Swisscoin: è possibile guadagnare o è truffa?

Swisscoin, l’ultima frontiera del guadagno o della truffa? Le criptovalute stanno attirando sempre più l’attenzione dei trader che ci stanno credendo in maniera crescente, investendo sulle piattaforme di trading online.

La criptovaluta più nota, anche per essere stata la prima in circolazione, è Bitcoin. Seguita a ruota da Ethereum e Ripple. Mentre si stanno facendo strada anche quelle nuove come Monero e Bitcoin Cash, nata proprio da una costola di Bitcoin tramite sviluppatori dissidenti e lanciata lo scorso agosto. Le criptovalute si chiamano così perché le transazioni avvengono in maniera del tutto anonima, grazie a un sistema crittografato peer-to-peer. Inoltre, non prevedono una banca centrale che li emetta e sfuggono al controllo dei governi centrali. I quali, stanno cominciando a preoccuparsi e meditano una stretta.

Del resto, tramite le crittovalute si generano anche affari loschi, come il riciclaggio di denaro sporco, finanziamenti a gruppi terroristici, compravendita di armi. Ma è anche vero che sfuggono da ogni politica inflazionistica e speculazioni politiche per opera di chi governa. Altro particolare delle criptovalute è la loro alta volatilità, che potenzialmente può generare alti profitti. Le monete virtuali però danno adito anche a truffe sul web, da parte di chi millanta facili ed alti guadagni. E le persone, specie in tempi di incertezza economica in cui viviamo e di analfabetismo digitale, ci cascano in tanti. Un altro esempio di moneta digitale che puzza di truffa e di sistema piramidale (o schema Ponzi) è lo Swisscoin. Che viene propinato su banner sfavillanti su vari siti. E allora l’utente medio è portato a chiedersi: con Swisscoin si guadagna davvero o è una truffa.

Vediamo di cosa si tratta.

Cos’è Swisscoin

Partiamo col dire cos’è Swisscoin. Il nome dice tutto: una moneta svizzera. Il che induce a pensare che sia un investimento solido e profittevole, essendo la Svizzera nell’immaginario collettivo un Paese ricco e affidabile. Ma è davvero così nel caso di Swisscoin? Non proprio. Infatti, la società che gestisce questa criptovaluta, la Euro Solution GmbH, è finita direttamente sotto la lente d’ingrandimento dell’autorità elvetica che si occupa di controllo dei mercati finanziari: la FINMA (acronimo di Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari).

Quest’ultima ha emesso una messa in guardia da probabili offerenti che operano in modo non autorizzato per conto di questa società. Una sorta di diffida da parte della FINMA, che sta mettendo in guardia i potenziali investitori affinché non incappino nelle lusinghe di Euro Solution GmbH e del suo sfavillante, ma solo in apparenza, Swisscoin.

Ma davvero questa società è svizzera? Solo in parte. La Euro Solution GmbH ha davvero sede nel paese del formaggio, degli orologi e della cioccolata, ma i pagamenti per acquistare Swisscoin finiscono in un Paese limitrofo: la Germania. Nella fattispecie, a Lipsia. La solita furbata. Perché questo giro nel cuore dell’Europa? E’ presto detto: qualora i clienti truffati si rivolgeranno alla Giustizia svizzera per rivedere i propri i soldi inizialmente investiti, scopriranno che essi sono finiti altrove. In un gioco di scatole cinesi – o salvadanai a forma di maialino – che renderà complicato, se non impossibile, riaverli indietro. Se si fa caso, anche il numero di telefono che viene dato sul sito Swisscoin è in realtà tedesco. Ma probabilmente non è la Germania l’unico punto di approdo dei soldi. Probabilmente vengono lì “ripuliti” per passare in altri Paradisi fiscali. Sebbene, negli ultimi anni la lista nera si stia sempre più accorciando, grazie ad accordi con tali Paesi.

Come funziona Swisscoin

Detto cosa c’è dietro questa criptomoneta che di svizzero ha probabilmente solo il nome, vediamo come funziona Swisscoin. Intanto, abbiamo detto che le criptovalute si distinguono per il fatto che manchi un ente di controllo centrale. Il quale è invece costituito da i minatori stessi facenti parte del sistema. Invece, questa moneta virtuale è gestita da una società: la Euro Solution GmbH, che porta il denaro in Germania e da lì in qualche Paradiso fiscale. Gli organizzatori di questo sistema millantano facili e cospicui guadagni in chi ci investe. Ma ciò è accaduto ad esempio col Bitcoin, specie nel 2013, quando, chi li ha acquistati negli anni precedenti a partire dal 2009 (anno del suo lancio) per pochi spiccioli, si è visto incrementare il suo valore incredibilmente e quindi sì che ha guadagnato molti soldi rivendendoli.

Invece Swisscoin è si basa sul classico sistema piramidale o schema Ponzi. Peraltro espressamente vietato per Legge in Italia dal 2005. per questi ultimi si intende il fatto che ogni nuovo adepto immette nel sistema dei soldi come investimento ma in realtà non sta facendo altro che rimpinguare le casse di chi lo ha creato e si trova al vertice della piramide (un po’ l’accusa che è stata rivolta a Herbalife, dove ogni nuovo rappresentante acquista un pacchetto di prodotti per fare il suo ingresso nel tentativo di rivenderli. Ma è difficile farlo, almeno che non sia proprio bravo). Alcuni sistemi piramidali o schema Ponzi, inoltre, invitano gli adepti a portare altre persone così da guadagnarci una percentuale. E proprio quello sarebbe in realtà il vero e unico guadagno. Ma le criptovalute sono altra cosa.

Swisscoin Opinioni

Detto ciò, viene quindi da domandarsi: Swisscoin è una truffa? Nel momento in cui scriviamo non possiamo ancora dirlo, dato che la Giustizia non si è ancora espressa a riguardo. Come detto, però, la società che la gestisce ha ricevuto una non molto lusinghiera diffida da parte della FINMA. E ciò dovrebbe già bastare nell’essere diffidenti da questa pseudo-moneta virtuale. Poi basta leggere le opinioni su Swisscoin per farsi fugare altri dubbi. Secondo esimi osservatori indipendenti, si tratta del solito, ennesimo, schema Ponzi. Come detto, vietato dalla legge italiana che lo persegue penalmente. Purtroppo, già molti italiani ci sono cascati, e pure a migliaia. Del resto, l’italiano medio sogna da sempre di arricchirsi facilmente e senza troppa fatica. Non a caso, ha per anni (in realtà ancora oggi visti i sondaggi) creduto al “miracolo italiano” millantato da Berlusconi. O sogna una vita come quella di Gianluca Vacchi, che sui social posta quotidianamente video su barche in compagnia di belle donne, divertendosi al grido di “Enjoy!”.

Attenzione. Con ciò non vogliamo dire che non si possa guadagnare con la finanza. Anzi, in tanti lo fanno e i nuovi strumenti virtuali offerti dalle piattaforme per il trading online ne sono una chiara prova. Ma bisogna affidarsi a forme di investimento reali, con tutti i rischi che ciò comporta, in quanto non esistono guadagni certi. Bisogna studiare e informarsi sui vari asset su cui investire, oltre che sui vari strumenti per poterlo fare.

Ma in primis, occorre scegliere piattaforme che siano realmente sicure e affidabili. Eccone poche ma buone in quanto regolate da CONSOB e da altri enti europei:

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
24optionTrading CFD e opzioni su BitcoinRendimenti elevatiPROVA>>
plus500Trading bitcoinPiattaforma di qualitàPROVA>>
xmConti Zero spreadGuide e tutorialPROVA>>
etoroSocial tradingTrading Bitcoin, criptovalutePROVA>>

Piattaforme che forniscono un conto demo iniziale per spratichirsi senza perdere soldi propri; tante informazioni sulla giornata finanziaria e sull’andamento dei mercati; un customer care di assistenza ai trader fatto di un numero di telefono, chat, e-mail; corsi e-learning, webinar, incontri annuali nelle principali città italiane. E così via. Come si può vedere, formazione, informazioni e assistenza. Altro che guadagni facili.

Recensioni Swisscoin

Veniamo ora alle recensioni su Swisscoin che si leggono in rete. Sono di due tipi, come sempre succede con questi tipi di sistemi di guadagno. Da un lato recensioni che parlano male di questo sistema, affermando che sia sospetto e parlano del fatto che sia stato diffidato dalla FINMA. Dall’altro recensioni che ne parlano molto bene, dicendo che fa guadagnare facilmente, ma in realtà loro puntano a portare nuovi clienti. Non a caso, tali recensioni sono accompagnate da link che invitano ad iscriversi e a provarlo. Ma come detto, lo schema Ponzi è vietato per Legge in Italia.

Swisscoin, come recuperare soldi investiti

Cosa devono fare invece gli utenti italiani che hanno creduto nei facili guadagni millantati da Swisscoin? Tentare di recuperare i propri soldi, sebbene non sia facile. La prima cosa da fare è chiedere indietro i propri soldi alla società che la gestisce. Se essa fa orecchie da mercante o si arrampica sugli specchi, esporre subito denuncia. In questo caso, come in altri, l’unione fa la forza.

Meglio mettersi insieme in una Class Action e intentare causa contro la società elvetica. Certo, anche se vinta poi non sarà facile recuperarli tutti e forse neanche in parte. Come abbiamo visto, essi arrivano prima a Lipsia – città diventata famosa poiché qui si ebbe la pesante sconfitta subita da Napoleone Bonaparte nel 1813, per opera di una coalizione di Paesi, infrangendo così i suoi sogni espansionistici – e poi chissà in quale Paradiso fiscale. Dunque, anche voi a Lipsia potreste combattere la vostra giusta battaglia, sperando di non fare la fine di Napoleone.

Quanto vale lo Swisscoin?

Per dovere di cronaca rispondiamo anche alla domanda su quanto vale lo Swisscoin. Da quanto detto fino ad ora la risposta dovrebbe essere scontata: zero. Se la matematica non è una opinione, zero moltiplicato per qualsiasi numero, dà sempre zero. Proprio quello che rischiate di ritrovarvi qualora investiate i vostri soldi.

Non solo Swisscoin, altri sistemi di cui diffidare

Purtroppo però esempi di queste fintovalute, modo scherzoso per chiamare queste criptovalute, ce ne sono tante. Pensiamo a OneCoin, SpaceCoin, Habcoin, ecc. Ma anche sistemi che vi illudono di farvi guadagnare facilmente in maniera automatica, come Dubai Lifestyle App.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY