Telecom ricavi e margini in calo nel 2015

Telecom Italia ha archiviato il 2015 con ricavi in calo. Presentato il nuovo piano strategico al 2018: previsti 12 miliardi di euro di investimenti sul territorio nazionale.

Telecom risultati esercizio

Il gruppo Telecom Italia ha chiuso il 2015 con un totale di ricavi in flessione dell’8,6 per cento a quota 19,7 miliardi di euro sul precedente esercizio.

Il margine operativo lordo della società è diminuito del 17,9 per cento a quota 7 miliardi di euro mentre l’indebitamento finanziario netto rettificato è aumentato di 627 milioni di euro, raggiungendo quota 27,3 miliardi di euro.

Sulla base delle stime elaborate dai vertici del gruppo, l’esercizio 2015 dovrebbe essere mandato in archivio con un utile consolidato di 150 milioni di euro, in forte calo dai 1.350 milioni di euro dell’anno precedente.

Investimenti Italia

Telecom Italia ha annunciato che saranno circa 12 miliardi di euro gli investimenti che saranno attuati nel nostro paese. Oltre la metà saranno destinati ai segmenti 4G LTE, Cloud e piattaforme innovative.

Fra i principali obiettivi, infatti, l’ampliamento della banda ultralarga fissa in fibra ottica, per cui sono previsti impieghi per un ammontare di 3,6 miliardi di euro, e l’accrescimento della banda ultralarga mobile 4G LTE, a cui saranno destinati circa 1,2 miliardi di euro.

Al 31 dicembre 2018 il gruppo prevede raggiungere l’84 per cento della popolazione per quanto concerne la copertura con fibra ottica e il 98 per cento della abitanti con la rete mobile 4G LTE.

Ricavi Italia Brasile

I ricavi da servizi derivanti dal fisso sono risultati in calo del 2,8 per cento a quota 10,372 miliardi di euro.

Per quanto concerne invece i ricavi da servizi nel comparto Mobile, sono diminuiti del 2 per cento a quota 4,17 miliardi di euro.

I  ricavi derivanti dalla vendita di prodotti sono calati di 26 milioni di euro nell’esercizio, posizionandosi a quota 943 milioni di euro.

Da segnalare infine che Tim Brasil ha chiuso il 2015 con ricavi pari a 17,139 miliardi di reais, un dato anche questo in flessione del 12,1 per cento rispetto al 2014.