Toyota annuncia un maxi-piano da 10 miliardi di dollari per gli Usa

Sembra proprio che le misure protezionistiche annunciate dal neo-presidente, Donald Trump, abbiano fatto scaturire le reazioni sperate.

Dopo l’annuncio del nuovo piano di riorganizzazione di Fiat Chrysler, con il quale verrà investito nel mercato statunitense un miliardo di dollari per la produzione di tre nuovi modelli di Jeep, negli stabilimenti di Toledo e Warren, anche Toyota durante il Salone dell’auto di Detroit ha annunciato il nuovo piano di investimento.

Toyota: pronti 10 miliardi di dollari

Per non subire i super-dazi per le auto prodotte in Messico ed importate negli Usa, anche Toyota ha deciso di  investire 10 miliardi di dollari in 5 anni.

La casa automobilistica giapponese aveva annunciato nel 2015 di voler costruire una nuova fabbrica in Messico dal valore di 1 miliardo di dollari, nella quale produrre il modello Corolla nel 2019, annuncio che non è caduto nel dimenticatoio a Trump.

Nella giornata di ieri anche la Ford ha annunciato di aver un piano di rilancio per i modelli Ronco e Ranger, i quali saranno realizzati nella fabbrica di Wayne nel Michigan.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY