Titolo Mediaset perde in borsa: apertura negativa a causa di “Vivendi”

titolo mediaset perde

Il titolo Mediaset perde in borsa, al momento siamo attorno al -4,4% esattamente alle ore 10.35 del 20 ottobre. L’apertura così in negativo sembra essere dovuta alla chiusura di eventuali accordi amichevoli tra la società milanese e Vivendi, che aveva avanzato a suo tempo una proposta per premium.

Titolo Mediaset perde in borsa: quali sono le cause di questa apertura così negativa?

Vivendi aveva stipulato un contratto vincolante la scorsa primavera con la società del biscione, per prendersi parte di premium e poi cercare di spingere per la ripresa. La comunicazione successiva, di venire meno a quanto stabilito, ha immediatamente fornito a Mediaset un punto d’appiglio perfetto per una causa legale, sperando così di vincere e di “tappare” le perdite proprio per la mancata risoluzione contrattuale. Inoltra ha anche spinto per riprendersi parte delle proprio azioni investite nel portafoglio dell’azienda francese. Questo comportamento a quanto pare ha offeso i francesi che a questo punto hanno deciso di chiudere eventuali trattative amichevoli. titolo mediaset perdeOltre a ciò, anche il fatto che secondo gli azionisti di maggioranza di Mediaset si possa raggiungere break-even entro il 2018, mentre per Vivendi, raggiungere il pareggio di bilancio per quella data è assolutamente impossibile, ma bisogna attendere almeno il 2020. Questo li ha lasciati supporre che l’errata stima sia stata fatta solo per spingere di più alla risoluzione del contratto. Questi dunque, i motivi principali che hanno spinto in discesa all’apertura il titolo milanese in borsa.

Dichiarazioni di Pier Silvio Berlusconi visto che il titolo Mediaset perde in borsa

Pier Silvio Berlusconi, l’amministratore delegato di Mediaset, sembra essere rimasto sorpreso da questo tonfo visto che lui stessa era ben consapevoli, così com’era noto ai più, di questo mancato accordo con Vivendi. Adesso piuttosto bisognerà aspettare in questa sorta di “titubanza” azionaria, almeno fino al 8 di novembre, data in cui è stata fissata l’udienza tra Mediaset e Vivendi.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY