Token e criptovalute: qual è la differenza?

Cosa sono i Token? Cosa sono le criptovalute? Qual è la differenza tra Token e criptovalute? Sono domande che sempre più italiani si stanno ponendo, alla luce del successo delle criptovalute. Un successo anche pericoloso, visto che in tanti puntano ad investirci su senza però avere le dovute conoscenze in materia. Attirati da dispositivi elettronici che ne hanno facilitato il trading, ovunque ci si trovi.

Un grande passo in avanti è stata ad esempio la messa al bando delle opzioni binarie, le quali, per la loro estrema facilità, hanno fatto bruciare in egual modo migliaia di euro alle persone. Importante è dunque la formazione teorica, ma anche quella pratica tramite un Conto demo fatto di soldi virtuali che in quanto tali permettono all’utente neofita di poter sbagliare senza incorrere in danni economici. O all’utente più esperto di provare nuove strategie sempre senza subire perdite.

Vediamo dunque cosa sono le criptovalute e cosa sono i token, e cosa li differenzia.

Sommario

Token cosa sono

Cosa sono i Token? I token sono una rappresentazione di una particolare risorsa o utilità, che di solito risiede sopra un’altra blockchain. I token possono rappresentare praticamente tutti i beni che sono fungibili e commerciabili, dalle materie prime ai punti fedeltà fino ad altre criptovalute. La creazione di token è un processo molto più semplice in quanto non è necessario modificare i codici da un particolare protocollo o creare una blockchain da zero. Tutto quello che devi fare è seguire un modello standard sulla blockchain – come sulla piattaforma Ethereum o Waves – che ti permette di creare i tuoi token.

Questa funzionalità di creazione di token personali è resa possibile dall’utilizzo di contratti intelligenti (i cosiddetti smart contract); codici computer programmabili che sono autoeseguibili e non necessitano di terze parti per funzionare.

I token vengono creati e distribuiti al pubblico attraverso una Initial Coin Offering (ICO), che è un mezzo di crowdfunding, attraverso il rilascio di una nuova criptovaluta o token finanziare lo sviluppo del progetto. È simile a un’offerta pubblica iniziale (IPO) per gli stock, con distinzioni critiche che sono spiegate nell’articolo Ipococrisi ICO vs IPO azionario: qual è la differenza? Molti sono pazzi per le ICO perché rappresentano un ottimo modo per identificare progetti interessanti.

Token come funzionano

Attualmente ci sono più di 1.000 monete disponibili su diverse piattaforme, con altre centinaia in fase di quotazione in borsa . È importante capire che non tutte le criptovalute hanno la loro blockchain, dato che la maggior parte viene pubblicata su un’altra Blockchain. Un buon esempio sono i token ERC-20, che rappresentano uno standard di interoperabilità all’interno di Ethereum Blockchain. Ethereum è una blockchain per scopi generali in cui diversi token possono essere emessi sulla sua blockchain senza creare la propria infrastruttura.

Per partecipare a un ICO è necessario inviare BTC o ETH dai propri portafogli personali e privati. I portafogli sono quelli digitali, definiti wallet. Se li invii da un Exchange, non riceverai i token ICO poiché il trasferimento proviene dal wallet dell’Exchange e tecnicamente non possiedi alcun wallet in un exchange.

Raccomandiamo l’uso di Ether come criptovaluta di base in quanto molte monete ICO sono conformi allo standard Ethereum chiamato ERC 20 e il portafoglio più conveniente è MyEtherWallet (MEW ). In alternativa, puoi anche aprire un portafoglio software Bitcoin gratuito.

Ricordiamo che un wallet è un programma software che memorizza le tue monete. Più tecnicamente, è un programma software che memorizza le tue chiavi private e pubbliche (vengono in coppia), consentendo di inviare e ricevere monete attraverso la blockchain, oltre a monitorare il tuo equilibrio. Prima di tutto, i portafogli digitali sono molto diversi rispetto al tuo portafoglio fisico. Invece di immagazzinare denaro, i portafogli digitali memorizzano le chiavi private e pubbliche. Le chiavi private sono come il tuo numero PIN per accedere al tuo conto bancario, mentre le chiavi pubbliche sono simili al tuo numero di conto bancario. Quando invii Bitcoin, stai inviando VALORE sotto forma di transazione, trasferendo la proprietà della tua moneta al destinatario.

Affinché il destinatario possa spendere il Bitcoin appena trasferito, le sue chiavi private devono corrispondere all’indirizzo pubblico a cui hai inviato i Bitcoin. La proprietà delle tue chiavi private ti dà il controllo totale sui fondi associati alle tue chiavi pubbliche corrispondenti. Ecco perché è fondamentale assicurarsi che le tue chiavi private siano nascoste segretamente in modo che SOLO tu conosca le tue chiavi private. Se qualcun altro prende possesso delle tue chiavi private, avrà il controllo sulle tue monete.

È altrettanto importante avere un back-up delle chiavi private, in modo da proteggersi da perdite accidentali. Perderai anche i tuoi fondi se non riesci a recuperare le tue chiavi private perse.

I wallet possono essere di diversi tipi: software scaricabili, siti internet, penne o cartacei. Per un approfondimento.

Criptovalute cosa sono

Cosa sono le criptovalute? Le criptovalute sono valute digitali o virtuali che sono criptate (protette) usando la crittografia. La crittografia si riferisce all’uso di tecniche di crittografia per proteggere e verificare il trasferimento di transazioni. Bitcoin rappresenta la prima criptovaluta decentralizzata, che è alimentata da un libro mastro pubblico che registra e convalida tutte le transazioni cronologicamente, chiamato Blockchain.

Sebbene esistano molte criptovalute prima del Bitcoin, la sua creazione segna un’importante pietra miliare nel regno delle valute digitali, grazie alla sua natura distribuita e decentralizzata. La creazione di Bitcoin ha accelerato l’espansione di un ecosistema lussureggiante e diversificato di altre monete e token, che sono spesso considerati come criptovalute in generale, anche quando la maggior parte di esse non rientra nella definizione di “valuta”.

Per capire la proposta di valore delle criptovalute, dobbiamo prima capire questi problemi specifici che risolvono. La finanza moderna è infranta. Basta chiedere a qualsiasi banchiere che conosci se capisce da dove viene la valuta del suo paese. Il dollaro USA, il “gold standard” delle partecipazioni in valuta estera, era ancorato ai veri lingotti d’oro detenuti dal Tesoro degli Stati Uniti; c’era un bene sottostante che era legato al suo valore. Tuttavia, nel 1971, il rapporto tra l’oro e il dollaro USA fu tagliato. È interessante notare che dal divorzio metaforico del valore dell’oro e del dollaro USA, entrambe le attività hanno avuto una relazione inversa. In assenza del gold standard, non c’è modo di proteggere i risparmi dalla confisca attraverso l’inflazione. Non esiste un deposito sicuro di valore. Lo diceva in tempi non sospetti Alan Greenspan, presidente della Federal Reserve degli Stati Uniti, dal 1987 al 2006.

Ciò che è ovviamente terrificante, tuttavia, è che l’intero settore finanziario si basa sulle ipotesi di prezzo, offerta e domanda, e non dal valore intrinseco. Quindi, da dove viene presa la valuta? Chris Mayer ha dato una risposta: il credito d’imposta. I governi non sono in grado di finanziare la propria spesa con le sole entrate fiscali, quindi stampano più denaro per compensare il deficit che hanno. Tuttavia, se si stampa denaro all’infinito, si abbassa il valore della propria valuta creando un aumento senza fine nell’offerta, abbassando così il prezzo. Non c’è nulla che impedisca ai cittadini, alle aziende e ai commercianti di forex di svendere la tua valuta inutile in cambio di qualcosa che potrebbe servire da migliore riserva di valore (ad esempio beni di prima necessità o materie prime o anche altre valute e trading con quello).

Non dobbiamo guardare lontano per questi esempi; nei paesi del terzo mondo come la Cambogia o il Vietnam, l’USD è ampiamente accettato e persino preferito dalle imprese, nonostante ogni paese abbia le proprie valute rispettivamente di Riel e Dong. O in passato, quando episodi di iperinflazione dovuti a eccessiva stampa di denaro, come nel caso della Repubblica di Weimar, la gente si è rivolta a usare le sigarette americane come moneta. Il governo degli Stati Uniti ha una tecnologia, chiamata stampa (o oggi, la sua equivalente elettronico), che gli consente di produrre quanti più dollari USA desidera a costo zero. Ben Bernanke, presidente della Federal Reserve 2006-2014, per garantire che i cittadini e le imprese continuino a utilizzare la valuta locale come moneta a corso legale i governi usano un trucco. Esigono pagamenti per le passività fiscali nella valuta del proprio paese.

Poiché la tassazione spesso si ridimensiona proporzionalmente all’ammontare dei profitti realizzati da società o individui, è quindi opportuno raccogliere il pagamento in quella valuta specifica anziché rivolgersi a un’alternativa. Le passività fiscali danno valore in valuta: tutto il denaro legale, o denaro emesso da governi che non possiedono un valore intrinseco, serve essenzialmente come credito d’imposta. Non è tutto, tuttavia, la finanza è più che solo i governi e il denaro che emettono da soli.

Il denaro non può esistere nel vuoto senza un ecosistema di servizi finanziari. Tutto questo perché il denaro deve avere alcune caratteristiche (per essere considerato denaro) che richiedono l’esistenza di banche: Mentre possiamo accettare che le banconote in dollari nei nostri portafogli siano rispettabilmente durevoli, portatili, divisibili, uniformi e accettate, sappiamo tutti che non è infinitamente così. Dopo aver attraversato le mani sufficienti, il dollaro inizierà a soffrire di usura. C’è un limite al numero di biglietti da un dollaro che puoi portare a te in un viaggio al mercato o per fare un esempio estremo, comprare una casa. C’è un limite al numero di commercianti disposti ad accettare 100 centesimi come un dollaro indipendentemente dal loro uguale valore. A causa di ristampe e diversi anni di conio, non tutti i biglietti da un dollaro si assomigliano e, ultimo ma non meno importante, se hai avuto esperienza con banconote da 2 dollari USA, banconote da 50 sterline inglesi o banconote da 500 euro, sapresti universalmente accettabile non è vero, figuriamoci usare la valuta domestica in un altro paese.

Quindi, l’unico modo in cui possiamo effettivamente utilizzare grandi quantità di denaro, ma che consente di accettarle universalmente e di fare transazioni, è avere un provider di archiviazione affidabile. In altre parole: la banca. La banca agisce come provider di servizi di archiviazione di fiducia che ci forniscono altri servizi come la fornitura di note di credito o addebiti diretti ai fornitori di beni e servizi. Ci permettono di immagazzinare grandi quantità di denaro che saremmo fisicamente incapaci o sarebbero irragionevolmente difficili da immagazzinare. Senza la preoccupazione che loro possano scappare con i nostri soldi, giusto? Ed invece è sbagliato.

Le banche sono, sfortunatamente, entità che massimizzano il profitto, a cui ci affidiamo per gestire i nostri soldi. Ci affidiamo a loro per non abusare dei fondi che conserviamo con loro, e non per svilire la valuta. Ma aspettate, se sono entità che massimizzano il profitto, non significa che avremmo bisogno di pagarli per i loro servizi? “Non è dalla benevolenza del macellaio, del birraio o del fornaio che ci aspettiamo per la cena, ma dal loro riguardo al proprio interesse” diceva Adam Smith. Se solo fosse così semplice.

La verità è che non esistevano servizi puramente monetari, tranne che nell’impero romano; monasteri, monache e templi offrivano servizi di deposito per denaro e oggetti di valore in tempo di guerra. Il tipo originario di banche si è evoluto principalmente da prestatori di denaro che hanno richiesto fondi per gestire le proprie attività o funzionari governativi che forniscono terreni ai propri servi per l’agricoltura. I prestiti e le banche sono stati intrecciati sin dal loro concepimento. In altre parole, le banche non ti addebiteranno la somma di denaro che conserverai con loro perché ciò diminuirebbe i tuoi risparmi complessivi nel tempo, che è esattamente quello che stai cercando di evitare.

Invece, ti offriranno anche interesse per mantenere i tuoi fondi con loro, sulla premessa che hai bisogno di fidarti di loro per garantire i tuoi fondi, sapendo che stanno per condurre prestiti con i tuoi soldi. Quindi, come entità che massimizzano il profitto, l’intero scopo delle banche è quello di far soldi con i vostri soldi. Come? Creando nuovi soldi.

Bene, sì e no. Il modo in cui le banche creano denaro non è tramite la stampa, il modo in cui creano denaro è tramite debito. I prestiti non esistono nel vuoto; a meno che non provengano da familiari o amici, i prestiti molto probabilmente hanno un elemento di interesse per loro. Archiviando denaro in una banca, lo sei anche tu, fornendo alla banca un prestito. Uno di durata sconosciuta alla banca, in quanto è possibile ritirare il proprio denaro in qualsiasi momento. Questo è il motivo della riduzione dei tassi di interesse sui conti di risparmio rispetto ai prestiti, in quanto i prestiti da banche a imprese o privati hanno una clausola sorta per un periodo massimo di rimborso. L’interesse sui prestiti è una forma di creazione di denaro, poiché i prestiti stessi possono essere impacchettati in diversi strumenti finanziari e rivenduti, creando denaro laddove non esisteva in primo luogo; questo è stato esattamente quello che è successo nella crisi dei mutui subprime 2008.

A proposito, abbiamo visto più e più volte che non possiamo fidarci delle banche: la crisi finanziaria asiatica del 1997, la bolla Dotcom del 2001 e, più recentemente, il mutuo subprime del 2008. Crisi che hanno portato direttamente alla crisi del debito sovrano europeo del 2010. Ogni volta causato dalle banche e dall’industria finanziaria che abusano della fiducia che riponiamo in loro. Tuttavia, quando si tratta di valuta fiat, non abbiamo altra scelta che usare le banche, perché nessun’altra istituzione è così saldamente radicata nell’economia mondiale.

Ed ecco che subentrano le criptovalute. Diceva Satoshi Nakamoto, inventore ancora ignoto del Bitcoin: “il problema principale con la valuta convenzionale è tutta la fiducia necessaria per farlo funzionare. La banca centrale deve essere attendibile per non svilire la valuta, ma la storia delle valute legali è piena di violazioni di tale fiducia. Le banche devono essere attendibili per tenere i nostri soldi e trasferirli elettronicamente, ma li prestano in ondate di bolle di credito con appena una frazione di riserva. Dobbiamo fidarci di loro con la nostra privacy, fidandoli di non permettere ai ladri di identità di svuotare i nostri conti”.

La criptovaluta nasce con lo scopo di restituire potere ai suoi possessori, rendere l’economia democratica e decentralizzata. Se poi ci sia davvero riuscita, ciò merita ulteriori approfondimenti.

Criptovalute come funzionano

Come funzionano le criptovalute? Per capire come funziona la criptovaluta, dovrai imparare alcuni concetti di base. In particolare:

  • Ledger pubblici: tutte le transazioni confermate dall’inizio della creazione di una criptovaluta vengono archiviate in una contabilità pubblica. Le identità dei possessori di monete sono criptate e il sistema utilizza altre tecniche crittografiche per garantire la legittimità della tenuta dei registri. Il libro mastro garantisce che i corrispondenti “portafogli digitali” possano calcolare un saldo spendibile preciso. Inoltre, è possibile controllare nuove transazioni per garantire che ogni transazione utilizzi solo monete attualmente di proprietà dello spender. Bitcoin chiama questo libro mastro pubblico una “catena di blocchi di transazioni”.
  • Transazioni: un trasferimento di fondi tra due portafogli digitali è chiamato transazione. Tale transazione viene sottoposta a un registro pubblico e attende la conferma. I portafogli utilizzano una firma elettronica crittografata quando viene effettuata una transazione. La firma è un dato crittografato chiamato firma crittografica e fornisce una prova matematica che la transazione proviene dal proprietario del portafoglio. Il processo di conferma richiede un po ‘di tempo (dieci minuti per bitcoin) mentre il “minatore” è mio. Mining conferma le transazioni e le aggiunge al libro mastro pubblico.
  • Mining: Il processo di mining è il processo di conferma delle transazioni e di aggiunta a un registro pubblico. Per aggiungere una transazione al libro mastro, il “minatore” deve risolvere un problema computazionale sempre più complesso (come un puzzle matematico). L’attività mineraria è open source in modo che chiunque possa confermare la transazione. Il primo “minatore” per risolvere il puzzle aggiunge un “blocco” di transazioni al libro mastro.

Il modo in cui le transazioni, i blocchi e il blockchain pubblico funzionano insieme assicurano che nessuno possa facilmente aggiungere o modificare un blocco a piacimento. Una volta aggiunto un blocco al libro mastro, tutte le transazioni correlate sono permanenti e aggiungono una piccola commissione di transazione al portafoglio del minatore (insieme alle monete appena create). Il processo di estrazione è ciò che dà valore alle monete ed è noto come un sistema di prova del lavoro.

Criptovalute e token differenze

Quali sono le differenze tra criptovalute e token? La principale differenza tra criptovalute e token è nella loro struttura. Le criptovalute sono valute separate con una propria blockchain separata, mentre i token operano su una blockchain che facilita la creazione di applicazioni decentralizzate.

Altcoin cosa sono

Cosa sono le altcoin? Occorre distinguere questa altra sottocategoria di criptovaluta. Le monete alternative di criptovaluta sono anche chiamate altcoin o semplicemente “coins”. Sono spesso usati in modo intercambiabile. Altcoin si riferisce semplicemente alle monete che sono un’alternativa al Bitcoin. La maggior parte degli altcoin è una variante (bitcoin) di Bitcoin, costruita utilizzando il protocollo originale open source di Bitcoin con modifiche ai codici sottostanti, quindi concependo una moneta completamente nuova con un diverso set di funzionalità.

Esempi di altcoin che sono varianti dei codici Bitcoin sono Namecoin, Peercoin, Litecoin, Dogecoin e Auroracoin.

La fork del software si verifica quando c’è un cambiamento nel protocollo di programmazione sottostante, risultante nella “forking” o nella divisione della blockchain originale. Ciò di solito porta alla creazione di una nuova moneta. Esistono diversi tipi di forche come forchetta rigida, forcella morbida o forcella accidentale. Esistono altri altcoin che non derivano dal protocollo open source di Bitcoin. Piuttosto, hanno creato la loro Blockchain e il protocollo che supporta la loro valuta natia. Esempi di queste monete includono Ethereum, Ripple, Omni, Nxt, Waves e Counterparty. Una comunanza di tutti gli altcoin è che ognuno di essi possiede la propria blockchain indipendente, dove si verificano transazioni relative alle loro monete native.

Il primo Altcoin è stato Namecoin , che è stato creato nell’aprile 2011. È un sistema di registrazione e trasferimento delle informazioni open source decentralizzato.

Token e Coins non sono criptovalute

Occorre poi sottolineare che Token e Coins non sono criptovalute, anche se spesso vengono erroneamente fatte rientrare in questa categoria. È importante notare che tutti i coins o i token sono considerati come criptovalute, anche se la maggior parte delle monete non funziona come valuta o mezzo di scambio. Il termine criptovaluta è un termine improprio poiché una valuta rappresenta tecnicamente un’unità di conto, un deposito di valore e un mezzo di scambio. Tutte queste caratteristiche sono intrinseche a Bitcoin, e poiché lo spazio di criptovaluta è stato avviato dalla creazione di Bitcoin, qualsiasi altra moneta concepita dopo Bitcoin è generalmente considerata come una criptovaluta, sebbene la maggior parte non soddisfi le suddette caratteristiche di una valuta reale.

Token e criptovalute differenza: l’esempio di Ethereum

Per un principiante, l’intero concetto di Ethereum token ed Ethereum può essere confuso facilmente. L’idea che Ethereum non abbia solo la sua valuta (Ether) ma ha anche dei token che possono agire da soli come valuta, può essere un po’ sconvolgente. Prima ancora di iniziare a capire cosa sono i token di Ethereum, è importante cogliere alcuni concetti di base.

L’intera rete Ethereum è una gigantesca massa di nodi (computer) collegati l’uno all’altro. Infatti, l’intera rete può essere visualizzata come una singola entità chiamata “Ethereum Virtual Machine” o EVM in breve. Tutte le transazioni avvenute e che si verificheranno in questa rete verranno automaticamente aggiornate e registrate in un registro aperto e distribuito. Quindi qual è il vantaggio di questo? Prima di spiegare che è importante sapere cos’è un “contratto intelligente”.

Gli smart contracts sono come le cose vengono fatte nell’ecosistema Ethereum. Quando qualcuno vuole svolgere un compito particolare in Ethereum, avvia un contratto intelligente con una o più persone. I contratti intelligenti sono una serie di istruzioni, scritte utilizzando il linguaggio di programmazione “Solidity”, che funziona sulla base della logica IFTTT, ovvero della logica IF-THIS-THEN-THAT. Fondamentalmente, se la prima serie di istruzioni viene eseguita, esegue la funzione successiva e successivamente quella successiva e continua a ripetere fino a raggiungere la fine del contratto.

Il modo migliore per capire questo è immaginando un distributore automatico. Ogni passo che fai agisce come un innesco per il prossimo passo per eseguire se stesso. È un po come l’effetto domino. Quindi, esaminiamo i passaggi che verranno intrapresi durante l’interazione con il distributore automatico:

Passo 1: dai un po ‘di soldi al distributore automatico

Passo 2: premi il pulsante corrispondente all’elemento desiderato

Passo 3: L’oggetto viene fuori e tu lo raccogli.

Ora guarda tutti quei passaggi e pensaci. Qualcuno dei passaggi funzionerà se il precedente non è stato eseguito? Ognuno di questi passaggi è direttamente correlato al passaggio precedente. C’è un altro fattore a cui pensare, ed è parte integrante dei contratti intelligenti. Vedete, nell’intera interazione con il distributore automatico, voi (il richiedente) state solo lavorando con la macchina (il fornitore). Non c’erano assolutamente terze parti coinvolte.

Quindi, ora, come sarebbe stata questa transazione se fosse avvenuta nella rete Ethereum? Supponiamo che tu abbia appena comprato qualcosa da un distributore automatico nella rete Ethereum, come saranno i passaggi?

  • Passo 1: dai un po ‘di soldi al distributore automatico e questo viene registrato da tutti i nodi della rete Ethereum e la transazione viene aggiornata nel libro mastro.
  • Passo 2: premi il pulsante corrispondente all’elemento che desideri e registra quello viene aggiornato nella rete e nel registro di Ethereum.
  • Passaggio 3: l’elemento viene fuori e viene raccolto e viene registrato da tutti i nodi e il libro mastro.

Ogni transazione effettuata tramite i contratti intelligenti verrà registrata e aggiornata dalla rete. Ciò che fa è che mantiene tutte le persone coinvolte nel contratto responsabili delle loro azioni. Elimina la malvagità umana rendendo ogni azione visibile all’intera rete. Ma, detto questo, ciò che principalmente incentiva queste persone a realizzare comunque la loro parte del patto? Cosa ottengono aiutando i richiedenti? È qui che entra Ether.

Ogni singolo passo in un contratto intelligente è una transazione o un calcolo complesso e avrebbe un costo che viene misurato in “gas”. Il prezzo di questo gas è pagato dal richiedente in “Ether”. L’etere è la valuta con cui tutto corre nell’Ethereum. Quando le persone parlano di ETH ed ETC, in realtà stanno parlando del valore dell’Etere nella loro rispettiva blockchain.

