Tornare alla Lira, gli scettici hanno torto, ecco il perchè

lira-iralia-moneta

L’Eurozona versa in una situazione pessima, con una crescita che – mentre altrove è già consistente – nel Vecchio Continente ha l’amaro sapore della stagnazione. Se il treno della ripresa è difficile da agganciare per noi europei, il problema potrebbe essere determinato da dinamiche strutturali. E’ quanto pensano gli economisti meno mainstream del panorama internazionale. Tra i temi più caldi, eppure ancora rigettati come “troppo estremisti”, c’è il ritorno alla valute nazionali e quindi la fine dell’euro. Per ora, un tabù. Questo non vuol dire, però, che non se ne parli. Non a caso stanno emergendo molte teorie a riguardo.

C’è addirittura chi si è spinto a programmare un’uscita dall’euro e a considerare tutti gli effetti che un tale evento scatenerebbe. Effetti che, per gli scettici e fedelissimi dell’euro, sarebbero catastrofici ma che per tutti gli altri invece sono controllabili o, semplicemente, frutto di valutazioni… Diverse.

Di questa idea è Ambrose Pritchard, giornalista economico del Telegraph, firma di punta del settore a livello mondiale. In un recente articolo si è “divertito” a smantellare tutte le tesi degli scettici. Di seguito, le ragioni degli “europeisti hard” e le confutazioni del giornalista.

Il ritorno alle valute nazionali causerebbe un’inflazione incontrollabile.

Falso: monete diverse in mano a banche nazionali diverse sarebbero assai più gestibili. Questo perché gli istituti finanziari sarebbero di nuovo in grado di gestire la quantità di moneta presente nel sistema, alzando i tassi di riferimento, abbassandoli o, addirittura, stampando moneta. In questo momento la zona euro, per quanto riguarda la questione dei prezzi, è già immersa nel caos: il tasso di disoccupazione sale, ma l’inflazione scende (vento innaturale e dannoso). Ciò è frutto dell’impotenza di cui la Bce è affetta in modo congenito – mancanza di strumenti di politica monetaria realmente efficaci.

Il ritorno alla valute nazionali indebolirebbe l’Europa e la svantaggerebbe rispetto a colossi come la Cina.

L’opinione degli europeisti è che il Continente può rivaleggiare contro i Brics. Cosa potrà mai fare la “liretta” conto lo yuan? Niente. Falso: con il ritorno alla lira (e al pesos, alla dracma e così via) l’Europa acquisirebbe forza. Nello specifico, acquisirebbe forza nelle esportazioni. E’ evidente: l’euro è attualmente sopravvalutato e questo non permette alle imprese di vendere all’estero come dovrebbero. Ma una moneta nazionale, oggetto magari di un fenomeno inflattivo, controllabile ampiamente dalle banche locali, causerebbe un calo dei prezzi rispetto l’estero e quindi una maggiore appetibilità delle merci.

Il ritorno alle valute nazionali causerebbe delle rappresaglie da parte della Germania.

Falso. Certo, i tedeschi non vedrebbero certo di buon occhio un’uscita dall’euro. D’altronde, l’attuale assetto li favorisce in modo quasi paradossale. Tuttavia, una volta tornati allo stato pre-1999, alla Germania non rimarrebbe che prenderne atto. E aiutare i suoi vicini. Nello specifico, aiutarli a non incorrere nelle derive inflazionistiche. Un po’ di svalutazione, come accennato sopra, farebbe bene, ma troppa ovviamente creerebbe alcuni insanabili squilibri. Non si tratta di altruismo: se l’inflazione è troppo alta, i crediti che la Germania vanta rispetto al resto d’Europa vanno in fumo.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

8 commenti

  1. Chi scrive ha invece le idee chiarissime…. Solo la disinformazione di massa può ancora convincere la gente a credere il quel disastro chiamato euro. Un progetto politico di distruzione dei popoli europei

  2. L’articolo ripostato da Giuseppe Briganti è un compendio di inutilità. L’Italia (Dato ISTAT, basta cercare su Google…) al terzo trimestre ha un saldo comm.le POSITIVO di +2.9 Miliardi di €.. ergo, l’unico settore che in Italia funziona è l’esportazione! La svalutazione competitiva tanto sbandierata non porterebbe nessun beneficio! Il settore messo peggio in Italia è l’edile, il quale non trarrebbe nessun beneficio. Chi sarebbe tanto idiota da accettare pagamenti in Lire quando il giorno seguente il valore residuo potrebbe essere più che dimezzato? Non compriamo forse qualche piccola componente di materia prima ed energia dall’estero?

  3. Possibile che ci siano tanti italiani che ancora non capiscano le dinamiche dell’euro? Soprattutto i meridionali che l’euro (anche se si chiamava Lira) lo hanno avuto per 150 anni. Qual’è stato il risultato? Deindustrializzazione, depauperamento di capitale umano (i vostri figli costretti ad andarsene per trovare un lavoro), corruzione e mafia, mezzogiornificazione… MA SVEGLIATEVI.

  4. Prima di intrapprendere certi discorsi e valutazioni, sarei molto interessato a sapere quanto varrebbe la nuova Lira rispetto all’attuale Euro ed al Dollaro Statunitense, certamente non 1936,27 come lo era il 01-01-2002, forse la sua svalutazione sarebbe anche doppia a questo cambio iniziale. Ed allora..? Come ci riforniremo di matterie prime che sono tutte acquistabili in Dollari..? La benzina sarebbe ancor piu’ alle stelle ed il riscaldamernto centrale per le case d’inverno sarebbe roba da ricchi; probabilmente durante l’estate saremmo costretti in molti ad andare per boschi a far scorta di legna per riscaldarci d’inverno, esattamente come facevano i nostri avi tanti decenni fa..!

  5. vorrei far notare a chi indica l’uscita dall’euro che indicano anche il vero problema… e cerco di spiegarmi.. tutti indicate ceh passando alla lira le banche e i governi locali gestirebbero la moneta, lìinflazione e l’economia in modo più “efficiente” e tale da garantire una sostenibilità maggiore… ora l’assunto vostro che le nazioini e tra queste l’italian diventerebbero più virtuose.. allora dico.. il problema non è la moneta unica.. ma l’organizzazione e la gestione della stessa a livello europeo.. sapendo che solo un europa forte può riuscire a resistere agli attacchi di cina, usa, e bric. l’alternative unica e fattibile e lavorare ad una maggiore integrazione europea, all’abbattimento delle nazioni ed alla creazione degli stati uniti d’europa con elezione diretta di tutte le rappresentanze… cosa che ad oggi sembra essere l’anello mancante tra una moneta equa e la speculazione…

LEAVE A REPLY