Strategie Forex migliori: quali sono e come sceglierle

Migliori Strategie Forex

Quali sono le migliori strategie Forex? Come scegliere le migliori strategie Forex? Lo vediamo in questo articolo. Avere una strategia è sempre una cosa molto importante, in tutto quello che si fa. Figuriamoci quando si tratta di investire i nostri soldi.

Tanto vale ancora di più quando si decide di investire sul Forex, il mercato più grande al mondo e dove si cambiano le valute per ottenere un profitto.

Vediamo dunque quali sono le migliori 10 strategie per investire sul mercato Forex.

Sommario

Strategia Forex migliore

Qual è la strategia Forex migliore? Quali sono le strategie vincenti?Partiamo proprio da queste domande. Forse vi deluderemo, ma non esiste una strategia Forex perfetta per tutte le occasioni e migliore di tutte. Infatti, e non solo nel Forex, non esistono strategie infallibili. Il mercato è fatto di vittorie e sconfitte, guadagni e perdite. Anzi, proprio il fatto che sul forex (o su altri mercati finanziari) si guadagni, è legato proprio al fatto che qui viga un forte elemento di incertezza.

Bisogna partire da un chiarimento: cosa si intende per strategia vincente? E’ una strategia capace di generare più risultati positivi (profitti) che perdite. Quindi, ciò significa che queste ultime ci saranno sempre, bisogna metterle in conto. E una strategia vincente fa solo in modo che esse siano la minoranza. Controbilanciate quanto è più possibile dalle vincite e dai profitti.

Ecco perché quando si fa trading sul forex si applicano anche strategie di money management. Con quest’ultimo termine si intende la gestione del rischio di trading, impegnando solo una parte limitata del proprio patrimonio complessivo su ogni singola operazione. Quindi, basare il proprio trading sulla diversificazione.

Come fare dunque money management? Un modo migliore è di investire un capitale variabile o fisso sulla singola operazione. Per molti esperti di trading, ad esempio, è bene investire una quantità variabile su ogni singola operazione, pari ad esempio al 2% del capitale totale a disposizione per il trading.

In caso di esperienza acquisita, si può alzare questo livello al 5%. Quindi, come si può notare, stiamo parlando del 5% in caso di trader esperti. E si ritiene che oltre questa percentuale si rischi grosso.

Strategia Forex infallibile

Qual è la strategia Forex infallibile? Semplicemente non esiste. E chi ne sbandiera qualcuna, semplicemente vuole solo spillarvi del denaro. Molte sono le pubblicità che si leggono sul web di piattaforme che propongono strategie Forex infallibili. Magari basate su software automatici che lavorano per voi facendovi diventare milionari. Si tratta di una truffa sicuramente. Scoprirete presto che non solo non avete vinto nulla ma non potete neanche recuperare i soldi con cui avete ricaricato il vostro conto. Anche dietro regolare denuncia alle autorità competenti.

Già perché queste piattaforme hanno sede in Paradisi fiscali, notoriamente benevoli con chi ha la sede della propria attività lì. Garantendo privacy e regimi fiscali agevolati. Inoltre, la loro organizzazione si perde dietro mille rivoli, per cui è anche difficile risalire a chi gestisce queste piattaforme.

Diffidate anche dei finti Guru, dei saccenti, di quanti dicono di avere un segreto per guadagnare.

Insomma, nessuna strategia può essere infallibile, può esistere una strategia vincente. Sebbene sia più corretto dire profittevole. Proprio perché, come dicevamo, i profitti superano le perdite.