Cosa succede quando l’offerta di Ether si esaurisce nel bel mezzo del contratto? Se non hai l’Ether richiesto per tutti i pagamenti del gas, allora tutte le transazioni che hanno già avuto luogo durante il corso torneranno allo stato originale. Ma il tuo Ether wallet rifletterà ancora il cambio di equilibrio poiché tutte le transazioni effettuate nella blockchain sono irreversibili.

La differenza principale tra Ethereum e qualsiasi altra criptovaluta è che non è solo una valuta, è un ambiente. Qui chiunque può sfruttare la tecnologia blockchain per costruire i propri progetti e DAPPS (applicazioni decentralizzate) attraverso contratti intelligenti. Questa è una distinzione molto importante perché proprio questa cosa ti mostra la vera portata di ciò che è possibile in Ethereum.

Pensa a Ethereum come a Internet e a tutti i DAPPS come siti web che lo eseguono. C’è qualcosa di veramente interessante in questi DAPPS, sono tutti decentralizzati e non di proprietà di un individuo, sono di proprietà delle persone. Il modo in cui accade è di solito una vendita di massa chiamata “ICO” (ne parleremo più avanti). Fondamentalmente, compri determinati token di quel DAPP in cambio del tuo ether.

Questi token sono generalmente di 2 varietà: token di utilizzo e token del lavoro.

  • Token di utilizzo: questi sono i token che si comportano come valuta nativa nei rispettivi DAPPS. Golem è un buon esempio di questo. Se si desidera utilizzare i servizi in Golem, sarà necessario pagare con Golem Network Token (GNT). Sebbene questi token abbiano un valore monetario, non ti conferiscono particolari diritti o privilegi all’interno della rete stessa.
  • Token di lavoro: questi sono i token che ti identificano come una sorta di azionista nel DAPP. Per questo motivo, hai voce in capitolo nella direzione che prende DAPP. Un perfetto esempio di questo è il token DAO. Se tu fossi un detentore di token DAO, avresti il diritto di votare se un particolare DAPP potrebbe ottenere finanziamenti dal DAO o meno.

In questo momento ti starai chiedendo, se tutti questi DAPPS sono fatti in Ethereum Network, allora perché non usiamo semplicemente Ether per pagare ogni transazione all’interno di quei DAPPS? Perché abbiamo bisogno di una valuta nativa per loro? La risposta a questo è piuttosto semplice, anche nella vita reale, ci sono un sacco di posti in cui usiamo una forma di token in contanti.

Ricordi quella volta che sei andato al parco acquatico? Ricorda come hanno preso i tuoi soldi e ti hanno legato una fascia attorno al polso che hai usato per accedere a tutte le giostre del parco e per comprare anche il cibo? In questo esempio il parco acquatico è il DAPP, i tuoi soldi sono etere e la band è il token. Okay, che ne dici del tempo in cui hai comprato quei biglietti per Wonder Woman e hai incluso un popcorn e una coca in più nel tuo biglietto? Nel momento in cui sei entrato nel teatro come sei arrivato nella hall? Hai mostrato loro il biglietto. Come hai comprato il tuo popcorn e la coca? Ancora una volta, mostrando loro il biglietto. In questo caso, il cinema è il DAPP, i tuoi soldi sono Ether e il ticket è il token. Utilizzando i token per eseguire determinate funzioni nel contratto intelligente di DAPPS, il processo diventa molto più semplice e senza interruzioni. Inoltre, i token sono anche ottimi per il valore complessivo dell’ether.

Token, quale futuro?

I token crittografici sono attualmente di nicchia e controversi. Se però le tendenze attuali continuano, saranno presto viste come una svolta nella progettazione e nello sviluppo di reti aperte. Ciò è possibile combinando i benefici sociali dei protocolli aperti con i vantaggi finanziari e architettonici delle reti proprietarie. Sono anche uno sviluppo estremamente promettente per coloro che sperano di mantenere Internet accessibile a imprenditori, sviluppatori e altri creatori indipendenti.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY