Spotify, è fuga delle Major. Intanto lancia la Summer playlist 2018

Spotify sta aumentando le offerte per gli studenti universitari negli Stati Uniti. Il servizio di streaming musicale sta aggiungendo un abbonamento a Showtime al suo piano Spotify Premium for Students, che include già musica senza pubblicità e Hulu (la versione per spot limitati) a $ 4,99 per mese, la società ha riferito Mercoledì (Showtime fa parte di CBS, che possiede anche CNET.)

“Mai prima d’ora gli studenti avevano questo livello di opzioni di intrattenimento in streaming, con questo valore senza precedenti, tutto in un unico pacchetto,” Alex Norstrom, Chief premium officer di Spotify, ha detto in una dichiarazione. Un normale account Spotify Premium costa $ 9,99 al mese, mentre il piano commerciale Hulu Limited costa $ 7,99 al mese e un abbonamento Showtime online costa $ 10,99 al mese. Il piano aggiornato di Spotify è ora disponibile per tutti gli studenti statunitensi iscritti ad istituti accreditati. Spotify ha anche detto che i nuovi abbonati possono iscriversi al piano per soli 99 centesimi per i primi tre mesi.

Ora si spera che Spotify possa allargare questa offerta anche ai Paesi europei, inclusa ovviamente l’Italia. Dove il servizio per lo streaming della musica è attivo dal 12 febbraio 2013, in concomitanza con il Festival di Sanremo. Nello stesso giorno è stato attivato anche in Polonia e Portogallo. Via via, nel corso dei 3 anni successivi ha raggiunto un’altra cinquantina di Paesi, coprendo quasi tutta Europa e le Americhe, mentre in Asia è attivo in Giappone e Indonesia.

Sommario

Major in fuga da Spotify, perché?

Le maggiori case discografiche e l’agenzia di marchi indipendenti Merlin hanno investito una somma di 8,8 milioni di euro in Spotify (NYSE: SPOT) nel 2008 per una quota combinata del 17,3%. Una volta che la compagnia di streaming musicale divenne pubblica, era solo una questione di tempo prima che le etichette discografiche prendessero parte del loro denaro dal tavolo. Non persero molto tempo. La quotazione diretta di Spotify consentiva agli azionisti di vendere immediatamente invece di rispettare il tipico periodo di lockup delle IPO tradizionali.

Sony (NYSE: SNE) ha immediatamente venduto il 17% della sua partecipazione nel giorno in cui Spotify è diventato pubblico e ha venduto circa la metà della sua quota del 5,7% nel corso del secondo trimestre. Warner Music Group inizialmente ha venduto il 75% delle sue azioni a maggio, ma alla fine del trimestre aveva esaurito tutte le sue partecipazioni. Merlin ha scaricato il 100% delle sue azioni a maggio. Vivendi, proprietaria di Universal Music Group, è l’unica etichetta che detiene ancora tutte le sue azioni, con un valore di 456 milioni di euro. Perché le etichette sono così ansiose di liberarsi della loro posta in Spotify?

In occasione della ripartizione degli utili del primo trimestre di Warner Music Group, il CEO Steve Cooper ha spiegato: “Siamo una società di musica e non, per nostra natura, detentori di azioni a lungo termine”. Il CEO di Merlin, Charles Caldas, ha fatto eco: “È fuori dal mandato di Merlin mantenere una posizione azionaria a lungo termine in una società quotata in borsa in cui esiste un mercato liquido e trasparente per tale equity.”

La direzione di Sony non ha fornito un motivo particolare per vendere le sue azioni (né per mantenerne la metà), ma ha detto che condividerebbe i guadagni con artisti come delineato nelle sue politiche standard. Quello che la direzione non dice è che le società sono già pesantemente investite in Spotify, anche se non possiedono azioni . Non investire dove si fanno i propri soldi. La musica di streaming è la forza che fa aumentare le entrate dell’industria musicale dopo un decennio e mezzo di calo delle vendite. L’anno scorso, i diritti d’autore in streaming rappresentavano i due terzi delle entrate del settore, secondo la Recording Industry Association of America. Lo streaming ha portato circa 5,7 miliardi di dollari negli Stati Uniti l’anno scorso per le etichette discografiche, e quel numero è sicuramente in crescita man mano che lo streaming diventa sempre più popolare.

Spectify è solo una parte delle entrate dello streaming. Non è più il leader di mercato negli abbonamenti musicali a pagamento, né è la più grande fonte di streaming musicale gratuito (YouTube). Tuttavia, è una parte relativamente ampia del mercato che è una fonte di entrate sempre più importante per le etichette discografiche degli Stati Uniti. Di solito è intelligente scaricare le azioni di una società il prima possibile quando rappresenta già una fonte di reddito così ampia. La maggior parte dei dipendenti che vengono pagati con le opzioni su azioni dovrebbero sbarazzarsi delle azioni quando hanno interamente acquisito. Per la natura del loro rapporto con l’azienda, sono già pesantemente investiti nel futuro successo del business.

Quindi in nessun modo le etichette discografiche e le azioni di Spotify scoraggiano gli investitori regolari. Le etichette discografiche non sono al corrente di alcuna informazione su un imminente collasso di Spotify o delle sue azioni. Stanno semplicemente diversificando i loro investimenti. Mentre Spotify ha i suoi problemi, le azioni sono discutibilmente costose e la sua capacità di realizzare un profitto è ancora in discussione, la tesi a lungo termine è ancora intatta.

Spotify è ancora ben posizionato per vincere nuovi abbonati e ascoltatori di streaming, e alla fine tutti useranno lo streaming come forma primaria di consumo di musica. Spotify è attualmente il modo migliore per investire in questa tendenza.

Spotify rivela la Top 20 Summer Hits 2018

Spotify ha rivelato la sua classifica ufficiale delle Songs of the Summer 2018 e, senza troppe sorprese, “In My Feelings” di Drake è in cima alla lista sia a livello globale che negli Stati Uniti, con oltre 393 milioni di stream tra il 1 giugno e il 20 agosto. Le canzoni N ° 2 e N ° 3 sono state entrambe accompagnate da Cardi B: la ballata di Maroon 5 “Girls Like You” è arrivata seconda con circa 293 milioni di stream, mentre l’appasionato “I Like It” (con J Balvin e Bad Bunny) è arrivato terzo vicino con oltre 289 milioni di stream. SoundCloud rap ha ottenuto i successivi due posti negli Stati Uniti, con “Lucid Dreams” di Juice WRLD e “Sad!” del XXXTentacion in ritardo rispettivamente al numero 2 e al 3 del paese (e numeri 4 e 5 a livello globale). “I Like It” di Cardi è subito dietro, ma il brano Maroon 5 è al n. 11.

“Juice WRLD è senza dubbio la star dell’estate”, afferma Carl Chery, Head of Urban Music di Spotify. “La sua ascesa è stata una delle più veloci nella memoria recente, ma la sua musica ha dimostrato di avere un potere costante. La sua abilità per le melodie e la sua disponibilità ad essere vulnerabile su canzoni come “Lucid Dreams” si collega al suo pubblico in un modo reale.

La Lista include anche “One Kiss” di Calvin Harris e Dua Lipa e “Solo” di Clean Bandit, con Demi Lovato e l’inno pop-rock di 5 Seconds of Summer “Youngblood” e “No Tears Left to Cry” di Ariana Grande. Te Boté – Remix “è anche emerso come una delle migliori piste estive a livello mondiale, guidato dal nuovo arrivato Nio Garcia, un ballerino portoricano diventato rapper (la pista ospita anche artisti come Casper Magico, Darrell, Ozuna, Bad Bunny e Nicky Jam).

In genere, le liste estive sono spesso una predizione di ciò che saranno le liste finali di fine anno. E ci vorrà un colpo da mostro per rubare la Top 20 2018 a Drake e Cardi B.

Ecco la Spotify’s Top Global Songs of Summer 2018:

  1. In My Feelings – Drake
  2. Girls Like You – Maroon 5 (feat. Cardi B)
  3. I Like It – Cardi B (feat. Bad Bunny, J Balvin)
  4. Lucid Dreams – Juice WRLD
  5. SAD! – XXXTENTACION
  6. Better Now – Post Malone
  7. One Kiss – Calvin Harris (with Dua Lipa)
  8. Solo – Clean Bandit (feat. Demi Lovato)
  9. Taste – Tyga (feat. Offset)
  10. Youngblood – 5 Seconds of Summer
  11. God’s Plan – Drake
  12. Nice For What – Drake
  13. Te Boté – Remix – Nio Garcia (feat. Casper Magico, Darrell, Ozuna, Bad Bunny and Nicky Jam)
  14. Jackie Chan – Tiësto, Dzeko (feat. Post Malone, Preme)
  15. Back To You – Selena Gomez
  16. no tears left to cry – Ariana Grande
  17. Moonlight – XXXTENTACION
  18. Don’t Matter To Me – Drake (with Michael Jackson)
  19. Rise – Jonas Blue
  20. Nonstop – Drake

Ecco la Spotify’s Top U.S. Songs of Summer 2018:

  1. In My Feelings – Drake
  2. Lucid Dreams – Juice WRLD
  3. SAD! – XXXTENTACION
  4. I Like It – Cardi B (feat. Bad Bunny, J Balvin)
  5. Nice For What – Drake
  6. Better Now – Post Malone
  7. Taste – Tyga (feat. Offset)
  8. Moonlight – XXXTENTACION
  9. Nonstop – Drake
  10. Yes Indeed – Lil Baby & Drake
  11. Girls Like You – Maroon 5 (feat. Cardi B)
  12. I’m Upset – Drake
  13. God’s Plan – Drake
  14. Psycho – Post Malone (feat. Ty Dolla $ign)
  15. All Mine – Kanye West
  16. Jocelyn Flores – XXXTENTACION
  17. Don’t Matter To Me – Drake (with Michael Jackson)
  18. All Girls Are The Same – Juice WRLD
  19. Look Alive – BlocBoy JB (feat. Drake)
  20. changes – XXXTENTACION

Spotify sta testando l’offerta Friends Weekly su Android

Quest’anno, Spotify ha iniziato a testare una nuova playlist di Friends Weekly per gli utenti dell’app iOS. Diversi mesi dopo, la playlist di Friends Weekly è stata resa disponibile a un pubblico più ampio di utenti iOS. Ora, sembra che gli utenti dell’app Android di Spotify riceveranno presto la funzione Friends Weekly. Friend Weekly è una playlist personalizzata dei brani suonati di recente dei tuoi amici.

La playlist è fatta per rendere Spotify un’esperienza più sociale, consentendo di vedere quali canzoni i tuoi amici sono interessati e reagire con gli emoji. A giudicare dagli screenshot che ci sono stati inviati, questa è una visione simile a una storia dell’attività di ascolto dei tuoi amici. Puoi ascoltare la stessa musica sincronizzata con i tuoi amici. Puoi fare clic sui nomi dei tuoi amici e iniziare ad ascoltare ciò che stanno ascoltando.

Come accedere alla nuova funzione di playlist Weekly di Spotify?

Metodo 1: Questa funzione è stata suggerita in codice per alcune versioni, ma l’ultima versione beta di Spotify ora consente di avviare le attività per queste funzionalità. Se invii i seguenti comandi ADB, puoi verificare personalmente la nuova playlist di Friends Weekly. Non hai nemmeno bisogno di root per avviare le attività da quando vengono esportate.

Metodo 2: In alternativa, è possibile utilizzare un’app di avvio attività come la funzione integrata in Nova Launcher o questa app dedicata.

Puoi scaricare l’ultima versione dell’app Spotify da Google Play Store, sebbene le applicazioni per il gruppo di beta test non siano più disponibili. Se non sei già nella versione beta, puoi scaricare l’ultima versione beta da APKMirror.

Spotify Tecnology Inc. storia

Spotify è stato sviluppato nel 2006 da un team di Spotify AB, a Stoccolma, in Svezia. La società è stata fondata da Daniel Ek, ex CTO di Stardoll, e Martin Lorentzon, co-fondatore di TradeDoubler. Il titolo dell’azienda, secondo Daniel Ek, fu inizialmente misheard da un nome gridato da Martin Lorentzon. Più tardi hanno pensato a un’etimologia di una combinazione di “spot” e “identificazione”. Spotify Sweden AB, con sede a Stoccolma, in Svezia, si occupa di ricerca e sviluppo. La società è una controllata di Spotify Ltd., una società con sede a Londra, Regno Unito che a sua volta è una controllata di Spotify Technology S.A., con sede in Lussemburgo. Spotify ha uffici in 20 paesi a partire da novembre 2016.

L’applicazione Spotify è stata lanciata il 7 ottobre 2008. Mentre gli account gratuiti sono rimasti disponibili su invito per gestire la crescita del servizio, il lancio ha aperto abbonamenti a tutti. Allo stesso tempo, Spotify AB ha annunciato accordi di licenza con le principali etichette musicali.

Nel febbraio 2009, Spotify ha aperto la registrazione pubblica per il livello di servizio gratuito nel Regno Unito. Le registrazioni sono aumentate dopo il rilascio del servizio mobile, portando Spotify a interrompere la registrazione per il servizio gratuito a settembre, riportando il Regno Unito a una politica solo su invito. Le carte premium sono state offerte per la stagione natalizia del 2009 che consentiva ai destinatari di aggiornare un account allo stato “Premium” per 1, 3, 6 o 12 mesi. Per il lancio del servizio negli Stati Uniti nel luglio 2011, Spotify ne aveva sei – meno il periodo di prova pubblicitario gratuito, in cui i nuovi utenti possono ascoltare una quantità illimitata di musica. Nel gennaio 2012, la prova gratuita ha iniziato a scadere, con utenti limitati a dieci ore al mese e cinque ripetizioni di brani.

A marzo, Spotify ha rimosso tutti i limiti del livello di servizio gratuito a tempo indeterminato. Nell’aprile 2016 Ek e Lorentzon hanno scritto una lettera aperta ai politici svedesi chiedendo azioni in tre aree che hanno ostacolato la capacità dell’azienda di reclutare i migliori talenti man mano che Spotify cresce , compreso l’accesso a alloggi flessibili, una migliore istruzione nei settori di programmazione e sviluppo e stock option. Ek e Lorentzon scrissero che per continuare a competere in un’economia globale, i politici dovevano rispondere con nuove politiche, altrimenti migliaia di posti di lavoro Spotify sarebbero stati spostati dalla Svezia agli Stati Uniti.

Verso la fine dell’anno, la società ha lanciato la sua “più grande [campagna di marketing] fino ad oggi”, collocando cartelloni pubblicitari di grandi dimensioni nelle principali città del mondo che ironicamente hanno deriso le abitudini di ascolto degli utenti. I cartelloni pubblicitari contenevano commenti come “Gentile persona che ha fatto una playlist chiamata: ‘One Night Stand With Jeb Bush come se fosse una Bond Girl in un casinò europeo.’

Nel febbraio 2017, Spotify ha annunciato un’importante espansione delle sue operazioni negli Stati Uniti a Lower Manhattan, New York City, presso il 4 World Trade Center, in una delle sue più grandi operazioni in tutto il mondo, aggiungendo circa 1.000 nuovi posti di lavoro a Manhattan e mantenendo 832 posizioni esistenti.

Come detto, in Italia ci è arrivata nel 2013, in concomitanza con il Festival di Sanremo.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY