Titolo Deutsche Bank apre in calo del 3,5%

titolo Deutsche Bank

Questa mattina il titolo Deutsche Bank apre in negativo a Francoforte del -3,5% portando il prezzo di un’azione a 11,74 euro. Calo dovuto al mancato accordo non raggiunto tra il CEO della banca tedesca, John Cryan e il dipartimento di giustizia americano, richiedente ben 14 miliardi di dollari verso la controparte, per aver venduto obbligazioni legate ai mutui subprime.

Il CEO negoziando aveva cercato di far scendere la cifra a 5,5 miliardi di dollari, ma probabilmente durante l’ultimo viaggio non è riuscito a confermare la trattativa. Le azioni del titolo Deutsche Bank sono scese sotto quota 10 euro la scorsa settimana proprio per rilanciare su questo accordo inferiore, ma probabilmente la strategia non ha funzionato e se confrontiamo il tutto con i prezzi delle stesse azioni di inizio gennaio, possiamo assistere ad un calo del 43%.

Come si pensa di reperire tale somma per il titolo Deutsche Bank?

Diverse le presunte “strategie” prospettate. Innanzitutto secondo il quotidiano tedesco “Bild”, sembra che la banca voglia far causa e rivalersi sui due ex CEO, Anshu Jain e Josef Ackermann, oltre a ciò, verrà effettuato un congelamento della liquidità utilizzabile come bonus per altri top manager.titolo Deutsche Bank

Il titolo Deutsche Bank riuscirà a resistere?

Sembrerebbe di sì, almeno dalle dichiarazioni rilasciate. A quanto pare, ora come ora, la banca tedesca non dispone di tale liquidità per pagare l’ammontare stabilito dal dipartimento di giustizia americano, ma il titolo Deutsche Bank, da sempre considerato forte, composto da 30 titoli di aziende tedesche a maggiore capitalizzazione, ha già una serie di investitori pronti ad aumentare le proprie quote per aiutare in questa situazione. Uno di questi è quello posseduto dalla famiglia reale del Qatar, che punta ad un aumento del 25%. Inoltre la banca ha già iniziato dei colloqui informali con società di Wall Street per richiedere degli aiuti finanziari.

Sembrerebbe che quest’anno proprio come nel 2008 e proprio come lo scorso anno, il titolo Deutsche Bank possa chiudere in negativo.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY