Statali: in arrivo il polo unico Inps per le visite fiscali

Il Decreto Madia sancirà il nuovo polo unico della medicina fiscale con a capo l’Inps, anche per i dipendenti statali e non solo per i privati. In arrivo dunque le contromisure per bloccare l’assenteismo dei “furbetti” del weekend lungo.

Sarà dunque un cervellone informatico dell’Inps a rafforzare gli accertamenti e verifiche mirate, in caso di assenze sospette dal lavoro.

L’Asl non sarà più di competenza per gli statali

Ad oggi i controlli per i dipendenti statali sono attive tramite Asl, ma dato il dilagarsi dell’assenteismo, sembra proprio che qualcosa non abbia funzionato, per tale motivo nel Decreto Madia in arrivo tra pochi giorni ha previsto un cambio di risorse trasferite all’Istituto di Previdenza Sociale. Verranno stabiliti inoltre i nuovi criteri per gli accertamenti sullo stato di salute, anche attraverso controlli ripetuti.

L’obbiettivo del Decreto Madia è massimizzare il tasso di rendimento delle visite, grazie a controlli mirati ed efficaci.

Decalogo Madia

Il Decreto Legge conterrà anche un decalogo, ovvero un elenco di dieci situazioni sospette, come ad esempio le assenze di massa durante un grande evento, oltre alle sanzioni per la violazione del codice comportamentale che nei casi più gravi è passibile di licenziamento.

Responsabilità: Tutti gli autori, i collaboratori e i redattori degli articoli pubblicati su webeconomia.it esprimono opinioni personali. Tutte le assunzioni e le conclusioni fatte nei post ed ulteriori analisi di approfondimenti sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime, indici) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e/o raccomandazioni all'investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di investimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali.

LEAVE A REPLY