SSEC: come investire nell’indice di Shangai

Gli indici azionari rientrano tra gli asset più interessanti su cui investire. Un indice azionario sintetizza l’andamento delle azioni delle principali compagnie di un determinato settore. E, in taluni casi, dell’andamento dell’economia di un intero Paese. Come il caso del SSEC, acronimo di Shangai Stock Exchange Composite.

Il SSEC è un indice capace di rispecchiare l’andamento complessivo dell’intero mercato azionario cinese.

Ma oltre ad essere un indicatore economico, il SSEC è anche, come detto, un asset sul quale investire. Di seguito, quindi, vedremo meglio cos’è il SSEC, come funziona il SSEC, come investire nel SSEC e se conviene davvero.

Una situazione di cui approfittare per investire sul titolo. Attualmente la soluzione migliore è quella di utilizzare il broker ForexTB. Si tratta di un broker autorizzato con servizi innovativi come quello dei segnali che permettono di ricevere consigli per orientare con successo le proprie operazioni. Per saperne di più sui segnali clicca qui per visitare il sito ufficiale.

SSEC Indice cos’è

Cos’è l’indice SSEC? Come detto, si tratta di un indice di borsa di tutte le azioni (azioni A e azioni B) quotate alla borsa di Shanghai. Sono anche indici SSE 180, SSE 50 e SSE Mega-Cap per le prime 180, 50 e 20 società rispettivamente.

SSEC Indice come si calcola

Come funziona l’indice SSEC? Gli indici SSE sono tutti calcolati utilizzando una formula dell’indice di prezzo composito ponderato Paasche.

Ciò significa che l’indice si basa su un periodo base in un giorno base specifico per il suo calcolo. Il giorno base per SSE Composite Index è il 19 dicembre 1990 e il periodo base è la capitalizzazione di mercato totale di tutte le azioni di quel giorno. Il valore di base è 100. L’indice è stato lanciato il 15 luglio 1991.

La formula è:

indice corrente = capitalizzazione di mercato totale attuale dei componenti × valore di base / periodo base

La capitalizzazione di mercato totale invece si calcola =

(prezzo × azioni emesse)

Le azioni sono generalmente denominate in dollari USA ai fini del calcolo.

Per il calcolo di altri indici, i prezzi delle azioni B vengono convertiti in RMB al tasso di cambio applicabile (il prezzo medio del dollaro USA l’ultimo giorno di negoziazione di ogni settimana) presso il China Foreign Exchange Trading Center e quindi pubblicato dallo scambio.

Conviene investire sull’Indice SSEC?

Con l’arrivo di un nuovo decennio, una cosa prevedibile della Cina negli anni 2020 è che si sta spostando verso un’economia di qualità superiore che è più aperta e abbonda di nuove opportunità per le imprese globali.

Nonostante una nuvola di sfide, l’economia cinese si è conclusa nel 2019 con una crescita del PIL del 6,1 per cento. Il che risulta essere tra le migliori prestazioni tra economie comparabili.

Agendo come una “locomotiva”, si prevede che contribuirà a circa il 30 percento della crescita globale. A seguito dell’ampliamento del 2010 e in una migliore forma, la seconda economia del mondo è sempre più influenzata dal crescente potere dei consumatori e dei servizi ed emergenti settori. Tutti ritenuti utili per stimolare l’enorme potenziale della Cina nel mercato, nelle riforme e nell’innovazione.

Le tendenze che riportiamo di seguito, possono offrire uno sguardo ai cambiamenti positivi che il mondo può aspettarsi dalla Cina nel nuovo decennio.

L’importanza dei consumatori “al dettaglio”

I consumatori domestici rappresentano ormai oltre il 60 percento della crescita economica della Cina. Nonostante una moderazione della crescita del PIL nominale, le vendite al dettaglio, un importante indicatore dei consumi, sono cresciute dell’8% nel 2019. Guardando al futuro, gli analisti si aspettano che il consumo del paese sia modellato da un gruppo a medio reddito in forte espansione, l’urbanizzazione rapida e i progressi della tecnologia, tra le altre cose.

Con la più grande popolazione a medio reddito del mondo, la Cina ha un grande potenziale per aumentare il contributo dei consumi, in particolare quello dei servizi, alla sua crescita del PIL. A dirlo è Liu Qiao, decano della Guanghua School of Management dell’Università di Pechino, prevedendo che il consumo di servizi rappresenterebbe circa il 60% o più del consumo totale della Cina entro il 2035.

Sebbene le grandi città abbiano ancora contribuito a una maggiore quantità di consumo, quella delle città di livello inferiore e delle regioni rurali ha continuato a crescere rapidamente.

Un rapporto di Morgan Stanley ha previsto che il consumo nelle città più piccole della Cina potrebbe triplicare entro il 2030 dal 2018. “I futuri consumatori cinesi saranno più ricchi e più esperti di tecnologia”, ha affermato l’analista di mercato asiatico Angela Moh nel rapporto,

“Considerando che entro il 2030, più della metà della popolazione in Cina sarà cresciuta con uno smartphone o sarà sufficientemente informata per beneficiare del vasto commercio elettronico, probabilmente rimarrà un fattore chiave del consumo cinese”.

Innovazione costante

Nell’indice di innovazione Bloomberg del 2020, la Cina si è classificata al 15 ° posto nella lista dei paesi più innovativi del mondo, passando dal 16° nel 2019 e 19° nel 2018. Le migliori prestazioni sono arrivate tra gli sforzi della Cina per migliorare la protezione della proprietà intellettuale, aumentare la produttività e favorire la nuova crescita guidatori dell’innovazione.

Un rapporto della Banca mondiale intitolato “Cina 2030: costruire una società moderna, armoniosa e creativa” elenca i vantaggi del paese nel suo viaggio verso un’economia innovativa – una forte tendenza al rialzo delle sue spese in ricerca e sviluppo, grande settore manifatturiero con ampie capacità e crescente offerta di competenze scientifiche e ingegneristiche per il miglioramento della qualità.

Le scoperte della tecnologia introdurranno la prossima ondata di sviluppo economico e nuove opportunità di investimento e la Cina dovrà scalare la catena del valore, ha affermato Mark Haefele, capo degli investimenti funzionario di UBS Global Wealth Management.

Il paese asiatico aumenterà la sua competitività in alto valore-a categorie di produzione minate come la tecnologia dell’informazione, le industrie emergenti e gli elettrodomestici, ha affermato il ricercatore di UBS Hou Yankun.

Maggiore attenzione all’ambiente

Per affrontare le sfide ambientali, il governo cinese ha dichiarato guerra all’inquinamento e introdotto una serie di iniziative ecologiche. Tra cui la riduzione delle emissioni complessive, la riduzione degli impianti a carbone e il rafforzamento dell’applicazione delle norme ambientali. La Cina sta assumendo la guida con azioni concrete.

La percentuale di fonti energetiche pulite della Cina nel mix di consumo totale di energia ha continuato a salire al 24 percento del totale nel 2019, dal 23 percento del 2018.

Le sue emissioni di anidride carbonica per PIL sono diminuite del 45,8 percento nel 2018 dal livello del 2005, un passo avanti verso l’obiettivo di raggiungere il picco delle emissioni intorno al 2030.

Gli impegni verdi del paese possono trasformarsi in enormi opportunità per gli investitori globali. Il colosso finanziario globale Standard Chartered Bank (SCB) prevede che gli sforzi della Cina per raggiungere gli obiettivi sostenibili del 2030 porterebbero opportunità di investimento del valore di 3 trilioni di dollari USA, assorbendo circa il 30 percento del valore totale degli investimenti globali.

Le strutture sanitarie in Cina, ad esempio, sbloccheranno un potenziale di investimento del valore di 26,1 miliardi di dollari per il settore privato, ha osservato SCB.

Maggiore apertura al Mondo

China continuerà ad abbreviare l’elenco negativo per facilitare le regole off-limits sugli investimenti stranieri e rafforzare gli sforzi di apertura nelle zone pilota di libero scambio nel 2020, ha affermato la Commissione nazionale per lo sviluppo e le riforme.

Con l’attuazione della legge sugli investimenti esteri, eliminazione delle restrizioni sui settori manifatturieri, finanziari per le imprese straniere e riduzioni delle tariffe, la Cina ha accelerato il ritmo di apertura. Il colosso della casa automobilistica elettrica Tesla ha assistito alla velocità della Cina mentre il suo gigafactory di Shanghai consegnava le prime 15 auto Model 3 ai clienti meno di una un anno dopo l’inizio dell’operazione.

Il che ha dimostrato che la Cina, con continui sforzi di riforma e apertura, è ancora in cima alla lista delle destinazioni di investimento per le imprese straniere: il suo mercato, migliorare la sua struttura di apertura, ottimizzare l’ambiente imprenditoriale, approfondire la cooperazione multilaterale e bilaterale e far avanzare Belt and Road cooperazione.

Mentre le sue porte si aprono sempre di più e la sua economia si espande costantemente, la Cina è destinata a dare maggiori contributi all’economia globale.

“La Cina giocherà un ruolo più importante nel alimentare la domanda e l’offerta globali”, ha affermato Shao Yu, Chief economist di Orient Securities.

Dunque, tutti questi fattori lasciano intendere che investire sull’Indice SSEC conviene. In quanto la Cina, già cresciuta esponenzialmente da qui agli anni ‘90, sta trasformando ulteriormente la propria strategia.

Il che significa che davanti a sé la tigre asiatica ha un grande futuro.

Come investire nell’Indice SSEC

Detto cos’è e come si calcola l’Indice azionario SSEC, vediamo come è possibile investire su di esso.

Il modo migliore per farlo è iscriversi ad un Broker con regolare licenza CySEC. Il che vi metterà a riparo da truffe. Inoltre, conviene sempre puntare su Broker che abbiano zero commissioni sul trading e che prevedano solo lo spread.

Questi Broker consentono di investire sugli indici azionari mediante i CFD, acronimo di Contract for difference. Strumenti definiti derivati in quanto riflettono il valore di un sottostante.

I CFD permettono di investire su una pluralità di asset di varia natura. Dagli indici azionari appunto alle azioni, passando per le materie prime, i metalli preziosi, le valute del Forex e le criptovalute.

Nei prossimi tre paragrafi vediamo tre Broker con queste caratteristiche.

Investire nell’indice SSEC con eToro

eToro (clicca qui per visitare il sito ufficiale) ha a Limassol e vanta quasi 11 milioni di utenti iscritti. Motivo? I tanti servizi che offre, tra cui i principali sono il Social trading, il CopyTrader e i Copyportfolios.

Oltre all’indice azionario SSEC, su eToro puoi investire su altri principali indici azionari di questi Paesi:

  • Australia
  • Germania
  • Dow Jones (USA)
  • Spagna
  • Europa (Euro Stoxx)
  • Francia
  • Hong Kong
  • Giappone
  • Nasdaq (USA)
  • S&P 500 (USA)
  • Regno Unito

Ancora, è possibile trovare l’indice del dollaro, il quale riflette l’andamento del dollaro contro un paniere di sei valute.

Per aprire un account gratuito su eToro clicca qui.

Come investire su SSEC con Investous

Investous (clicca qui per visitare il sito ufficiale) ha sede a Cipro ed è nato nel luglio 2018.

Offre 4 tipi di account diversi, mentre il servizio più importante che offre sono i segnali di trading inviati da Trading Central.

I segnali di trading sono suggerimenti inviati a chi ne fa richiesta, su quando è il momento di entrare sul mercato e in che modo. E Trading Central ha vinto per 9 anni consecutivi i prestigiosi Technical Analyst Awards.

Per ricevere i segnali gratuiti di Investous clicca qui.

Come fare trading su SSEC con Plus500

Chiudiamo la panoramica dei Broker CFD con Plus500 (clicca qui per il sito ufficiale). Chi ama il calcio ricorderà che è sponsor dell’Atletico Madrid. Il che è un’altra medaglia da appuntare per la sua credibilità.

Ecco altri indici azionari sui quali è possibile investire su Plus500 (esclusivamente tramite CFD):

  • Germania 30
  • Indice di volatilità VIX
  • Italia 40
  • Giappone 225
  • US-TECH 100
  • Europa 50
  • USA 500
  • Spagna 35

Per aprire un account gratuito su Plus500 clicca qui ed apri il tuo conto demo.

Responsabilità: Tutti gli autori, i collaboratori e i redattori degli articoli pubblicati su webeconomia.it esprimono opinioni personali. Tutte le assunzioni e le conclusioni fatte nei post ed ulteriori analisi di approfondimenti sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime, indici) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e/o raccomandazioni all'investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di investimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here