TASI, tutto quello che c’è da sapere

La TASI, la nuova tassa sulla casa, si è svelata nella sua interezza (o quasi). Ma chi pagherà la TASI? E quando? E a quanto ammonta? Cerchiamo di chiarire tutti gli aspetti principali attraverso questa guida di riferimento.

Chi paga la TASI

La TASI viene pagata dai proprietari di prima e di seconda casa. Gli affittuari pagheranno invece una quota tra il 10% e il 30%, a seconda di quanto deliberato dai sindaci.

Quando pagare la TASI

Non vi è grande omogeneità di pagamento sulla TASI, visto e considerato che i Comuni hanno agito in maniera pressoché indipendente: alcuni hanno fatto pagare l’acconto a giugno, altri a settembre, altri a ottobre, altri ancora, in un’unica soluzione, a dicembre.

Quanto si paga

L’aliquota TASI sulla prima casa viene scelta dal Comune tra l’1 e il 2,5 per mille, contro l’IMU del 4 – 6 per mille. Tuttavia l’IMU poteva vantare una detrazione fissa di 200 euro per tutti e 50 euro per i figli sotto i 26 anni, mentre per la TASI le detrazioni sono molto più basse. In caso di detrazioni, i Comuni possono inoltre finanziarle mediante aumento dell’aliquota sulla prima casa dello 0,8 per mille, o sulla seconda casa dello 0,8 per mille, o con una via di mezzo tra le diverse soluzioni.

Qualche esempio

Secondo quanto affermano le simulazioni effettuate dalla UIL – Servizio politiche territoriali, vivendo in una casa economica (A3), con un figlio e con rendita catastale di 450 euro, si finirebbe per pagare più TASI che IMU nel 71% dei casi.

In linea di massima, affermano i dati relativi alla CGIA di Mestre, l’aliquota media per la TASI è stata del 2,46%, molto vicina ai massimi previsti del 2,5 per mille: il “merito”, se così si può dire, è stato relativo alla scelta di numerosi Comuni di finanziare le detrazioni attraverso l’addizionale dello 0,8 per mille, di cui si è già detto sopra. A Bologna, Firenze, Genova, Napoli, Torino, Venezia, Bari, Catania, ad esempio, l’aliquota TASI è schizzata ai massimi del 3,3 per mille, frutto della somma del tetto di 2,5 per mille e dell’addizionale dello 0,8 per mille.

Per quanto attiene le detrazioni, il panorama è estremamente diversificato. A Roma, ad esempio, è prevista una detrazione di 110 euro per rendite catastali fino a 450 euro, e detrazioni di 60 euro per rendite tra 451 e 650 euro, che scendono a 30 euro in caso di rendite da 651 a 1.500 euro.

Responsabilità: Tutti gli autori, i collaboratori e i redattori degli articoli pubblicati su webeconomia.it esprimono opinioni personali. Tutte le assunzioni e le conclusioni fatte nei post ed ulteriori analisi di approfondimenti sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime, indici) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e/o raccomandazioni all'investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di investimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali.
Classe 1982, laureato in economia, specializzato in marketing internazionale, collabora con alcuni dei principali network editoriali italiani. Appassionato di finanza, presta servizi di consulenza editoriale dal 2002.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here