Tonfo Bitcoin: i motivi dell’ultimo crollo e prospettive future

Il prezzo del Bitcoin quest’anno ha avuto delle difficoltà enormi, lo scorso fine settimana è sceso di oltre il 10% e le perdite da inizio anno al 50% del suo picco di gennaio. Ultimamente ci sono state molte notizie negative su Bitcoin e criptovalute: hacker informatici, transazioni in diminuzione, consumi energetici altissimi e critiche da parte dell’industria finanziaria stabilita nel mondo.

Ma ci sono stati anche alcuni punti luminosi: le commissioni sulle transazioni sono diminuite, il numero di negozi che accettano Bitcoin sia online che nel mondo reale sono in aumento e le autorità di regolamentazione sembrano preferire una maggiore tolleranza dopo una guerra iniziale. Una delle cose migliori per il prezzo Bitcoin di quest’anno è stato l’interesse di alcune delle piattaforme di trading più grandi del mondo.

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
24optionTrading CFD e opzioni su BitcoinRendimenti elevatiPROVA>>
plus500Trading bitcoinPiattaforma di qualitàPROVA>>
xmConti Zero spreadGuide e tutorialPROVA>>
etoroSocial tradingTrading Bitcoin, criptovalutePROVA>>

Con almeno due che dovrebbero annunciare che presto permetteranno ai grandi investitori comprare e tenere Bitcoin. Si pensi alla Intercontinental Exchange (ICE), la società madre della Borsa di New York, che il mese scorso avrebbe sviluppato una piattaforma online per comprare criptovalute, secondo un report del The New York Times.

Nel frattempo il Nasdaq, che ha avviato una partnership con l’Exchange di criptovalute Gemini ad aprile, sta anche pianificando di lanciare un mercato dei futures per le criptovalute. Questi due si uniranno a Cboe Global Markets e CME Group, che hanno già iniziato a pubblicare futures su criptovaluta.

L’ICE dovrebbe diventare il primo operatore di scambio di titoli azionari negli Stati Uniti a lanciare un Exchange di criptovalute. Il Wall Street Journal ha riferito a gennaio che Nasdaq sperava di lanciare lo scambio di futures Bitcoin nella prima metà del 2018. Una scadenza che si avvicina rapidamente. Sia CME che Cboe sono entrati nel mercato dei Bitcoin nella fase di picco della corsa dello scorso anno a dicembre, quando il prezzo del Bitcoin aveva raggiunto quota $ 19.000.

Mentre molti si aspettavano che le istituzioni finanziarie istituite agissero come un fattore stabilizzante per l’immatura valuta-cum-merce, Bitcoin e altre criptovalute hanno continuato le loro selvagge oscillazioni intraday. L’introduzione di più grandi Exchange potrebbe aiutare Bitcoin e criptovalute a maturare, ma potrebbero comportare che il prezzo potrebbe scendere ulteriormente prima di trovare un piano.

Bitcoin, le previsioni future secondo Neu-Ner

Il prezzo del bitcoin potrebbe affondare ancora di più, afferma il trader di criptovalute Ran Neu-Ner: “Continuiamo a scendere, e stiamo testando nuovi minimi”, ha detto Neu-Ner lunedì riguardo il mercato delle criptovalute su “Fast Money”. Rubrica a cura della CNBC. “Sixty-two-fifty” è il prossimo punto”, ha detto Neu-Ner, che è ospite del” Crypto Trader “della CNBC Africa. “Se va sotto a questo, testeremo 5.900”.

Neu-Ner ha detto che un livello chiave per gli investitori è di $ 5.000. “Ecco dove i miners guardano. Vale la pena proseguire? “, ha detto Neu-Ner, fondatore di OnChain Capita. “A circa $ 5,000, se non otteniamo un aumento, allora potremmo vedere un gioco molto diverso nel settore del mining.” Bitcoin è sceso sotto i $ 7000 domenica scorsa, precipitando a $ 6,647,33. Il declino del 10% è il più basso della moneta digitale negli ultimi 2 mesi.

Martedì mattina era di $ 6.822, secondo Coindesk Nel fine settimana, un Exchange in Corea del Sud – che ricordiamo essere il terzo mercato al Mondo delle criptovalute – ha annunciato che era stato violato. Neu-Ner ha sottolineato che il mercato delle criptovalute è nella sua fase iniziale e ci aspettiamo queste cose. “Siamo su Internet prima di avere un vero browser”, ha detto. “E la gente parla di alcuni hack di scambio: ci si può aspettare da un settore che ha una capitalizzazione di mercato di $ 300 miliardi, quando prevediamo che un giorno avrà $ 20 trilioni nella capitalizzazione di mercato”.

Piuttosto, quello che sta succedendo nello spazio cripto in questo momento è un mercato orso, ha detto Neu-Ner: “Non possiamo uscire da quel modello verso il basso”, ha detto. “Non possiamo rompere il livello 8.000 o 8.500 con un volume convincente.” A prescindere, il primo investitore di Bitcoin ha detto che ora è un buon momento per comprare bitcoin, “Se credi nel lungo termine della blockchain.” i ritorni veloci potrebbero avere migliore fortuna in altri settori, ha detto Neu-Ner. Ma gli investitori che guardano da tre a cinque anni dovrebbero comprare, o almeno detenere, bitcoin, ha detto. “Potrebbe andare verso 20, 30, 40, o 50.000 dollari” ha detto. “Allora a nessuno importerà se lo hai comprato a 5 o 6”.

Crollo Bitcoin, a pesare ancora la Corea del sud

Bitcoin, la più grande valuta digitale del mondo per valore di mercato, ha faticato a definire una nuova tendenza dopo essere scesa al livello più basso in più di due mesi. La criptovaluta è scesa a $ 6,647,33 alle 18:15 di domenica , un calo di quasi il 12,5% rispetto allo stesso tempo di 24 ore prima, come riferiscono i dati di CoinDesk Bitcoin Price Index (BPI).

A questo punto, Bitcoin era sceso al suo prezzo più basso da aprile, colpendo un BPI supplementare più di due mesi, rilevano i dati BPI addizionali. Quando hanno cercato di spiegare questo declino, gli analisti hanno citato vari fattori, tra cui il recente attacco all’Exchange sudcoreano Coinrail e una notevole svendita. “L’hack in Corea del Sud potrebbe aver innescato l’inizio della caduta dei prezzi di ieri “, ha detto Matthew Newton, analista presso la piattaforma di social trading di eToro.

Tuttavia, la “grande caduta” si è verificata più tardi nel corso della giornata, quando “c’è stata un’impennata di volume in quanto potenzialmente un grosso ordine di vendita è stato scaricato sul mercato.” “Attualmente non c’è alcuna indicazione su cosa abbia causato questo, ma certamente sembra aver accelerato il calo”, ha affermato.

Oltre a questi due fattori, diversi analisti hanno affermato che il mercato alla fine ha fissato un prezzo nelle citazioni inviate da Commodity Futures Trading Commission (CFTC) degli Stati Uniti. Queste citazioni hanno preso di mira quattro Exchange e hanno coinvolto un’indagine sulla manipolazione dei prezzi, hanno riferito fonti a conoscenza del problema al Wall Street Journal. La recente caduta di Bicoin era parzialmente un “reazione ritardata” a questa notizia, ha detto Charles Hayter, co-fondatore e CEO della piattaforma di dati sulla valuta digitale CryptoCompare.

La valuta digitale ha oscillato in un intervallo relativamente ristretto, passando da circa $ 6,600 a $ 6,900. Al momento del rapporto, Bitcoin era scambiato a $ 6.738,68. Andando avanti, la valuta digitale potrebbe affrontare ulteriori venti contrari, secondo le analisi tecniche fornite da due osservatori del mercato. David Johnson, CEO della piattaforma di tasking di criptovaluta Latium, ha osservato che in futuro il mercato sperimenterà una tendenza rialzista o ribassista.

“In questo caso ritengo fortemente che testeremo il livello psicologico a $ 6,000 ed è possibile scendere a $ 5,800 prima di trovare davvero supporto poiché il canale di supporto varia da $ 5,700 a $ 6,000.” suggerisce Johnson. “I numeri interi creeranno sempre un certo livello di supporto, ma $ 6.000 non è stato storicamente un importante livello di supporto per Bitcoin.” Anche Mati Greenspan, analista di mercato senior di eToro, ritiene che i minimi riscontrati negli ultimi giorni potrebbero fornire un supporto. Sta guardando al supporto psicologico a $ 5.000 “, ha detto Greenspan.

Bitcoin sta vivendo una tendenza rialzista, la situazione potrebbe essere completamente diversa, ha dichiarato Johnson. “Vediamo una chiusura giornaliera sopra i $ 7.100. In questo caso dovremmo vedere una mossa per testare la resistenza al livello di $ 7,700. Il livello dovrebbe spingere BTC fino a testare il livello psicologico di $ 8k.” “La paura è sempre un po’ più forte dell’avidità, quindi se iniziamo a risalire, ci aspettiamo che il movimento impieghi più tempo nella direzione opposta.” conclude l’analista.

Quindi, la Corea del sud pesa ancora fortemente sulla regina delle criptovalute. Come è accaduto tra la seconda metà di dicembre 2017 e la prima metà di gennaio 2018, quando la notizia che il governo sudcoreano aveva deciso una stretta sugli Exchange, provocò il crollo del prezzo del Bitcoin da 19mila dollari a 13mila. Per poi proseguire lentamente il declino e stabilizzarsi intorno agli 8mila dollari.

Prezzo Bitcoin instabile, cosa fare

Come noto, nel 2017 il prezzo del Bitcoin è salito da meno di $ 1.000 a quasi $ 20.000, poi è caduto a un minimo di $ 6.647,33 durante il fine settimana scorso. Come detto, in conseguenza della notizia che un Exchange sudcoreano è stato vittima di attacco Hacker. Ora ci sono più di 100 scambi bitcoin, anche se le ricerche di Google per bitcoin sono diminuite del 75%.

Le maggiori istituzioni finanziarie, incluse le grandi banche e le borse, stanno facendo investimenti che segnalano la presenza di criptovalute, incluso il lancio di contratti futures bitcoin. Non molti esperti raccomanderebbero di acquistare conti di investimento come piani pensionistici 401 (k) con bitcoin. La valuta digitale è troppo volatile. Ma non c’è niente di sbagliato nell’impostare un po ‘di margine – in gergo il denaro che puoi permetterti di perdere – per le scommesse selvagge, proprio come puntare qualche euro o dollaro al casinò.

Bitcoin offre sicuramente una scarica di adrenalina. Nel 2017 il prezzo della criptovaluta è salito da meno di $ 1.000 a quasi $ 20.000, per poi scendere a un minimo di $ 6.647,33 nel fine settimana dopo che uno scambio sudcoreano ha dichiarato che era stato violato. I segnali di investimento restano misti: l’attività di ricerca di Google su bitcoin è diminuita del 75% quando il prezzo si è allontanato da quell’incredibile aumento di $ 20.000. Ma le principali aziende di Wall Street stanno facendo investimenti che mostrano che si aspettano che le criptovalute svolgano una parte importante nel panorama finanziario. Ci sono due modi per scommettere su bitcoin: il modo “vecchio stile”, attraverso un Exchange specializzato o comprare o vendere contratti futures.

Come sappiamo, nuove monete vengono assegnate ai “miners” per risolvere complessi problemi matematici. Quindi le monete vengono acquistate e vendute per dollari o altra valuta fiat in un conto chiamato wallet, conservato in un Exchange di criptovalute come Coinbase, Bitstamp o Kraken. Il trading su questo mercato spot è molto simile a uno scambio azionario, con prezzi governati dalla fornitura e domanda, e nessun ruolo giocato da una banca centrale, come la Federal Reserve o la Bce.

Poiché il bitcoin non è ancora accettato da molti trader, il suo valore dipende dalla visione degli speculatori su ciò che gli altri pagheranno in futuro. Per i detrattori, questo incoraggia le bolle. I sostenitori vedono enormi profitti potenziali. La maggior parte degli oltre 100 Exchange di bitcoin hanno solo pochi anni, e alcuni sono stati vittime di frodi, furti, hack e dolori in crescita, come fermarsi durante gli scambi pesanti.

Un investitore molto cauto può comprare su un Exchange e quindi archiviare il codice bitcoin dal sito o anche su un pezzo di carta. E’ ciò che hanno fatto i primi Winklevoss e gli early adopter bitcoin, arrivando al punto di tagliare il loro codice in pezzi e archiviarlo in un caveau usando un sistema che solo loro capiscono di rimettere insieme il codice bitcoin effettivo.

Bitcoin è pieno di rischi, anche se il sistema di trading e archiviazione è sicuro. Sfortunatamente, gli Exchange bitcoin non funzionano in modo efficiente come le borse, ha detto Param Vir Singh, professore di tecnologie aziendali per la Tepper School of Business della Carnegie Mellon University. “I prezzi dei bitcoin sono volatili, la velocità delle transazioni è lenta, la piattaforma di trading bitcoin è illiquida”, ha detto, sottolineando che, a differenza delle borse valori, gli scambi di bitcoin non sono generalmente ben regolati dal governo.

Il Nasdaq ha espresso interesse a offrire trading di criptovaluta, mentre il NYSE ha espresso interesse per il trading di ETF bitcoin. La casa madre del NYSE, ICE, sta entrando in bitcoin swap e offre già un feed di dati criptovaluta.

Dalla fine dello scorso anno, i futures bitcoin sono stati scambiati su due mercati a termine consolidati, il Chicago Board Options Exchange (CBOE) e l’Exchange CME Group. Questi scambi pesantemente regolamentati risolvono molti dei problemi riscontrati nelle nuove piattaforme bitcoin, secondo Singh. “Poiché il future può essere scambiato su mercati regolamentati, attirerà gli investitori, rendendo il mercato liquido, stabilizzando i prezzi e soffrono di basse velocità di transazione di bitcoin”, ha detto, aggiungendo:” Se i prezzi si stabilizzano, potremmo iniziare a vedere più aziende che accettano bitcoin come modalità di pagamento, il che potrebbe portare ulteriore liquidità al mercato”.

William Vranos, CEO di Green Key Partners, una società di investimento con sede a New York, ha detto che il mercato dei futures è meglio attrezzato per gestire picchi di volume e che, poiché i trader a termine non possiedono bitcoin, non devono preoccuparsi del loro bitcoin verrà violato o rubato. Un contratto future impegna il suo proprietario a comprare o vendere una merce, una valuta o un indice di mercato sottostanti ad un prezzo prestabilito in una determinata data settimane o mesi in futuro.

Nella maggior parte dei casi il trader non prende mai possesso del grano, del petrolio greggio o del bitcoin oggetto del contratto. Invece, i guadagni o le perdite si riflettono nel prezzo variabile dei contratti stessi quando l’attività sottostante aumenta o diminuisce. Per chiudere una posizione, il trader vende il contratto o acquista un contratto di compensazione per trarre profitto dalla differenza tra il prezzo corrente di mercato e il uno il contratto originale specifica.

Un trader di bitcoin che mantiene un contratto fino alla fine riceve un pagamento in contanti per una vincita o deve chiedere una perdita. “Al momento ci sono una miriade di problemi nello scambio di criptovalute”, ha detto Kunal Desai, CEO di Bulls su CryptoStreet, un sito per la formazione in criptovalute. Uno dei principali pro del trading sui future bitcoin è quello di poter speculare sul suo prezzo senza dover affrontare le carenze dello spazio di scambio delle criptovalute”.

La maggior parte degli investitori individuali dovrebbe stare lontana dal mercato dei futures a causa della sua volatilità e complessità. In un Exchange di bitcoin, l’investitore commercia al prezzo pieno della moneta. Ad esempio, se il bitcoin è scambiato a $ 8.000, un investitore spende $ 8.000 su ogni moneta con un prezzo corrispondente a tale importo. La maggior parte dei contratti futures coinvolge la leva finanziaria, consentendo al trader di mettere solo una piccola parte del prezzo del bene, ma per il bitcoin questo “margine” è insolitamente alto, oltre il 40%.

Quindi l’investitore potrebbe controllare un bitcoin da $ 8.000 per poco più di $ 3200, più una piccola commissione per la transazione. Se il prezzo salisse del 12,5 percento a $ 9,000, il guadagno sarebbe il 32 percento della somma investita. Naturalmente, funziona anche nell’altro modo: la leva finanziaria amplifica le perdite quando le cose vanno male. “Il mercato dei futures può conquistare anche i trader più esperti, quindi quelli nuovi agli investimenti in bitcoin dovrebbero cercare di investire in scambi di bitcoin tradizionali “, ha affermato Andy LaPointe, fondatore del sito di formazione BitcoinLearningCenters.com. Alcuni broker di futures possono avere requisiti di margine maggiori e alcuni richiedono minimi elevati per aprire un conto, come $ 25.000 su TD Ameritrade.

Lo scambio di futures garantisce che gli operatori ottengano ciò che devono, ma possono chiedere più denaro da versare sul conto se la scommessa è una perdita di denaro. Questo è un rischio serio quando si specula su un asset volatile come il bitcoin, afferma LaPointe.

Quando acquisti su un Exchange di criptovalute, puoi pagare una piccola commissione sulla transazione, ma in seguito non avere costi per possedere la moneta per tutto il tempo che vuoi, rendendo più facile attendere le recessioni. Ma poiché i future scadono, il trader di futures che vuole una partecipazione a lungo termine deve continuamente acquistare nuovi contratti. Le commissioni possono sommarsi, anche se inizialmente non sono alte, arrivando a forse $ 100 per ogni $ 10.000 di scambi, secondo Michael Mollet, direttore dello sviluppo del prodotto al CBOE.

“Più lungo è il tuo orizzonte temporale più è probabile che comprando la moneta fisica e la tenuta sembreranno un po’ più allettanti” che usare i futures, ha detto il dirigente della CBOE.

Alcuni Exchange di bitcoin consentono ai titolari di conti di scommettere brevemente che il bitcoin diminuirà di valore. Ma l’investitore ordinario non può farlo con il bitcoin come con le azioni o con i fondi negoziati in borsa. Il corto è facile sui mercati dei futures, tuttavia, poiché il trader semplicemente compra un contratto per vendere un blocco di bitcoin al prezzo di oggi in futuro. Se funziona il prezzo cadrà e la scommessa pagherà la differenza.

“In generale, speculare attraverso i futures è stata una bella aggiunta per i trader”, ha detto Vranos. “Andare corti è molto più difficile da fare nei mercati a pronti”.

Gli Exchange di Bitcoin sono abbastanza facili da gestire se hai negoziato azioni, ma le borse future sono territorio alieno per molti investitori ordinari e richiedono una comprensione molto più approfondita dei problemi che determinano rischi e rendimenti, cose come il tempo di scadenza, la volatilità e le notizie del giorno.

I trader di futures devono essere sempre aggiornati sulla situazione ed essere pronti a comprare o vendere con un breve preavviso. Un altro aspetto negativo per i futures è che i trader che non posseggono bitcoin effettivo non ottengono la moneta gratuita emessa quando le “forchette” bitcoin, dice Nick Spanos, CEO del Bitcoin Center di New York City. La fork è una specie di divisione azionaria e si verifica quando viene soddisfatta una serie complessa di condizioni.

Ad esempio, il 1 ° agosto 2017, gli speculatori di bitcoin hanno ricevuto una unità di denaro in bitcoin per ogni bitcoin già posseduto. Il fork è avvenuto dopo che un certo numero di grandi giocatori chiamati “developers” hanno accettato di modificare l’algoritmo per velocizzare le transazioni man mano che il volume degli scambi cresceva. Oggi, la liquidità in bitcoin si aggira attorno ai $ 1,100, rispetto ai $ 7,000 del bitcoin stesso. La linea di fondo è che i mercati dei futures sono generalmente più adatti per gli investitori sofisticati che amano il rischio e che probabilmente comprano e vendono frequentemente.

Gli scambi a pronti sono migliori per gli investitori ordinari, anche se la maggior parte degli esperti sostiene che il bitcoin stesso è troppo rischioso per loro, indipendentemente da dove lo comprano. “Gli investitori che non vogliono investimenti volatili dovrebbero stare lontani da qualsiasi cosa abbia a che fare con bitcoin in generale” di Desai of Bulls su CryptoStreet.

Bitcoin, la ripresa potrebbe durare poco

Bitcoin (BTC) sta cercando di riprendere l’equilibrio dopo il calo ai minimi di due mesi di domenica, ma la ripresa sarà probabilmente di breve durata, come dimostrano i grafici tecnici. Nel momento in cui scriviamo, BTC sta cambiando mano a $ 6,825 su Bitfinex. Che corrisponde ad un + 3% dal minimo di due mesi di $ 6.619. La ripresa potrebbe essere associata a condizioni di ipervenduto estreme evidenziate ieri dall’indice di forza relativa (RSI) e potrebbe essere ulteriormente estesa nelle prossime 24 ore.

Tuttavia, incrociando $ 7.000 in modo convincente sarà più facile a dirsi che a farsi, poiché l’area attorno all’ostacolo psicologico è piena di importanti linee di resistenza tecnica. Inoltre, i grafici a lungo termine sono diventati ribassisti, quindi mantenere i guadagni sopra i $ 7.000 sarà una sfida per i tori di BTC. Quindi, la ripresa potrebbe rivelarsi, usando una metafora, il rimbalzo di un gatto morto. Ossia una ripresa temporanea in un mercato ribassista, seguito da una ripresa della tendenza al ribasso.

“La tendenza al ribasso iniziata agli inizi di maggio è ancora intatta e dovrà essere invertita per segnalare un miglioramento per BTC” ritiene Robert Sluymer, strategist tecnico presso Fundstrat Global Advisors. Per lui, $ 7.777 è il livello chiave che bitcoin dovrà superare per segnalare che è in corso un trend rialzista.

La criptovaluta è in calo di circa il 50% quest’anno e oltre il 60% del suo massimo storico a metà dicembre. Da allora, il bitcoin non ha raggiunto costantemente un livello tecnico noto come “Upper Bollinger Band”, ha affermato Frank Cappelleri, direttore esecutivo di Equity istituzionali a Nomura Instinet. Anche se il livello cambia, è rimasto vicino a $ 8,577 il lunedì mattina. Ciò significa che bitcoin dovrà guadagnare circa il 28% per un rally da tenere.

Il calo del weekend in bitcoin ha seguito le notizie in ritardo di un attacco su un Exchange sudcoreano relativamente piccolo che ha coinvolto criptomonete meno conosciute, e un rapporto del Wall Street Journal di venerdì sui regolatori statunitensi che indagano sulla potenziale manipolazione dei prezzi in alcuni importanti scambi di criptovalute. È importante che Bitcoin abbia un supporto di circa $ 6.747 questa settimana, ritiene Chris Kimble, CEO di Kimble Charting Solutions. Se fallisce, bitcoin potrebbe scendere a quasi $ 2,000, ha detto.

Exchange Coinrail, cosa è successo

L’Exchange di criptovalute sudcoreano Coinrail ha segnalato un attacco al suo sito web durante le prime ore del mattino del 10 giugno 2018. Gli Hacker presumibilmente hanno rubato oltre $ 40 milioni di altcoins e token assortiti. Gli executive hanno annunciato che circa il 30 percento dei token dell’Exchange sono stati derubati, che ammontavano a circa $ 20 milioni di gettoni NPXS (Pundi X), $ 14 milioni di Aston X, $ 6 milioni in gettoni per Dent e oltre $ 1 milione TRON.

Nel momento della scrittura, è in corso un’indagine, e gli agenti delle forze dell’ordine stanno lavorando per capire chi c’era dietro l’attacco. Coinrail afferma: “Il settanta per cento delle riserve totali di monete e gettoni è stato conservato in sicurezza e spostato su un wallet freddo (che in gergo significa non connesso a Internet). Due terzi delle criptovalute rubate sono stati ritirati o congelati in collaborazione con gli Exchange e le società di emissione.

Per il resto, stiamo esaminando con un’agenzia investigativa, Exchange correlati e sviluppatori di criptomonete.”

Il volume di scambi giornalieri di Coinrail è di circa $ 2,5 milioni. Sebbene sia tecnicamente uno dei più piccoli Exchange di valuta digitale, Coinrail è ancora tra i primi 100 in tutto il mondo secondo Coinmarketcap.com. Tuttavia, Kim Jin-Hwa della Korea Blockchain Industry Association descrive la compagnia come un “palyer minore” e afferma di poter “vedere come tali Exchange con standard più bassi sui livelli di sicurezza possono essere esposti a più rischi.”

Furto su Coinrail: il quinto del 2018

L’hack di Coinrail è il quinto furto maggiore quest’anno. I problemi sono iniziati a gennaio, dopo che quasi mezzo miliardo di criptovalute sono stati rubati dal famoso Exchange giapponese Coincheck. BitGrail in Italia è stato colpito a febbraio, il che ha comportato la scomparsa di oltre 200 milioni di dollari di criptovaluta in pochi minuti. Coinsecure è stata la terza vittima e ha visto oltre 3 milioni di dollari di bitcoin rubati dal suo portafoglio lo scorso aprile. Inoltre, un attacco si è verificato proprio la scorsa settimana su Shopin in Giappone, un profilo di shopper universale con sede in Giappone. Uno dei distributori di gettoni dell’azienda è stato recentemente hackerato e ha visto svanire all’incirca $ 10 milioni in token assortiti.

Il responsabile del distributore ha mantenuto tutti i token nel wallet a caldo nonostante gli avvertimenti dei dirigenti Shopin, che affermano di aver persino inviato video istruttivi sui tipi di wallet che dovrebbero essere utilizzati. “Gli investitori sono stati sempre più preoccupati per i problemi di cybersicurezza”, afferma Adrian Lai, fondatore partner della società di investimenti Orichal Partners con sede a Hong Kong. “In questa fase, ovviamente, lo standard non è abbastanza alto.”

Attualmente il sito è chiuso con un avviso sulla propria Home page. Come potete constatare qui. L’attacco a Coinrail ci ricorda ancora una volta di quanto occorra essere prudenti al massimo e di trasferire i propri token dagli Exchange a Wallet “freddi”, ossia non connessi a internet. Come i software scaricabili sul proprio Pc, le pennette o i wallet cartacei. Inoltre, il relativo crollo del Bitcoin ci ricorda anche come i prezzi delle criptovalute siano volatili.

Oltre al Bitcoin, la notizia ha ovviamente coinvolto anche le altre criptovalute. Con Ethereum che è sceso da circa $ 602 a $ 521. Le principali criptovalute sono comunque tutte in ripresa, ma la domanda è: quanto durerà?

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY