Torna l’ora legale, quando sarà soppressa

Nella notte tra il 30 e il 31 marzo prossimo torna l’ora legale. Che prende il posto di quella solare. In pratica, dormiremo un’ora in meno, in quanto la lancetta sarà spostata appunto di un’ora avanti. Ma ciò significa che la percezione delle giornate sarà di un loro allungamento, visto che la luce solare durerà di più e il tramonto sarà tardivo.

Ciò ovviamente a beneficio dell’umore, soprattutto in caso di belle giornate di sole. Rispetto ai mesi invernali, nel corso dei quali le giornate “si accorciano” e fa buio molto prima.

Il passaggio dall’ora solare all’ora legale è però destinato a finire. Infatti, il Parlamento europeo ha deliberato per l’abolizione dell’ora legale. Vediamo entro quando e cosa cambia.

Ora legale abolita il 2021

Con 410 voti a favore, 192 contrari e 51 astenuti, il Parlamento europeo ha approvato la risoluzione legislativa che stabilisce la fine del passaggio dall’ora solare a quella legale. Tuttavia, l’abolizione entrerà in vigore dal 2021. Quindi, questa del 2019 non sarà l’ultima volta come si era detto. Ma la terzultima.

Il testo approvato rappresenta la posizione del Parlamento nei futuri negoziati con i ministri Ue per la formulazione definitiva della normativa.

Nella risoluzione si afferma che la Commissione può presentare una proposta legislativa per rinviare la data di applicazione della direttiva fino al un massimo di 12 mesi. Nel caso in cui ritiene che le disposizioni previste possano pregiudicare in modo significativo e permanente il corretto funzionamento del mercato interno.

Ogni Stato ha comunque la facoltà di decidere il proprio fuso orario. Tuttavia, anche in caso di mantenimento dell’ora solare, i cittadini dello Stato in questione dovrebbero spostare gli orologi per l’ultima volta l’ultima domenica di ottobre 2021. Quindi, quest’ultimo resta in ogni caso l’ultimo anno di spostamento delle lancette.

Ora legale cos’è

L’ora legale è la pratica di far avanzare gli orologi durante i mesi estivi, in modo che la luce del giorno duri più a lungo, sacrificando i normali tempi dell’alba.

In genere, le regioni che utilizzano l’ora legale regolano gli orologi in avanti di un’ora vicino all’inizio della primavera e li regolano all’indietro in autunno al tempo standard.

In effetti, l’ora legale causa un’ora perduta di sonno in primavera e un’ora in più di sonno in autunno.

George Hudson propose l’idea dell’ora legale nel 1895. L’impero tedesco e l’Austria-Ungheria organizzarono la prima implementazione a livello nazionale a partire dal 30 aprile 1916. Molti paesi hanno usato in vari momenti da allora, in particolare dopo la crisi energetica degli anni ’70.

L’ora legale non è generalmente osservata vicino all’equatore, dove i tempi dell’alba non variano abbastanza per giustificarlo. Alcuni paesi lo osservano solo in alcune regioni; per esempio, il Brasile meridionale lo osserva, mentre il Brasile equatoriale no.

Solo una minoranza della popolazione mondiale utilizza l’ora legale, poiché l’Asia e l’Africa in genere non la osservano. I turni dell’orologio a ore possono complicare il cronometraggio e possono interrompere viaggi, fatturazione, tenuta dei registri, dispositivi medici, attrezzature pesanti e schemi di sonno.

I software di pc e device mobili ormai regolano automaticamente gli orologi. Ma le modifiche delle politiche da parte di varie giurisdizioni delle date e degli orari dell’ora legale possono creare confusione.

Ora legale perché

Le società industrializzate di solito seguono un programma basato sull’orologio per attività quotidiane che non cambiano nel corso dell’anno. L’ora del giorno in cui gli individui iniziano e finiscono il lavoro o la scuola, e il coordinamento del trasporto di massa, ad esempio, di solito rimangono costanti per tutto l’anno.

Al contrario, le abitudini quotidiane della società agraria per il lavoro e la condotta personale sono più probabilmente governate dalla durata delle ore diurne e dal tempo solare, che cambia stagionalmente a causa dell’inclinazione assiale della Terra.

La luce del giorno del nord e del sud del tropico dura più a lungo in estate e più corta in inverno, con l’effetto che aumenta man mano che si allontana dai tropici.

Ripristinando simultaneamente tutti gli orologi di una regione ad un’ora prima del tempo standard, le persone che seguono tale programma annuale si sveglieranno un’ora prima rispetto a quello che avrebbero altrimenti. Inizieranno e completeranno le routine di lavoro quotidiane un’ora prima e avranno a loro disposizione un’ora in più di luce diurna dopo le loro attività lavorative.

Tuttavia, avranno un’ora in più di luce diurna all’inizio di ogni giornata, rendendo la politica meno pratica durante l’inverno. Mentre i tempi dell’alba e del tramonto cambiano a tassi sostanzialmente uguali man mano che le stagioni cambiano, i sostenitori dell’ora legale sostengono che la maggior parte delle persone preferisce un maggiore aumento nelle ore diurne dopo il tipico giorno lavorativo “dalle nove alle cinque”.

I sostenitori hanno anche sostenuto che l’ora legale diminuisce il consumo di energia riducendo la necessità di illuminazione e riscaldamento, ma l’effettivo effetto sull’uso complessivo di energia è fortemente contestato. La manipolazione del tempo a latitudini più elevate (ad esempio Islanda, Nunavut, Scandinavia o Alaska) ha poco impatto sulla vita quotidiana, perché la lunghezza del giorno e della notte cambia più in modo significativo durante le stagioni (rispetto alle altre latitudini).

E quindi i tempi di alba e tramonto sono significativamente sfasati rispetto all’orario di lavoro standard, indipendentemente dalle manipolazioni dell’orologio.

L’ora legale è anche di scarsa utilità per le posizioni vicino all’equatore, perché queste regioni vedono solo una piccola variazione di luce diurna nel corso dell’anno.

L’effetto varia anche in base all’estensione o all’ovest della posizione all’interno del suo fuso orario. Con le località più a est all’interno del fuso orario che beneficiano maggiormente dell’ora legale rispetto a località più a ovest nella stessa zona.

Ora legale in Italia

L’ora legale in Italia è stata adottata e abolita più volte: è stata osservata dal 1916 al 1920 e tra il 1944 e 1948. Nel 1965 fu approvata una legge che entrò in vigore l’anno successivo e rese l’applicazione dell’ora legale obbligatoria in tutto il paese.

Dal 1996, è stata coordinata con l’Unione Europea. San Marino e Stato della Città del Vaticano condividono le frontiere terrestri esclusivamente con l’Italia e osservano lo stesso tempo italiano.

LEAVE A REPLY