Stipendio: come calcolare il netto dal lordo

stipendio

Spesso, quando leggiamo un annuncio di lavoro o svolgiamo un colloquio, ci viene detto quale sarà eventualmente il nostro stipendio lordo. Mentre sappiamo che, causa tasse e contributi, andremo a ricevere uno stipendio netto. E allora, come calcolare il netto di uno stipendio partendo dal lordo? Per poter così scegliere se accettare o meno una proposta lavorativa? In questo articolo vi forniamo una breve guida per farlo in due modi: o velocemente, magari durante il colloquio e dovete già dare una risposta; o più ponderatamente, magari con calma a casa.

Come calcolare velocemente lo stipendio netto partendo dal lordo

Se abbiamo l’esigenza di saperlo presto, possiamo ipotizzare un netto al 25%. Una percentuale tutto sommato media e verosimile. Pertanto, se la proposta è di uno stipendio lordo di 1000 euro, non dovremo far altro che 1000 x 25 : 100. Il risultato è 250 euro. Quella sarà la parte delle tasse che ci sarà detratta sul lordo. Pertanto, lo stipendio netto sarà dato da 1000 – 250. Ossia 750 euro. Naturalmente occorre pensare che è una cifra molto approssimativa, che non prende in considerazione le eventuali deduzioni a nostro vantaggio. Di cui parleremo nel paragrafo seguente.

Come calcolare lo stipendio netto partendo dal lordo: le voci da considerare

Se invece possiamo farlo con calma e in modo più ponderato e comodo da casa, dobbiamo considerare le voci che concorrono a tassare il nostro stipendio lordo. Vale a dire:

  • IRPEF (imposta sul reddito delle persone fisiche);
  • IVS (per l’invalidità, vecchiaia e superstiti, ovvero imposte per la pensione da versare all’INPS) ;
  • le imposte dovute per l’addizionale regionale e comunale.

A queste voci “fisse”, bisogna poi aggiungere quelle che sono legate a determinati tipi di contratto. Esistono infatti alcuni contributi previsti unicamente in determinati contratti. Si pensi agli impiegati di studi professionali, che versano i contributi CADIPROF (acronimo di Cassa di Assistenza Sanitaria Supplementare per i Dipendenti con CCNL Studi Professionali).

Se la cosa può consolare, vi diciamo però anche che esistono alcune voci che concorrono ad agevolare il vostro stipendio lordo. Ammortizzando le detrazioni previste dal sistema contributivo. Si pensi alle detrazioni per chi ha a carico una moglie e quelle per i figli. Misure a sostegno delle famiglie. Prendiamo il caso di un impiegato nel settore privato che guadagni 1500 euro. E che ha una moglie e due figli a carico. Uno minore di 3 anni e una maggiore di 3 ma ancora minorenne. In questo caso, lo stipendio netto tra tasse, contributi e deduzioni sarà di 1362 euro circa. Infatti, il tipo di deduzione cambia anche in base alla fascia di età del figlio: fino a 3 anni, dai 3 anni e un giorno ai 17 e 364 giorni, se è maggiorenne, qual è la percentuale di carico dei figli, se ci sono altri familiari a carico, ecc.

Comunque, online vi sono vari sistemi per calcolare il vostro stipendio netto ed avere una cifra più precisa, senza doversi scervellare con una calcolatrice. Noi ad esempio vi suggeriamo quello de LaRepubblica, molto semplice ed intuitivo.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY