Stefanel chiede il concordato e il titolo crolla in borsa

stefanel

Il titolo di Stefanel, l’azienda di abbigliamento meglio conosciuta come “Maglificio Piave“, crolla in borsa dopo la decisione del concordato preventivo. Di cosa si tratta più nello specifico? Il concordato preventivo è un istituto che permette ad un’azienda in stato di insolvenza (“con poca liquidità e molti debiti”) di continuare la propria produzione, la propria attività, valutando l’eventuale cessione della stessa a terzi, affinché riesca a risanare il buco ingenerato da profitti praticamente assenti.stefanel

Le dichiarazioni del cda di Stefanel che hanno provocato il crollo

Il consiglio di amministrazione ha così comunicato questa mattina:

“ha valutato e deliberato, al fine di ottenere gli effetti protettivi del patrimonio della società previsti dalla normativa applicabile a tutela di tutti gli interessi coinvolti, di presentare domanda di ammissione al concordato preventivo ‘in bianco’ o ‘con riserva’, procedura nell’ambito della quale la società si riserva di poter presentare un ricorso per l’omologazione di un accordo di ristrutturazione dei debiti”.

che rappresenta proprio quanto spiegato nel paragrafo precedente.

Dopo un comunicato del genere gli azionisti hanno iniziato a liquidare le proprie azioni per limitare la perdita visto che il titolo ha perso circa il 13% fino ad arrivare a 0,15 centesimi per azione.

Vedremo nei prossimi giorni quali saranno gli sviluppi e se ci sarà una ripresa del brand d’abbigliamento femminile.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY