Sterlina in rialzo su euro dopo indicazioni positive arrivate da pmi UK di Giugno

Le buone letture macro arrivate dalla Gran Bretagna spingono al rialzo la sterlina, respingendo al ribasso la coppia EUR-GBP, che si accinge a chiudere la seconda seduta consecutiva in rosso, scendendo verso il supporto dinamico rappresentato da quota 0,88.

Il recupero della Sterlina nei confronti della moneta unica europea è alimentato dalle aspettative che la Bank of England nel corso del prossimo meeting di possa alzare i tassi d’interesse britannici. Le attese per un imminente rialzo sono aumentate dopo i segnali di forza arrivati con gli ottimi dati relativi ai PMI dei vari settori dell’economia UK, diffusi dalla società di ricerca ed analisi finanziarie Markit.

L’indice PMI Composito nel mese di Giugno ha fatto registrare un incremento a 56,2 punti dai 54,5 punti della precedente stima mensile, battendo nettamente le attese degli analisti, che invece avevano indicato un calore invariato a 54,5 punti. Il deciso balzo è stato frutto dell’aumento fatto registrare delle sue due componenti: Manifattura e Servizi.

Il Pmi (Purchasing Managers Index) è un indicatore che viene elaborato grazie ad un’indagine condotta sui direttori d’acquisto delle principali aziende per testare le opinioni sull’andamento dei diversi settori economici. Un valore di PMI oltre la soglia dei 50 punti indica espansione mentre un valore inferiore a tale soglia è sinonimo di contrazione.

La componente manifatturiera, a Giugno, si è assestata a 54,4 punti, in lieve crescita dai 54,3 punti di Maggio; mentre il PMI Servizi ha evidenziato un aumento a 55,1 punti, in salita dai 54 punti della precedente stima mensile, a fronte di una lettura stabile a 54 punti pronosticata dagli analisti.

Per la componente servizi, inoltre, si è trattata della migliore stima dallo scorso mese di Ottobre.

In rialzo anche il PMI relativo al comparto delle costruzioni in Gran Bretagna, in crescita a 53,1 punti dai 52,5 punti di Maggio, mentre le attese erano per una lettura in linea con la precedente.

I tre PMI messi insieme proiettano il PIL UK del secondo trimestre in crescita dello 0,4%, in ascesa dal +0,2% fatto registrare nel primo trimestre.

Andamento cross Eur-Gbp sul breve-medio periodo

Al momento della scrittura la coppia Euro-Sterlina cede lo o,25%, a quota 0,8812, ma come evidente sul grafico con time-frame giornaliero, in alto, sembra aver trovato un valido sostegno nella media mobile a 25 giorni (la linea di colore rosso sul grafico), che passa in area 0,88.

Quadro tecnico di breve-medio periodo incapace di fornire delle precise indicazioni, poiché le tre medie mobili di riferimento a 10-25 e 50 giorni si sono ristrette in un’area molto limitata, compresa tra 0.879 dell’EMA 25 periodi e 0,882 dell’EMA 10 periodi (linea di colore azzurro sul grafico). In mezzo, a quota 0,8805, transita l’EMA a 50 periodi (la linea di colore verde sul grafico).

Al rialzo, il ritorno oltre area 0,884 potrebbe allontanare il pericolo di un ulteriore scivolone con target in are 0,87-0,865, favorendo ulteriori recuperi verso quota 0,895-0,90.

Modello di trading cambio euro-sterlina valido da 1 a 5 giorni

Il modello di trading rialzista offre spunti operativi Long nel caso in cui si assista ad un close orario maggiore di quota 0,882 e pronostica i primi due target price in area 0,884 e 0,8872; stop loss in caso di discesa sotto quota 0,8786 in chiusura oraria. Mantenere o aumentare l’esposizione Long in caso di break-out orario di quota 0,8872, per cercare di prendere profitto in prima battuta a quota 0,889 e successivamente a quota 0,891; stop loss in caso di ritorno sotto quota 0,8817 in close orario.

Insistere con ulteriori posizioni rialziste nel caso in cui gli acquisti dovessero spingersi oltre quota 0,891 in chiusura oraria, per cercare di approfittare di ulteriori balzi in area 0,8946 e 0,8967, estesi a quota 0,9002 ; stop loss in caso di ritorno sotto quota 0,884 in close orario. Lecito acquistare sulla debolezza in caso di affondo in area 0,862 in ottica di veloci rimbalzi prima a quota 0,8654 ed in seconda battuta a quota 0,8674, estesi a quota 0,8728; stop loss in caso di ulteriori cali sotto quota 0,856 in chiusura oraria o daily.

Il modello di trading ribassista invece necessita di un close orario minore di quota 0,8786 e pronostica i primi due obiettivi in area 0,8752 e 0,8732; stop loss in caso di recupero di quota 0,882 in chiusura oraria. Mantenere o aumentare le operazioni Short in caso discesa sotto 0,8732 in chiusura di candela oraria, per cercare di ricoprirsi in un primo momento a quota 0,8728 ed in seconda battuta a quota 0,8708; stop loss in caso di ritorno sopra quota 0,8786 in close orario.

Si consiglia di attivare nuove posizioni corte in caso di flessione sotto quota 0,8708 in close orario per cercare di prendere profitto in area 0,8674 e 0,8654, estesa a quota 0,862; stoppare le operazioni in caso di recupero di quota 0,8752 in close orario o daily. Ed inoltre, consigliati short speculativi in caso di allungo in area 0,9002 per sfruttare eventuali storni in area primo luogo a quota 0,8967 e successivamente a quota 0,8946, estesi a quota 0,889; stop loss in caso di ulteriori estensioni al rialzo oltre quota 0,9075 in chiusura di candela oraria o giornaliera.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY