Startup +11.8 terzo trimestre Milano si conferma prima

startup1

Milano è la capitale italiana delle Startup, indicazione confermata anche quest’anno dai dati forniti dal Registro delle Imprese che fino al 30 settembre 2015 ha visto 456 nuove iscrizioni nel solo terzo trimestre, su un totale di 4.704.

Un aumento che corrisponde ad un +11,8%, un risultato rilevante anche se le Startup per il momento rappresentano solo lo 0,31% delle società registrate. Il giro di investimenti del settore si attesta su un capitale di 236 milioni di euro e vede un cospicuo aumento dei soci iscritti.

Nel terzo trimestre, su questo fronte, sono 1.816 gli iscritti in più, che vanno ad aggiungersi ai precedenti per un totale di 18.677 soci.

Il registro delle imprese inoltre comunica l’assunzione di 967 dipendenti nell’ultimo trimestre, segnando un +24,6%.

I dati per regione

Osservando i dati per regione, la Lombardia si conferma leader nell’iscrizione delle Startup con il 21,6% delle iscrizioni del settore, ovvero 1.018 società iscritte.

La florida Emilia-Romagna si attesta in seconda posizione potendo contare su 541 società iscritte pari al 11,5% del totale.

Poi il Lazio con 455 società iscritte, ovvero il 9,7%, quindi il Veneto dove i numeri parlano di 360 iscrizioni che valgono il 7,6% e il Piemonte, dove sono 326 le iscrizioni per il 6,9% del totale.

Altra regione dove le Startup hanno grande rilevanza è il Trentino-Alto Adige, dove ci sono 91 iscritte ogni 10 mila società di capitali. Il Nord-est chiude con il Friuli Venezia Giulia dove sono 56 le iscrizioni. Al centro solo le Marche segnalano numeri di rilievo con 55 societa.

Le provincie

Milano resta la provincia preferita per le startup con il 14,5% del totale, cioé 680 imprese. Poi la capitale Roma con 389 che sono l’8,3%, quindi Torino, che ha 246 imprese iscritte equivalenti al 5,2%. Seguono Napoli con 143, rappresentante il 3% e Bologna con 142, altro 3%.

Trento invece è la prima provincia per il rapporto tra le Starup e le altre società con 121 Startup ogni 10 mila società di capitali. Poi Trieste, Ancona e Ascoli.

Il 72% delle Startup lavora nei servizi, in particolare quelli informatici, mentre il 18% si occupa di produzioni.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY