Chi è Theresa May, la donna che ha in mano il destino della Gran Bretagna

Con la sincrasi Brexit (Britain e Exit) si intende il referendum con il quale i cittadini della Gran Bretagna hanno votato per il Leave (lasciare) il 23 giugno 2016. Sebbene lo abbiano fatto con un leggerissimo vantaggio sul Remain (rimanere). Ovvero, 51,9% contro il 49,1%.

Il voto è stato giudicato dagli analisti una sorta di protesta da parte delle periferie e di quelle zone che si sentono trascurate dal potere centrale. Basta vedere come si è distribuito il voto nella città più importante, Londra. O come sia andato in Scozia, dove ha prevalso nettamente il Remain. Scozia che solo 2 anni prima aveva indetto un referendum per uscire a sua volta dalla Gran Bretagna. Ma vinse il No.

Da quel momento, è partita una fitta trattativa tra Gran Bretagna e Unione europea, al fine di trovare un’uscita con tanto di Deal (ossia accordo). Poiché una uscita No-Deal comporterebbe una serie di problemi e perdite di diritti soprattutto per i cittadini britannici.

Peraltro, la Gran Bretagna era già con un piede fuori dall’Unione europea, visto che su molti settori ha sottoscritto negli anni accordi separati. Inoltre, non rientra nella moneta unica europea. Avendo preservato la propria sterlina.

La Brexit ha provocato scompiglio dapprima nel partito conservatore al governo, con le dimissioni del Premier David Cameron che ha voluto indire il voto al fine di recuperare le preferenze in suo favore ormai in caduta libera. Da febbraio 2016 aveva avviato un braccio di ferro con l’Ue, poi ha deciso di indire il referendum accogliendo la richiesta di vari movimenti e del partito di opposizione Partito per l’Indipendenza del Regno Unito (UKIP) di Nigel Farage. Ma egli stesso si era detto contrario all’uscita dall’Unione europea.

Sostituito dall’attuale Premier Theresa May. Ma anche nel Governo stesso, con le dimissioni a raffica di vari Ministri. Tra cui l’ex sindaco di Londra Boris Johnson. Strenuo sostenitore di una Brexit “Hard”.

Si è così andati avanti a colpi di proroghe dinanzi alle varie difficoltà di trovare un accordo. L’ultima è stata trovata in data 12 aprile. Ma si potrebbe spostare fino al 22 maggio. Intanto ci sono anche le elezioni parlamentari europee alle porte. E l’uscita della Gran Bretagna comporterà anche variazioni nella ripartizione dei seggi tra i Paesi. Insomma, un bel casino.

Nel vortice della trattativa c’è lei, Theresa May. Ecco un suo profilo.

Theresa May chi è

Theresa Mary May, nata Brasier il 1 ° ottobre 1956, è un politico britannico che ricopre il ruolo di primo ministro del Regno Unito e leader del partito conservatore dal 2016. Ha ricoperto il ruolo di ministro dell’Interno dal 2010 al 2016. May è stato eletto deputato al Parlamento per Maidenhead nel 1997.

Ideologicamente, si identifica come conservatrice di una nazione. May è cresciuta nell’Oxfordshire e ha frequentato il St Hugh’s College, a Oxford.

Dopo essersi diplomata nel 1977, ha lavorato per la Bank of England. Ha anche lavorato come consigliera per Durnsford a Merton. Dopo i tentativi infruttuosi di essere eletta alla Camera dei Comuni è stata eletta deputata per Maidenhead nelle elezioni generali del 1997. Dal 1999 al 2010, May ha ricoperto diversi ruoli in Shadow Cabinets. È stata anche presidente del partito conservatore dal 2002 al 2003.

Quando il governo di coalizione si è formato dopo le elezioni generali del 2010, May è stato nominato ministro degli Interni e Ministro per le donne e le equità, ma ha rinunciato a quest’ultimo ruolo nel 2012. Ha continuato a servire come segretario di casa dopo la vittoria conservatrice nelle elezioni generali del 2015, e divenne il segretario di casa più longevo in oltre 60 anni.

Durante il suo mandato ha perseguito la riforma della Federazione di Polizia, implementato una linea più dura sulla politica in materia di droga tra cui il divieto di khat, supervisionato l’introduzione di Commissari eletti della Polizia e del Crimine, la deportazione di Abu Qatada e la creazione dell’Agenzia nazionale per la criminalità, e nel luglio 2016, dopo che David Cameron si è dimesso, May è stato eletto Capo del Partito conservatore, diventando secondo Primo Ministro femminile britannico dopo Margaret Thatcher.

Come Primo Ministro, May ha iniziato il processo di ritiro del Regno Unito dall’Unione Europea, innescando l’articolo 50 nel marzo 2017. Il mese seguente, ha annunciato uno schiocco delle elezioni generali, con l’obiettivo di rafforzare la sua mano nei negoziati Brexit.

Ciò ha provocato un parlamento appeso, in cui il numero di seggi conservatori è sceso da 330 a 317, nonostante il partito abbia conquistato la più alta percentuale di voti dal 1983. La perdita di una maggioranza generale l’ha spinta ad entrare in un accordo di fiducia e fornitura con l’Unionista democratico Partito (DUP) per sostenere un governo di minoranza. Forse è sopravvissuto a un voto di sfiducia dai suoi stessi parlamentari nel dicembre 2018 e un voto parlamentare di sfiducia nel gennaio 2019.

May ha detto che non guiderà il suo partito alle prossime elezioni generali programmato per il 2022 ai sensi della legge sui parlamenti a tempo determinato, ma non ha escluso che lo conduca a elezioni anticipate.

May ha condotto i negoziati Brexit con l’Unione Europea, aderendo all’accordo Checkers, che ha portato alla bozza di Accordo di Prelievo tra il Regno Unito e l’UE.

Questo accordo è stato sconfitto dal Parlamento nel gennaio 2019 e i negoziati continuano a cercare di raggiungere un accordo. L’accordo rivisto da May fu sconfitto in Parlamento da 391 voti a 242. Nel marzo 2019, May si impegnò a dimettersi da Primo Ministro se il Parlamento approvasse il suo accordo sulla Brexit, per lasciare il posto a un nuovo leader nella seconda fase della Brexit.

Theresa May vita privata

May è stata sposata con Philip May, un responsabile delle relazioni di investimento attualmente impiegato da Capital International, dal 6 settembre 1980.

È opinione diffusa che l’ex primo ministro pakistano Benazir Bhutto abbia presentato i due durante il loro soggiorno a Oxford. May ha espresso rammarico per il fatto che lei e suo marito non siano stati in grado di avere figli.

I Mays sono escursionisti appassionati e trascorrono regolarmente le vacanze facendo escursioni nelle Alpi svizzere. May è anche un fan del cricket, affermando che Geoffrey Boycott era uno dei suoi eroi sportivi.

Le piace anche cucinare e ha detto che possiede 100 libri di cucina. Philip ha detto che “è un ottimo cuoco”.

May è un membro della Chiesa d’Inghilterra e regolarmente venerato in chiesa la domenica.

La figlia di un prete anglicano, il reverendo Hubert Brasier, May ha affermato che la sua fede cristiana “è parte di me, fa parte di ciò che sono e quindi di come affronto le cose”. May è noto per l’amore per moda, e in particolare di scarpe distintive; ha indossato scarpe con leopardate nel suo discorso ‘Nasty Party’ nel 2002, così come il suo ultimo incontro di Gabinetto come ministro degli Interni nel 2016. Su Desert Island Discs nel 2014, ha scelto un abbonamento a Vogue come suo oggetto di lusso.

Tuttavia, è stata critica nei confronti dei media che si sono concentrati sulla sua moda invece dei suoi risultati come politico. A May è stato diagnosticato il diabete mellito di tipo 1 nel novembre 2012. È trattata con iniezioni giornaliere di insulina.

LEAVE A REPLY