Cosa significa strategia Forex

Cosa significa strategia Forex? Questo termine racchiude più significati:

  • Strategia Forex: un metodo studiato dettagliatamente e messo a punto per raggiungere precisi obiettivi lungo un percorso di grande durata. Si distingue dalla tattica che invece è solo una tecnica che viene adottata per ottenere un risultato sul breve termine. La tattica non ha criteri particolari, ed è qualcosa che si avvicina più ad una scommessa.
  • Piano di investimenti: dotarsi di un preciso piano di investimento sulla base del capitale che si ha a disposizione. In questo piano rientrano gli obiettivi mensili ed annuali, il bilancio di entrate ed uscite e la pianificazione dell’attività giornaliera di investimento, incluso uno studio sugli asset finanziari.
  • Strategia Forex di gestione del denaro: gestire il capitale di investimento è un aspetto di primaria importanza quando si fa Forex trading. Troppi principianti sottovalutano questo aspetto pagandone le conseguenze. Gli investimenti vanno ponderati e ben pensati ed il denaro va razionalizzato per ogni posizione aperta sul mercato.
  • Strategie Forex “tecniche”: intendendo per esse quelle basate sull’uso di indicatori tecnici per studiare l’andamento degli asset finanziari sul breve e medio periodo. Che si scoprono fondamentali per il trading di tipo intraday e multiday.

Strategie Forex perché importanti

Perchè è importante conoscere strategie Forex? In quanto statisticamente, utilizzare strategie Forex vincenti porta ad una percentuale media di successo del 75%. In che modo si riesce in ciò? Per il fatto che si tratta delle stesse strategie adoperate dagli esperti del settore. Inoltre, si basano tutte sui più importanti e comprovati strumenti di analisi tecnica e fondamentale dei mercati finanziari.

Purtroppo, nel mondo del trading c’è tanta disinformazione e mala informazione, in quanto in molti si stanno buttando a capofitto su questa attività grazie ai moderni strumenti tecnologici che ne hanno facilitato l’accesso. Su tutte, ovviamente, le app per smartphone e tablet. Tuttavia, come preferiamo sempre ribadire, facilità di accesso non significa facilità di operare.

Occorre formarsi molto sia teoricamente che praticamente, e i Broker Forex più rinomati mettono già essi a disposizione del materiale didattico per farlo. Come ebook, webinar, corsi on demand, corsi e-learning, incontri dal vivo. Inoltre, mettono a disposizione un Conto demo, fatto con soldi virtuali al fine di fare pratica senza mettere a rischio i propri soldi reali. Il Conto demo serve anche ai trader più esperti per provare nuove strategie senza mettere a rischio il proprio capitale.

Anche leggere molto aiuta. Acquistare validi libri sulle strategie Forex ci farà capire meglio come funziona questo mondo. Ricco di opportunità ma anche irto di ostacoli e trabocchetti.

Migliori Broker per applicare strategie Forex

Quali sono i migliori Broker per applicare le strategie Forex? Oltre alla regolare licenza che mette a riparo da frodi e soprusi sui propri dati, un Conto demo e la formazione, un Broker che si rispetti deve anche fornire validi segnali di trading Forex, così da cogliere tutte le migliori opportunità. Una assistenza clienti 7×24, in italiano e facilmente raggiungibile. Grafici chiari che ci mostrino l’andamento dei cross Forex su cui si è deciso di puntare. Commissioni e spread in linea col mercato e convenienti.

A nostro avviso, i Broker Forex che rispongono a questi crismi sono:

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.
24optionSpread bassi, CFDRendimenti elevatiPROVA >>
Markets.comTrading CFD, tanti strumentiConto demoPROVA >>
plus500Servizio CFDDemoPROVA >>
eToro social tradingSocial trading, copy tradingCopy fundsPROVA >>
Xm.comBonus 25€Conti Zero spread!PROVA >>
AvaTradeForex, azioni, criptovaluteWebinar ed ebookPROVA >>

Strategia Forex Intraday

Cos’è il Forex intraday? Partendo dal presupposto che ogni trader è libero di scegliere il proprio stile senza alcun condizionamento, in molti preferiscono il trading giornaliero. Chiamato trading intraday.

Il trading intraday ha grandissima attrattiva. Ma in cosa consiste? Come funziona il trading Forex intraday? Nel fatto che si aprano e si chiudano posizioni nell’arco di una giornata, in modo tale che non restino mai aperte per un periodo superiore alle 24 ore. Si tratta di una tipologia di investimenti piacevole ed emozionante in grado di far vivere le sensazioni del vero trader, ma soprattutto di portare profitti quotidiani che sono direttamente tangibili dal trader. Senza dover aspettare periodi decisamente lunghi.

Certo, la strategia Forex intraday presuppone anche una buona dose di controllo emotivo e di pugno fermo, in quanto tutto si apre e si chiude nel corso della giornata.

Ma occorre anche dire che il trading intraday si gestisce molto più semplicemente rispetto a quello di lungo periodo, che invece va maggiormente studiato per la sua lunghezza.

Ecco alcune delle principali caratteristiche del trading Forex intraday:

  • Saper gestire lo stress
  • Conoscere gli asset di investimento
  • Capacità di analisi tecnica dei mercati finanziari sui grafici
  • Conoscenza di strategie di investimento che siano valide sul breve periodo

Strategie Forex, cos’è e come funziona l’analisi tecnica

L’analisi tecnica è uno strumento di negoziazione utilizzato per valutare i titoli e tentare di prevedere il loro movimento futuro analizzando le statistiche raccolte dall’attività di negoziazione, come il movimento e il volume dei prezzi. A differenza degli analisti fondamentali che tentano di valutare il valore intrinseco, gli analisti tecnici si concentrano sui grafici del movimento dei prezzi e vari strumenti analitici per valutare la forza o la debolezza di una sicurezza e prevedere le variazioni future dei prezzi.

Gli analisti tecnici ritengono che le attività commerciali passate e le variazioni di prezzo di un titolo siano indicatori migliori dei probabili movimenti futuri del titolo rispetto al valore intrinseco del titolo. L’analisi tecnica è stata formata da concetti di base ricavati da Dow Theory, una teoria sui movimenti del mercato commerciale che proviene dai primi scritti di Charles Dow. Due presupposti fondamentali della teoria di Dow che sono alla base di tutte le analisi tecniche sono

  1. sconti sui prezzi di mercato ogni fattore che può influenzare il prezzo di un titolo
  2. movimenti di prezzo di mercato non sono puramente casuali ma si muovono in modelli e tendenze identificabili che si ripetono nel tempo.

L’ipotesi che il prezzo “sconti tutto” significs essenzialmente che il prezzo di mercato di un titolo in un dato momento rifletta accuratamente tutte le informazioni disponibili, e quindi rappresenti il vero valore equo del titolo. Questa ipotesi si basa sull’idea che il prezzo di mercato riflette sempre la somma totale delle conoscenze di tutti i partecipanti al mercato. Il secondo presupposto di base dell’analisi tecnica, la nozione che le variazioni dei prezzi non sono casuali, porta alla convinzione degli analisti tecnici che le tendenze del mercato, sia a breve e lungo termine, possono essere identificati, consentendo agli operatori di mercato di trarre profitto dall’investimento in base alla tendenza esistente.

L’analisi tecnica viene utilizzata per tentare di prevedere il movimento dei prezzi di praticamente qualsiasi strumento negoziabile che è generalmente soggetto alle forze della domanda e dell’offerta, comprese azioni, obbligazioni, futures e coppie di valute. In effetti, l’analisi tecnica può essere vista semplicemente come lo studio delle forze di domanda e offerta, come riflesso nei movimenti dei prezzi di mercato di un titolo. È più comunemente applicato alle variazioni di prezzo, ma alcuni analisti possono inoltre tenere traccia di numeri diversi dal semplice prezzo, come il volume degli scambi o i dati di interesse aperti.

Nel corso degli anni, numerosi analisti tecnici sono stati sviluppati dagli analisti nel tentativo di prevedere con precisione i movimenti futuri dei prezzi . Alcuni indicatori si concentrano principalmente sull’identificazione dell’attuale tendenza del mercato, comprese le aree di supporto e resistenza, mentre altri si concentrano sulla determinazione della forza di una tendenza e sulla probabilità della sua continuazione.

Gli indicatori tecnici comunemente utilizzati includono le linee di tendenza, le medie mobili e gli indicatori di momentum come l’indicatore della media mobile convergente di divergenza (MACD). Gli analisti tecnici applicano indicatori tecnici a grafici di vari intervalli temporali. I trader a breve termine possono utilizzare grafici che vanno da un intervallo temporale di un minuto a un periodo di tempo di un’ora o di quattro ore, mentre i trader che analizzano il movimento dei prezzi a lungo termine esaminano i grafici giornalieri, settimanali o mensili.

Strategie Forex a medio e lungo termine, l’importanza dell’analisi fondamentale

Quando una posizione aperta a mercato er un periodo che supera le 24 ore, allora si può parlare di trading sul medio/lungo termine. Sono molti i traders che prediligono questa tipologia di investimenti perché garantisce buoni margini di successo, ma si tratta per la maggior parte di operatori finanziari già rodati e di grande esperienza in grado di far fronte ad improvvise variazioni rispetto alle previsioni di lungo periodo e di gestire posizioni anche di alcuni mesi per ottenere gain elevati.

Molto importante per il trading Forex di medio e lungo periodo è l’analisi fondamentale. Che risulta utile ovviamente anche per il Forex intraday e di brevissimo termine. Ma cos’è l’analisi fondamentale?

L’analisi fondamentale è un metodo di valutazione di un asset nel tentativo di misurare il suo valore intrinseco, esaminando i fattori economici, finanziari e altri fattori qualitativi e quantitativi correlati. Gli analisti fondamentali studiano tutto ciò che può influenzare il valore della sicurezza, inclusi fattori macroeconomici come l’economia generale e le condizioni del settore e fattori microeconomici come le condizioni finanziarie e la gestione aziendale.

L’obiettivo finale dell’analisi fondamentale è quello di produrre un valore quantitativo che un investitore possa confrontare con il prezzo corrente di un titolo, indicando quindi se il titolo è sottovalutato o sopravvalutato.

L’analisi non fondamentale determina la salute e le prestazioni di un’azienda sottostante esaminando i numeri chiave e gli indicatori economici. Lo scopo è quello di identificare aziende o settori fondamentalmente forti e aziende o settori fondamentalmente deboli. Gli investitori vanno a braccetto con le società forti e le società deboli. Questo metodo di analisi della sicurezza è considerato l’opposto dell’analisi tecnica.

L’analisi fondamentale utilizza dati reali e pubblici nella valutazione del valore di una sicurezza. Sebbene la maggior parte degli analisti utilizzi l’analisi fondamentale per valutare le azioni, questo metodo di valutazione può essere utilizzato praticamente per qualsiasi tipo di asset. Quindi anche per il Forex. Ad esempio, un investitore può effettuare analisi fondamentali sul valore di un’obbligazione considerando fattori economici come i tassi di interesse e lo stato generale dell’economia. Può anche consultare le informazioni sull’emittente delle obbligazioni, come potenziali cambiamenti nei rating del credito. Per le azioni e gli strumenti azionari, questo metodo utilizza i ricavi, gli utili, la crescita futura, il rendimento del capitale, i margini di profitto e altri dati per determinare il valore sottostante di un’azienda e potenziale per la crescita futura.

In termini di titoli, l’analisi fondamentale si concentra sui bilanci della società oggetto di valutazione. Uno degli analisti fondamentali più famosi e di successo è il cosiddetto “Oracle of Omaha”, Warren Buffett, ben noto per aver utilizzato con successo le analisi fondamentali per selezionare titoli. Le sue capacità lo hanno trasformato in un miliardario.

Nel caso che qui più ci interessa, quello del Forex, l’analisi fondamentale andrà ad analizzare lo stato di salute economica di un Paese, dato che in questo mercato ciò che si scambia sono le valute ad essi collegati. Quindi si andranno ad analizzare indicatori come l’inflazione, i tassi di occupazione e di disoccupazione, il debito pubblico, la stabilità dei governi in carica, l’esito di eventuali elezioni, la sua politica estera, e così via.

Si pensi al caso del Dollaro. Se è vero che il biglietto verde era già debole prima che entrasse a sorpresa Donald Trump nella Casa Bianca, si è comunque mantenuto debole e in maniera più accentuata successivamente nel corso del suo operato. Infatti, la crisi con la Corea del sud, la guerra commerciale con la Cina, l’interventismo in Siria, i continui attacchi a colossi come Apple e Amazon, i continui cambi nel suo staff e ai vertici di ruoli istituzionali importanti, gli scandali della vita privata (per ora più presunti e basati su illazioni) non hanno certo creato intorno a Trump un clima di fiducia e di positività.

Malgrado il fatto che, tutto sommato, l’economia americana stia crescendo.

Strategie Forex, cos’è lo scalping

Lo Scalping è la forma di trading Forex più veloce che esista. Cos’è lo scalping? Scalping è una strategia di trading orientata verso il raggiungimento di molti profitti su minori variazioni di prezzo. I commercianti che implementano questa strategia collocano ovunque da 10 a un paio di centinaia di scambi in un solo giorno con la convinzione che piccole mosse nel prezzo delle azioni siano più facili da catturare rispetto a quelle grandi; i trader che implementano questa strategia sono noti come scalpers. Molti piccoli profitti possono facilmente aggravarsi in grandi guadagni se viene utilizzata una strategia di uscita rigorosa per evitare perdite ingenti.

Lo scalping utilizza dimensioni di posizione più grandi per minori guadagni di prezzo nel più piccolo periodo di tempo di mantenimento. Viene eseguito intraday. L’obiettivo principale è quello di acquistare o vendere un numero di azioni al prezzo dell’offerta – o chiedere – e poi venderle rapidamente di qualche centesimo in più o in meno per un profitto.

I tempi di attesa possono variare da secondi a minuti e in alcuni casi fino a diverse ore. La posizione è chiusa prima della fine della sessione di negoziazione del mercato totale, che può estendersi fino alle 8 di sera. EST.

Scalping è un’attività frenetica per i commercianti più agili. Richiede tempi e esecuzioni di precisione. Gli scalpers usano il potere di acquisto del day trading di un margine di quattro a uno per massimizzare i profitti con il maggior numero di azioni nel minor tempo possibile. Ciò richiede di focalizzarsi sui più piccoli grafici a intervalli temporali come i grafici a candela di un minuto e di cinque minuti.

Gli indicatori di momentum come la divergenza stocastica, la convergenza media mobile in movimento (MACD) e l’indice di forza relativa (RSI) sono comunemente usati. Gli indicatori del grafico dei prezzi come le medie mobili, le bande di Bollinger e i punti di rotazione vengono utilizzati come punti di riferimento per il supporto dei prezzi e i livelli di resistenza.

Scalping richiede che il conto equity sia superiore al minimo di $ 25.000 per evitare la violazione delle regole del pattern day trader (PDT). Il margine è richiesto per eseguire operazioni di vendita allo scoperto. Gli acquirenti acquistano poco e vendono alto, acquistano alto e vendono più alto, o alto basso e copertura basso, o basso basso e copertura inferiore.

Tendono ad utilizzare il Livello 2 e il tempo delle finestre di vendita per indirizzare gli ordini ai market maker più ecologici e alle ECN per le esecuzioni veloci. L’esecuzione in stile point-and-click attraverso la finestra di Livello 2 o tasti di scelta rapida preprogrammati sono i metodi più rapidi per riempire gli ordini più rapidamente. Lo scalping si basa esclusivamente su analisi tecniche e fluttuazioni dei prezzi a breve termine.

A causa dell’uso estensivo della leva finanziaria, lo scalping è considerato uno stile di trading ad alto rischio. Alcuni degli errori più comuni commessi dagli scalpers sono una cattiva esecuzione, una strategia scadente, non prendendo stop-loss, overleveraging, inserimenti tardivi, uscite tardive e overtrading.

Scalping genera commissioni elevate a causa dell’elevato numero di transazioni. Una struttura di determinazione delle commissioni per azione è vantaggiosa per gli scalpers, specialmente per coloro che tendono a scalare pezzi più piccoli dentro e fuori le posizioni.

Gli scalpers devono essere disciplinati e devono attenersi strettamente al loro regime commerciale. Ogni decisione che deve essere presa dcon certezza. Ma gli scalper dovrebbero anche essere molto flessibili, perché le condizioni di mercato sono molto fluide e se uno scambio non sta andando come previsto, dovranno correggere la situazione il più rapidamente possibile senza incorrere in perdite eccessive.

Il vantaggio di fare scalping è il fatto che ad un trader scalper interessano molto poco il trend generale e la fase in cui si trova il mercato in quel determinato momento. Può quindi ignorare i grandi movimenti del mercato e le news, perché gli interessa trarre profitto sulle minime variazioni di prezzo che necessariamente si verificano anche nelle fasi più orizzontali ed insignificanti di mercato, nelle quali normalmente non si potrebbe investire.

Lo scalping prevede un trading stressante, molto attento, per nervi saldi. A volte si tengono aperte più posizioni contemporaneamente e bisogna essere in grado di tenerle tutte sott’occhio per evitare che l’investimento vada a finire male.

Il consiglio è di testare la strategia Forex scalping su un Conto demo per più giorni. Così da capire come funziona, e, soprattutto, se fa per noi.

Strategia Forex Bladerunner

L’unico indicatore tecnico che useremo per questa strategia è la media mobile esponenziale (EMA) a 20 periodi. La strategia è adatta per qualsiasi arco temporale e qualsiasi coppia di valute. Utilizzeremo il grafico a 5 minuti di USD / SEK. Il nome, Bladerunner, è dato dal fatto che l’EMA di 20 periodi “taglia” il prezzo in due come una lama. Nel caso in cui il prezzo sia superiore all’EMA e lo riporti, è probabile che il mercato possa continuare. Nel caso in cui il prezzo sia inferiore all’EMA e lo ripresoli, è probabile che il mercato possa continuare a scendere.

Nel caso in cui il prezzo sia superiore all’EMA, la strategia di un trader sarà lunga, quindi probabilmente cercherà il prezzo che scenderà e colpirà l’EMA, rimbalzerà da esso e poi si muoverà verso l’alto. Tuttavia, se il prezzo si muove attraverso l’EMA e si chiude molto al di sotto di esso, il trader potrebbe ritenere che abbia probabilmente cambiato la sua polarità, mentre la strategia ora è anche cambiata in short.

Nel caso in cui il prezzo sia inferiore all’EMA, la strategia di un trader sarà breve, quindi probabilmente cercherà il prezzo per avanzare e colpirà l’EMA, rimbalzerà da esso e passerà al ribasso. Tuttavia, se il prezzo si muove attraverso l’EMA e si chiude ben al di sopra di esso, il trader potrebbe ritenere che abbia probabilmente cambiato la sua polarità, passando quindi ad una strategia long.

Per fare un ingresso nel mercato, un trader ha bisogno di prendere in considerazione due momenti importanti: in primo luogo, il prezzo deve uscire da un intervallo di trading prima dell’iscrizione, oppure deve essere in trend, in secondo luogo, il prezzo deve quindi ritestare l’EMA con successo. Cosa significa? Se il prezzo è attualmente inferiore all’EMA, deve rimbalzare da esso e rimanere al di sotto di esso e viceversa. Per di più, la prima candela, che entra in contatto con l’EMA, deve chiudersi sullo stesso lato della media mobile da cui si è avvicinata. Quando ciò accade, il trader considererà questa candela come una candela di segnalazione.

Successivamente, attenderà per vedere se la seguente candela confermerà questa mossa. Se la seguente candela continua effettivamente a distanziarsi dall’EMA, allora fornisce conferma. Alcuni trader, tuttavia, potrebbero aver bisogno di ulteriori conferme prima di intraprendere lo scambio (ad esempio, si verificherà una formazione popolare di candele). Inoltre, un trader può sentirsi più sicuro ad entrare in una posizione, quando ha più di un motivo per scambiare ( per esempio, non solo un rimbalzo da EMA, ma è meglio, se questo si verifica anche a un livello di supporto o resistenza precedente, o in un punto di perno).

Quando si va long: In primo luogo, il trader può piazzare due ordini di stop da comprare, mentre le voci dovrebbero essere 2-3 pips sopra la candela, che fornisce conferma, in secondo luogo, l’arresto protettivo può essere posizionato 2-3 pips sotto la candela di segnale, che è venuto in contatto con l’EMA, in terzo luogo, l’obiettivo di profitto sul primo l’ordine di stop deve essere impostato a una distanza, che equivale al rischio in pip.

Nel caso in cui il rischio per questa posizione sia di 25 pips, allora l’obiettivo di profitto per il primo ordine deve essere anche di 25 pips; in quarto luogo, l’obiettivo di profitto nell’ordine del secondo stop dovrebbe essere impostato a una distanza, che equivale al doppio del rischio in pips . Il rischio è di 25 pips, quindi l’obiettivo di profitto per il secondo ordine deve essere di 50 pips.

Quando si va in short: in primo luogo, il trader può piazzare due ordini di stop da vendere, mentre le voci dovrebbero essere 2-3 pips sotto la candela, in secondo luogo, l’arresto protettivo può essere posizionato 2-3 pips sopra la candela del segnale, che è venuto a contatto con l’EMA, in terzo luogo, l’obiettivo di profitto sul primo ordine dovrebbe essere impostato a una distanza, che equivale al rischio in pips.

Nel caso in cui il rischio per questa posizione sia di 25 pips, allora l’obiettivo di profitto per il primo ordine deve essere anche di 25 pips; in quarto luogo, l’obiettivo di profitto nell’ordine del secondo stop dovrebbe essere impostato a una distanza, che equivale al doppio del rischio in pips.

Il rischio è di 25 pips, quindi l’obiettivo di profitto per il secondo ordine deve essere di 50 pips.

Strategie Forex migliori, le bande di Bollinger

Cosa sono le bande di Bollinger? E’ una strategia di trading sviluppata dal famoso tecnico del trading John Bollinger, che traccia due deviazioni standard da una semplice media mobile.

Le Bande di Bollinger è una tecnica di analisi tecnica molto popolare. Molti trader credono che più i prezzi si avvicinano alla fascia superiore, più ipercomprato è il mercato e più i prezzi si avvicinano alla banda inferiore, più il mercato si ipervina. John Bollinger ha un set di 22 regole da seguire quando si usano le band come sistema di trading.

La “spremuta” è il concetto centrale delle bande di Bollinger. Quando le bande si avvicinano, stringendo la media mobile, si parla di squeeze. Uno squeeze segnala un periodo di bassa volatilità ed è considerato dai trader un potenziale segnale di futura volatilità aumentata e possibili opportunità di trading. Viceversa, più le bande si spostano, più è probabile la possibilità di una diminuzione della volatilità e maggiore è la possibilità di uscire da un commercio. Tuttavia, queste condizioni non sono segnali di trading. Le bande non danno indicazioni di quando il cambiamento può aver luogo o in quale direzione potrebbe muoversi.

Circa il 90% dell’azione di prezzo si verifica tra le due bande. Qualsiasi interruzione sopra o sotto le bande è un evento importante. Il breakout non è un segnale di trade. L’errore che la maggior parte delle persone fa è credere che quel prezzo che colpisce o superi una delle bande sia un segnale di comprare o vendere. I breakouts non forniscono alcun indizio sulla direzione e sull’entità del movimento dei prezzi futuri.

Si badi bene che le Bollinger Bands non sono un sistema di trading autonomo. Sono semplicemente un indicatore progettato per fornire agli operatori informazioni sulla volatilità dei prezzi. John Bollinger suggerisce di utilizzarli con due o tre altri indicatori non correlati che forniscono segnali di mercato più diretti. Ritiene che sia fondamentale utilizzare indicatori basati su diversi tipi di dati. Alcune delle sue tecniche preferite sono la media mobile divergenza/convergenza (acronimo di MACD), il volume di equilibrio e l’indice di forza relativa.

Strategia Forex, i ritracciamenti di Fibonacci

Fibonacci è un matematico italiano vissuto tra il 1100 e il 1200, il quale scoprì una serie di numeri, passati alla storia come serie di Fibonacci. Vale a dire una sequenza di numeri dove ognuno di essi è la somma dei precedenti, e se diviso per il precedente tende ad avvicinarsi al valore costante del numero aureo che è 1,618. La serie che ne viene fuori è la seguente: 1, 2, 3, 5, 8, 13, 21, 34, 55, 89, 144 e così via.

La strategia di Fibonacci nel Forex viene utilizzata solo in presenza di un trend. Nella dinamica del Forex un prezzo ovviamente non è mai costante e lineare ma segue movimenti oscillatori.

Le dinamiche e il linguaggio della strategia di Fibonacci indicano che il prezzo dapprima segue una direzione con un movimento detto Swing, poi inverte sino ad un certo livello dello Swing detto Rintracciamento, dal quale inverte nuovamente e riprende la direzione del trend fino a superare di una percentuale il massimo raggiunto dallo Swing, ovvero supera sino al punto che è detto Extension.

Quando si riconosce un andamento e direzioni ben definite queste possono cambiare tendenza in certi momenti per poi tornare sui passi del trend iniziale. In termini tecnici avviene ciò:

  • quando il trend segue una direzione è definito swing
  • il rintracciamento dopo l’inversione, è individuata come la fase in cui i prezzi seguono il trend normale.

I ritracciamenti di Fibonacci sono la strategia Fibonacci probabilmente più utilizzata e conosciuta anche nel Forex trading. Per calcolarli occorre individuare un trend (rialzista o ribassista che sia) e trovarne il minimo ed il massimo (quindi il principio o la fine del trading, o viceversa).

Funzionano un po’ come fossero dei supporti e resistenze aggiuntive, utili per stabilire l’andamento dei prezzi e i punti di svolta dei trend (sia rialzi che ribassi). I livelli a cui vengono di solito posizionati sono:

  • Si inizia con: 0% e 100% (Fine ed inizio, Inizio e fine).
  • Poi si passa a: 23.6% , 38.2% , 50%, 62.8% , 76.4%.
  • Successivamente si tracciano anche i livelli fuori dal Range, ovvero: 161.8% , 261.8% , 423.6%. Tali livelli sono chiamati anche estensioni di Fibonacci.

I ritracciamenti richiedono di tracciare 5 righe orizzontali sui diagrammi che corrispondono a 5 aree possibili nelle quali i prezzi possono tornare, con distanze che sono espresse a seconda della percentuale del movimento originale. Infatti ritracciamento significa che il prezzo ripercorre indietro la linea del trend preso in considerazione.

LEAVE A REPLY