Tiffany: licenziato in tronco il nuovo Ad, Federic Cumenal

I risultati deludenti del 2016 hanno segnato le sorti del neo amministratore delegato di Tiffany & Co., Federic Cuneal, licenziato con effetto immediato.

Il colosso dei gioielli di lusso nell’attesa di trovare il sostituto di Cuneal, passerà di nuovo le redini al suo predecessore, Michael Kowalski, l’attuale presidente di Tiffany.

Federic Cuneal

Federic Cuenal, prima di entrare a far parte di Tiffany & Co., aveva guidato la divisione vini di Lvmh nel ruolo di CEO di Moet&Chandon. Nel 2011 arriva a Tiffany per seguire la distribuzione e le vendite della società, entrando nel CDA nel 2013, nonostante il suo curriculum di tutto rispetto, negli ultimi due anni i risultati finanziari sono stati deludenti, portando alla riorganizzazione di un piano aziendale efficiente, tra cui il sollevamento di Cuneal dalla posizione di Ad.

Non sono valse a nulla le sue giustificazioni, ovvero le continue manifestazioni contro il neo presidente Donald Trump, sulla Quinta strada a New York nella quale è presente il punto vendita di maggior successo.

Responsabilità: Tutti gli autori, i collaboratori e i redattori degli articoli pubblicati su webeconomia.it esprimono opinioni personali. Tutte le assunzioni e le conclusioni fatte nei post ed ulteriori analisi di approfondimenti sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime, indici) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e/o raccomandazioni all'investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di investimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali.

LEAVE A REPLY