Fare trading con 100 Euro è possibile? Vediamo come

E’ possibile fare trading con 100 Euro? Qual è il modo migliore per fare trading online con 100 euro? Se lo chiedono in tanti. Del resto, il trading online sta attirando sempre più persone, in quanto gli attuali strumenti tecnologici consentono più facilmente di accedere al trading online. Si pensi alle applicazioni utilizzabili su tablet e smartphone, che hanno semplificato le strade per fare trading.

Ovviamente, i rischi non mancano, in quanto le truffe sono sempre dietro l’angolo. Tante infatti sono le piattaforme sorte che millantano facili guadagni, basati su fantomatici sistemi automatici che lavorano per noi mentre facciamo altro. Per poi scoprire che non solo non abbiamo guadagnato nulla, ma non possiamo neanche più recuperare i soldi investiti. Neanche dietro denuncia, in quanto queste piattaforme hanno sede in Paradisi fiscali e si perdono dietro mille rivoli organizzativi. Dunque è anche difficile risalire ai proprietari-truffatori. Inoltre, il nome di questi pseudo-proprietari cambiano col cambiare delle diverse lingue della piattaforma.

Del resto, quando si parla di cifre basse come 100 euro, in molti cercano soprattutto miracoli. Cioè che i propri investimenti minimi, moltiplichino magicamente. Ma seguire strade sbagliate come appunto quelle di piattaforme che millantano facili guadagni, è solo un rischio.

Vediamo dunque come fare trading con 100 Euro.

Come fare trading con 100 euro, imparare da un Conto demo

Sebbene siamo di fronte ad una piccola cifra, dobbiamo comunque imparare a sfruttarla al meglio. E il miglior modo per farlo è quello di imparare tramite un Conto demo.

Il Conto demo si chiama così proprio perché è costituito da denaro virtuale, ed ogni perdita sarà appunto solo virtuale. Così però purtroppo ovviamente anche per i profitti. Ma vi consentirà di fare pratica senza mettere a rischio il vostro, seppur non immenso, capitale.

Il Conto demo va però trattato seriamente, mettendoci l’emotività che si metterebbe se i soldi fossero reali. Abituarsi a fare scelte azzardate perché i soldi sono finti, non vi farà imparare nulla. E ve ne accorgerete vostro malgrado quando inizierete a fare sul serio.

  • Il Conto demo offerto dalle piattaforme si distingue per tipo di conto e tempo a disposizione:
  • Il Conto demo può avere denaro illimitato ma durata limitata
  • Può offrire denaro limitato ma tempo di utilizzo illimitato
  • Può offrire all’utente denaro limitato e tempo di utilizzo illimitato
  • Il Conto demo può avere infine sia somma totale illimitata che durata illimitata

Ancora, un’altra distinzione da fare riguarda il fatto che i Broker possono offrire un conto demo solo previo versamento di denaro sul conto reale. Oppure, offrire il conto demo subito, semplicemente dietro iscrizione.

Trading con 100 euro, l’importanza della formazione

Oltre alla pratica, è importante anche la formazione. Per fare trading con 100 euro, occorre formarsi tanto. E i Broker possono venire incontro anche per questa esigenza. Infatti, le piattaforme di trading offrono ebook scaricabili, webinar (acronimo di seminari via web), corsi di formazione on demand, incontri dal vivo nelle principali città italiane con relatori di spessore nel mondo del mercato finanziario.

E’ importante poi anche leggere i libri di trader che hanno fatto la storia. O di economisti che parlano delle migliori strategie nel corso dei decenni ancora oggi valide.

Ci sono anche enti di formazione che offrono corsi a pagamento per diventare ottimi trader. Anche con 100 euro. Ma anche in questo caso, in molti casi si parla di truffe. Rischiate di spendere molti soldi e ritrovarvi ad aver perso solo tempo che poteva essere utile per altro.

Il fatto che iniziate a fare trading con 100 euro, non vuol dire che dobbiate prendere sottogamba le vostre scelte. Altrimenti, se la pensate così, rischiate seriamente (e quasi sicuramente) di aver già perso quei soldi.

Ritornando alla formazione, i corsi forniti dai Broker rinomati, sono preferibili in quanto hanno tutto l’interesse affinché voi guadagnate. Quindi, cercheranno di istruirvi al meglio per il mondo del trading.

Fare trading con 100 euro, la leva finanziaria

Per fare trading con 100 euro, molto utile può risultare una arma come la leva finanziaria. Di cosa si tratta? Con questo strumento finanziario, un trader può decidere di acquistare o vendere attività finanziarie per un ammontare superiore al capitale posseduto. Il suo scopo è quello di ottenere un rendimento potenziale maggiore rispetto a quanto guadagnerebbe da un investimento diretto nel sottostante.

In genere, i Broker utilizzano questo tipo di Leva finanziaria:

  • 1:5
  • 1:10
  • 1:20
  • 1:50
  • 1:100
  • 1:200
  • 1:400

Quindi, come è facile intuire, se utilizziamo una leva 1:5, significa che per ogni euro muoveremo cinque euro. Mentre se utilizziamo una leva 1:200, per ogni euro muoveremo ben €200.

La leva finanziaria è un’arma a doppio taglio. Mettiamo il caso che vogliamo investire tutta la nostra fatidica 100 € (anche se è ovviamente sconsigliabile) in nostro possesso più un’ulteriore somma di 900 € presi in prestito (ossia utilizzando una Leva finanziaria 1:10), se il titolo si deprezzasse del 30% rimarremmo con soli 700 €. Dovendo quindi restituire i 900 € presi in prestito più gli interessi.

Sommando ciò ai 100 € del nostro investimento iniziale, avremmo una perdita di oltre 300 € su un capitale iniziale di 100 €. La percentuale della nostra perdita sarà quindi del 300%, con una diminuzione del valore del titolo del 30%.

Inoltre, le diverse leve finanziarie si possono cumulare. Moltiplicando ulteriormente le nostre perdite.

Ecco perché la Leva finanziaria è un’arma a doppio taglio e va studiata al meglio. Magari utilizzando il Conto demo di cui sopra per sperimentarla.

La leva finanziaria è disponibile sulle piattaforme di trading che sono legate alle banche italiane. La Banca concede un vero e proprio prestito. Tu lo puoi utilizzare per investire o per fare trading online. Molto spesso però il prestito ti viene concesso solo se il trader dispone di un bene immobile a garanzia.

Nel caso di profitti, il trader può restituire il prestito anche pagando l’interesse e le commissioni sull’eseguito che sono purtroppo estremamente elevate. In caso di perdite devi restituire tutto il capitale ricevuto in prestito e in questo caso non si fanno sconti ed eccezioni sempre con gli interessi. Se non sei in grado di farlo, la banca potrebbe avvalersi del tuo bene immobile per recuperare i suoi crediti.

Per ovviare a ciò, si può usare la leva finanziaria tramite i CFD. In questo caso, infatti, il rischio è sotto controllo. Infatti i CFD, consentono di stabilire uno stopo loss, ovvero un ordine di chiusura automatica dell’operazione in caso di perdita anche superiore ad un determinato livello prestabilito.

A questo si aggiunge anche la possibilità di investire con i CFD con la garanzia di non perdere più del capitale effettivamente investito. Solo nel momento in cui la perdita dovesse superare il valore di trade che abbiamo deciso, supponiamo i nostri fatidici 100 euro, la posizione sarà chiusa in modo automatico anche se non avrai impostato il limite di sicurezza stop loss.

Fare trading con 100 euro: i segnali di trading

Molto interessanti sono anche i segnali di trading. Essi sono autentici suggerimenti inviati da esperti che lavorano per il Broker o da società esterne con cui il Broker collabora. I segnali di trading non vanno presi come la Bibbia, ma trattati come suggerimenti di persone in carne ed ossa che possono quindi sbagliare.

I segnali di trading devono essere eseguiti subito o col tempo, a seconda del tipo di posizione che bisogna prendere. Possono giungere via mail, tramite telefonata o via sms. Anche in questo caso, vale la regola che possono essere provati prima su Conto demo. Così da capire se chi ce li invia è affidabile o meno.

Fare trading con 100 euro: come scegliere il Broker

Come scegliere il miglior Broker per fare trading con 100 euro? Bisogna vedere vari elementi. In primis, occorre vedere se ha una regolare licenza da parte delle autorità adatte alla vigilanza sui mercati finanziari. In Italia abbiamo la CONSOB, mentre in Gran Bretagna la FCA e a Cipro il CySEC. Considerato l’organo più importante a livello europeo. Negli Usa invece abbiamo il SEC.

Avere regolare licenza da parte di queste autorità, significa essere sottoposti periodicamente a controlli sulla loro gestione dei dati e dei conti. Quindi, l’utente viene tutelato dal punto di vista della privacy ed economico. Inoltre, i Broker con regolare licenza hanno l’obbligo di avere dei fonti accantonati in caso di attacchi hacker o bancarotta.

Un Broker che si rispetti deve anche fornire un adeguato Conto demo, offrire segnali di trading, la leva finanziaria, commissioni e spread vantaggiosi, materiale informativo e una efficace assistenza clienti. L’assistenza clienti deve essere in italiano, 7×24, raggiungibile agevolmente tramite mail, numero di telefono o chat integrata al sito. Cortesia e gentilezza non devono essere considerati degli optional.

Occhio poi alle opinioni e alle recensioni sul web. Informatevi prima di iscrivervi. Naturalmente, valutate bene anche chi ha scritto la recensione. Talvolta, dietro un commento o una recensione, positiva o negativa che sia, si nascondono utenti interessati a scriverne bene o male. In quanto pagati per farlo o interessati affinché voi vi iscriviate in quanto sono affiliati alla piattaforma online.

Migliori Broker

Detto di quali sono i criteri per scegliere il miglior Broker, vediamo quali per noi sono i migliori Broker a disposizione:

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.
24optionCFD su Forex, Azioni, CriptovalutePiattaforma affidabilePROVA >>
Markets.comTrading CFD, tanti strumentiConto demoPROVA >>
plus500Servizio CFDDemoPROVA >>
eToro social tradingSocial trading, copy trading
66% dei trader perde soldi
Copy PortfolioPROVA >>
Xm.comBonus 25€Conti Zero spread!PROVA >>
AvaTradeForex, azioni, criptovaluteWebinar ed ebookPROVA >>

L’importanza dei CFD

Dei CFD abbiamo accennato prima, quando abbiamo parlato della Leva finanziaria. Acronimo di Contract for diffence, traducibile in Contratti per differenza, sono strumenti finanziari negoziabili online che consentono di trarre vantaggio economico dalle variazioni di prezzo di un’attività finanziaria sottostante, quale può essere un’azione, un cambio valutario, una materia prima. Ad esempio, facendo trading sui CFD Apple, si ottengono risultati in base alle variazioni del titolo Apple quotato in borsa.

Con i CFD è possibile investire sia al rialzo che al ribasso su un asset. E permette di speculare su un qualsiasi asset (azioni, indici azionari, materie prime, metalli preziosi, criptovalute e quant’altro) senza possederli direttamente.

Fare trading con 100 euro, l’opportunità con IqOption

Per chi ha un capitale esiguo per iniziare a fare trading, quali appunto 100 euro, molto interessante diventa il Broker IqOption. Infatti, questo Broker offre l’opportunità di iscriversi con soli 10 euro e di svolgere ogni trade a partire da soli 1 euro. Quindi, il rischio impatterà minimamente su un importo esiguo di 100 euro.

Ma non bisogna pensare che, a fronte di questi bassi importi, IqOption sia un Broker all’acqua di rose. La piattaforma di trading è all’avanguardia e al contempo user friendly e l’app mobile IQ Option (con versioni Android e iOS) è ugualmente ben progettata. Offrono la possibilità di fare trading su più mercati: forex, cfds, criptovalute come Bitcoin, Ripple, Ethereum e altre. Offrono anche gli strumenti di gestione del rischio necessari per il trading forex e criptovaluta come “stop loss” e “take profit”.

IqOption consente di fare deposito e prelievo tramite una pluralità di strumenti. Tra cui bonifico bancario, carte ma anche Paypal e Neteller. Offre inoltre tornei tra i trader, video tutorial, ecc.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY