemi automatici. Le probabilità di successo sono ancora ridotte anche quando si usa un robot di trading.

Le persone che hanno successo con essi osservano costantemente il rendimento, apportano aggiustamenti man mano che le condizioni di mercato cambiano e intervengono quando si verificano eventi non comuni (possono verificarsi eventi casuali che programmazione in modi imprevisti). I trader robotizzati di successo, proprio come i trader manuali di successo, hanno fatto il lavoro necessario per creare e mantenere redditività.

Ciò è molto diverso dai sistemi di trading online venduti online che descrivono una vita facile e senza lavoro. Una volta acquistato uno di questi software, raramente ci sono supporti e aggiornamenti successivi. Anche se il suo creatore ha successo, ciò non significa che qualcuno che comprerà il suo sistema farà altrettante.

Il creatore può occasionalmente intervenire, o disattivare il programma (durante eventi di notizie importanti, per esempio). Lievi modifiche a quando il programma viene eseguito possono cambiare drasticamente i risultati. A meno che il creatore del programma non ti stia istruendo su come fare, o fornisca aggiornamenti a lungo termine e il monitoraggio delle condizioni di mercato continui, è meglio evitare di essere risucchiati dalle lusinghe del trading di vendita. Insomma, prudenza e niente facili entusiasmi.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY