Spotify, i brani più ascoltati del 2018

Ellen DeGeneres partecipa al 41 ° Annual People’s Choice Awards al Nokia Theatre LA Live, che si tiene il 7 gennaio 2015 a Los Angeles.

Ellen DeGeneres sta portando il suo amore per la musica al livello successivo. Il famoso talk show host si è unito a Spotify per creare un hub curato da DeGeneres stessa con contenuti personalizzati, playlist a tema con i suoi artisti preferiti, videoclip e il suo podcast “Ellen on the Go”.

“Ellen supporta ciò di cui è appassionata condividendola con il suo vasto pubblico di fan devoti, e attira costantemente una risposta entusiastica, in particolare quando si tratta del suo amore per la musica”, ha affermato Dawn Ostroff, chief creative officer di Spotify.

“Siamo gli stessi di Spotify – entrambi creiamo opportunità per nuove voci da scoprire e apprezzare da milioni – ed è per questo che la nostra nuova partnership è così eccezionale. Non vediamo l’ora di svelare ulteriori parti di questa collaborazione a lungo termine e aiutarci a raggiungere i fan nuovi ed esistenti in modi nuovi e innovativi “.

Inoltre, il servizio di streaming sarà presentato regolarmente su The Ellen Degeneres Show attraverso integrazioni on-air ispirate alle tendenze della cultura in tempo reale. Per annunciare la partnership, DeGeneres ha trasmesso un montaggio dei suoi spettacoli preferiti di Ellen del 2018, tra cui “Young, Dumb & Broke” di Khalid, “Havana” di Camila Cabello e “thank you, next” di Ariana Grande tra gli altri.

Il 2018 è stato un anno pazzesco per la musica e i numeri in streaming. Ma la canzone preferita al mondo è ancora “Shape of You” di Ed Sheeran. La canzone è stata suonata più di 2 miliardi di volte su Spotify, che è la prima per la piattaforma. Forse è ancora più impressionante scomporlo.

Questo significa che “Shape Of You” è stato trasmessa in streaming per circa 7 miliardi di minuti o 14.776 anni. La pop star mantiene la sua nota di ringraziamento semplice, che ha condiviso attraverso i social media:

“Grazie mondo. Prima canzone per due miliardi di stream su Spotify. “Sheeran ha raggiunto una pietra miliare che nessun altro artista ha ancora, nemmeno Drake, ma sta recuperando terreno. Solo quest’anno, “God’s Plan” ha collezionato 1,1 miliardi di ascolti su Spotify. Senza dubbio, il rapper raggiungerà anche i 2 miliardi di contatti. Ma “Shape of You” sarà sempre il primo.

Ma oltre a ciò, mentre ci avviciniamo al nuovo anno, è il momento di ricordare quante volte tutti abbiamo ascoltato “thank U, next” nel 2018. Come? Con Spotify’s Wrapped, che ora è disponibile sull’app di streaming musicale.

Negli ultimi anni, Spotify ha reso molto facile rivivere tutta l’ottima musica e i podcast di cui godono gli utenti, utilizzando Wrapped, la sua funzione annuale che offre agli ascoltatori approfondimenti su ciò che hanno trasmesso in streaming sulla piattaforma negli ultimi 12 mesi. Spotify ti dirà il numero di nuovi artisti che hai scoperto, i tuoi brani e artisti più ascoltati, i migliori generi e, naturalmente, ti aiutano a condividere questi fatti divertenti su Instagram, Twitter e Facebook, dando loro una bella pubblicità gratuita nel processo.

Oltre a questo, quest’anno Spotify condividerà alcuni dei suoi utenti premium Dati avvolti in luoghi di rilievo in tutto il mondo, come a Times Square o Piccadilly Circus di Londra.Spotify ha una pagina speciale per artisti, dove possono imparare quale le loro canzoni erano più popolari per mese, ore totali di musica in streaming dai fan e altro ancora. Inoltre, una playlist dei migliori successi del 2018, che, sfortunatamente, include sette canzoni di Post Malone.

Spotify, un riepilogo dei brani più ascoltati nel 2018

Drake, Post Malone, XXXTentacion, J Balvin e Ed Sheeran sono gli artisti più trasmessi su Spotify, e le migliori canzoni sono state “God’s Plan” di Drake, “SAD!” Di XXXTentacion, “Rockstar” di Post Malone e Post Malone’s “Psycho”, seguito da “In My Feelings” di Drake.

Nei soli Stati Uniti, le cose sono leggermente diverse ma sostanzialmente uguali: Drake, Post Malone, XXXTenatacion, Travis Scott e Khalid in cima. “Nice for What” invece di “In My Feelings.” Una menzione d’onore per Juice WRLD, una parte del genere prevalentemente americano di musica rap, infusa con le influenze rigurgitate dei primi anni dell’emozione, in particolare la sua linea di misoginia. (Il suo primo successo è stato “All Girls Are the Same.”). In un elenco separato sono state incluse anche le migliori artiste femminili della piattaforma, in una lista separata.

Da qualche parte nelle classifiche, le donne non esistono: Invasion of Privacy di Cardi B era N.4 nella lista degli album più importanti degli Stati Uniti, anche se non è apparsa nella top 5 mondiale e non aveva una canzone migliore. Dua Lipa è stata l’unica artista femminile con un album nella top five globale, ma non ha avuto nemmeno una canzone top.

Spotify scrive sul blog aziendale che “191 milioni di persone in tutto il mondo hanno trasmesso musica e contenuti in streaming nel 2018.”

Nessuna grande sorpresa, poiché la stessa identica cosa è accaduta l’anno scorso. Nel 2016, Rihanna è stata l’unica donna in cima alla lista. Nel 2015, erano anche tutti uomini. Questi risultati sono ancora più strani dato il numero di donne – Adele, Taylor Swift, Rihanna, Beyoncé e Pink, per citarne alcuni – che hanno tirato fuori album di successo con milioni di vendite, in un momento in cui un album di platino è apparentemente impossibile. negli ultimi anni delle classifiche, questa polarizzazione sembra più del sessismo culturale della varietà da giardino – sembra qualcosa di nuovo che le nostre piattaforme basate su algoritmi hanno prodotto.

La più grande domanda che deve affrontare Spotify nel prossimo anno dovrebbe essere se può fare qualcosa al riguardo.

Spotify app maschilista?

La scrittrice di musica Liz Pelly, la critica più diligente del giornalismo sull’influenza che Spotify esercita attualmente nella cultura popolare, ha condotto un micro-studio sul sessismo algoritmico di Spotify per il Baffler all’inizio di quest’anno.

“La cultura dello streaming riflette semplicemente uno status quo incessantemente maschile, o ci sta spostando verso una cultura della musica pop più omogenea e apertamente maschile?”, ha chiesto, sottolineando che il 2017 è stato il primo anno dal 1984 in cui nella Top 10 di Billboard ci sono stati esclusivamente artisti maschili.

Per il suo esperimento, ha creato un account Spotify nuovo di zecca, in modo che tutti i risultati risultino da una lavagna pulita – puro algoritmo, per confermare “che quando un utente ascolta prevalentemente le playlist dominate dagli uomini, ciò che viene prodotto è ancora più dominato dagli uomini playlist.” Ha ascoltato solo le playlist in primo piano di Spotify e le loro successive raccomandazioni per un mese; poi ha scaricato fogli di calcolo dei dati e ha scoperto che aveva ragione.

La Top Hits di oggi è la playlist più seguita su Spotify, con oltre 22 milioni di follower: 3 milioni in più rispetto a quando Pelly ha pubblicato il suo pezzo meno di sei mesi fa. Pelly ha scoperto che l’85,5 percento delle canzoni apparse in tutto il mese includeva uomini e il 45,5 percento erano le donne incluse.

Allo stesso modo:

  • On New Music Friday: l’82,4 percento delle canzoni includeva uomini, il 37,2 percento includeva donne.
  • Su Rap Caviar: “L’unico regalo presente su una donna è stato Bartier Cardi di Cardi B (feat. 21 Savage).” Questo significa che ogni settimana, per quattro settimane consecutive, e su una playlist di cinquanta tracce, solo una canzone guidata da è apparso un artista donna. “
  • Su Rock This: l’86 percento delle canzoni per gruppi di soli uomini, il 9 percento erano di gruppi femminili, e il 5 percento erano di gruppi con “coinvolgimento femminile”.
  • Su ¡Viva Latino !: 73% di uomini, 24% di donne, i migliori numeri che vide Pelly.
  • Su Discover Weekly – la sezione di raccomandazione personalizzata dell’app Spotify, che aiuta gli utenti a trovare nuove canzoni secondo il loro gusto prestabilito – Pelly ha rilevato che solo il 23,3% delle canzoni è stato diretto da o rappresentato da una artista femminile. Ancora una volta, dati i termini dell’esperimento, il “gusto” qui era puramente quello dell’algoritmo di Spotify.

Il posizionamento su queste playlist consente di aggiungere una canzone a più playlist create dall’utente, suggerite dall’algoritmo ad altri utenti a cui piacciono altre canzoni su quelle altre playlist e di radicare alcuni artisti nel tessuto di base di tutti gli ascoltatori attraverso il servizio. Gli algoritmi assegnano anche la priorità ai brani che le persone finirebbero per saltare, quindi è ovvio che l’ascolto di playlist passive stia aumentando gli artisti a cui gli utenti potrebbero non interessare realmente. Come Ed Sheeran.

È possibile per un artista sfondare in alto senza pagare – per prendere il sopravventor i primi spot su tutte le playlist presenti sull’intera piattaforma per diversi giorni. XXXTentacion e Post Malone sono entrambe storie di successo nate da SoundCloud e poi dal posizionamento del Caviale Rap; J Balvin è stato selvaggiamente popolare in Colombia per anni, ma ha fatto il suo crossover grafico globale su “I Like It”, insieme a Cinderella, Cardi B. di Internet (strano, quindi, che lei non compaia nella top five!)

Quindi forse la cosa più allarmante dei migliori artisti di quest’anno è che mostra l’algoritmo, mentre naturalmente è sempre responsabile verso la mega-corporazione di un solo uomo che è Drake e la tessera di Hallmark antromorfa che è Ed Sheeran, è anche capace di piegarsi per adattarsi nuove voci – ma solo un certo tipo.

Spotify e il caso XXXTentacion

Il potere delle voci maschili su Spotify è tale che XXXTentacion appare nella colonna degli artisti, delle canzoni e degli album migliori, nonostante la sua musica sia stata rimossa dalle playlist promosse durante il breve esperimento della società con una “Politica di contenuti e condotta odiosa” che ha come bersaglio XXXTentacion perché – prima della sua morte in giugno – fu accusato di numerosi crimini violenti, tra cui picchiare e strangolare la sua fidanzata incinta, oltre a imprigionarla nella sua casa. (Dopo la sua morte, Pitchfork pubblicò una registrazione di lui che confessava i crimini).

Spotify ha respinto la politica, ma non convince. L’algoritmo di Spotify suggerisce di aggiungerlo a una delle playlist create circa una volta al giorno. “SAD!” È stato trasmesso in streaming circa 1 miliardo di volte, il che significa dover combattere attivamente per non ascoltarlo, facendo attenzione a non lasciare mai una playlist rap o album di artisti simili colpire l’algoritmo e tirare la mia prossima traccia per me.

Spotify non ignora che ha un problema. A marzo, ha evidenziato le disparità nei numeri del 2017 e ha lanciato Smirnoff Equalizer: un sito sponsorizzato da Smirnoff che ti avrebbe detto quale percentuale dei tuoi stream andavano alle artiste e suggerirebbe agli artisti femminili che potrebbero interessarti. Il comunicato stampa per il progetto includeva anche altre informazioni interessanti, come “Se vuoi brindare alle donne fenomenali della tua vita, mescola l’originale Moscow Mule, che è stato inventato da Smirnoff nel 1941. Combina 1,5 once. Smirnoff No. 21 vodka, 4 oz. birra allo zenzero e una spremuta di lime in una tazza di rame sopra il ghiaccio. ”

L’algoritmo è in grado di essere modificato per ospitare nuove voci, ma solo un certo tipo. Il sito web era distaccato e le raccomandazioni per le playlist erano quasi ovvie: hai sentito parlare di Aretha Franklin? Che mi dici di Joni Mitchell? – e quando Pelly l’ha usato, le è stato detto che stava ascoltando quasi il 100% di artisti maschi.

“Avevo semplicemente ascoltato ciò che Spotify mi ha detto di ascoltare”, ha sottolineato.

Spotify riconosce il problema donne e cerca di affrontarlo

A suo merito, Spotify riconosce almeno il problema abbastanza spesso. Ha lanciato un progetto diverso, chiamato anche “Equalizer”, in collaborazione con il re pop svedese Max Martin nell’estate 2017, incentrato sulle cene di networking e seminari sulle donne nel mondo della musica. A marzo, ha creato un nuovo hub per le playlist chiamato “Amplify”, per promuovere la musica in qualche modo correlata a cause sociali e iniziato con “donne del mondo” per il Mese della storia della donna.

A novembre, ha lanciato “EQL Directory”, un database globale di donne che lavorano nella produzione musicale, e ha sottolineato che meno del 5% degli ingegneri audio attualmente operativi sono donne.

Ma finora non ha voluto o non è stato in grado di risolvere i problemi più basilari della propria piattaforma. (Non che Spotify sia solo lì. Amazon e Google sono stati entrambi chiamati AI per l’AI sessista quest’anno, e non è certo un fenomeno nuovo.)

Il 2019 sembra un buon anno come nessun altro per cercare di capirlo, no?

La funzione annuale “Wrapped” di Spotify, che riassume le tracce e i generi che i singoli utenti hanno trascorso più tempo ad ascoltare quest’anno, è operativa. Utilizzala e cerca di capire quanto parte del problema sei tu.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY