Sussidi Disoccupazione: la Commissione Europea ci sta pensando?

In Italia, è solo Grillo a ipotizzare l’introduzione di una misura del genere. Il leader del Movimento 5 Stelle ha adottato come cavallo di battaglia il reddito di cittadinanza, ossia la possibilità per i disoccupati in cerca di lavoro di usufruire di un reddito mensile. Da noi, un’idea di questo tipo è bollata come una pazzia ogni volta che viene presentata. Il motivo? Sarebbe insostenibile dal punto di vista delle finanze pubbliche. Forse è vero, forse no. Ma se anche lo fosse, una soluzione esiste, ed è nientemeno che la Commissione Europea a ipotizzarla. Ad essere sinceri, si è espresso a riguardo solo un commissario ma senza dubbio è già qualcosa. Si tratta di Laslo Andor, massimo responsabile UE degli Affari Sociali.

La sua idea è semplice, di sinistra, efficace e, sopratutto, ha a che fare con il concetto di ridistribuzione della ricchezza. Ciò che propone è l’istituzione di un sussidio di disoccupazione per coloro che hanno perso in lavoro a seguito di uno “shock asimmetrico”. Per shock asimmetrico si intende una congiuntura economico-finanziaria che colpisce solo alcuni dei paesi dell’eurozona, lasciando illesi gli altri. La crisi del debito, che ha colpito la Grecia prima, la Spagna e l’Italia poi, è un esempio. In una situazione del genere, se l’ipotesi di Andor diventasse realtà, l’Europa corrisponderebbe un sussidio mensile a disoccupati dei paesi in crisi. E’ a tutti gli effetti una condivisione degli oneri e delle difficoltà. A pagare, dunque, sarebbero anche i paesi forti.

La proposta di Laslo Andor fa ben sperare e non solo in previsione di una sua futura approvazione. Fa ben sperare perché rivela una sensibilità per i problemi sociali che il senso comune ormai non attribuisce più all’Unione Europea. E’ difficile, però, essere ottimisti. La situazione di partenza non è delle migliori. La Merkel ha vinto, e la Merkel non approverebbe mai la proposta di Andor. Uno dei leitmotiv della sua azione politica nei confronti dell’Europa è proprio il rifiuto di condividere rischi e oneri con i paesi deboli. Un esempio è dato dalla questione eurobond: la Germania ha posto il veto su una soluzione praticamente indolore alla crisi del debito, solo perché questa poteva in linea teorica portare qualche svantaggio all’economia tedesca. Immaginiamo, dunque, la risposta a un sussidio di disoccupazione pagato da tutti i paesi, che certo costerebbe decine di miliardi, almeno stando al numero attuale dei disoccupati.

Disoccupazione che è il vero confine tra il nord e il sud d’Europa. A meridione e nella periferia, il tasso di disoccupazione è in media del 17% (in Italia il 12); nei paesi del nord Europa è del 7. Un baratro separa i paesi forti dai paesi deboli anche per quanto riguarda i neet, ossia i giovani che non studiano e non lavorano: nel primo caso sono l’11% nel secondo caso sono il 22%. Poi, ovviamente, ci sono picchi negativi e picchi positivi: i neet tedeschi e austriaci si attestano entrambi nell’ordine del 5%, mentre in Grecia si arriva al 63%. Non che i greci siano svogliati, semplicemente non c’è lavoro e non ci sono soldi per studiare.

Salva

2 commenti

  1. Una risorsa in grado di accompagnare un soggetto ad avere consapevolezza orientata al mondo del lavoro innescando un rilevante cambiamento, per tutti coloro che hanno un minimo di speranza e di chi crede che il cambiamento sia possibile! Da qui http://www.lavoroadesso.it scarica gratuitamente la risorsa che abbiamo preparato per te!

LEAVE A REPLY