Sport & Business, ecco le società che “valgono” di più

sport-business-aziende-valgono

Come ogni anno, anche per il 2013 Forbes ha rivisto la propria classifica relativa ai club sportivi che hanno un maggior valore patrimoniale. Una classifica che è dominata dalle società calcistiche, e che vede altresì la “latitanza” dei brand italiani, limitati a una scarsa presenza, nelle parti basse della lista.

Real Madrid in testa. Il primo club per valore è il Real Madrid, che nel corso della stagione sportiva 2011 – 2012 ha conseguito un fatturato pari a 650 milioni di dollari, in incremento del 62 per cento nel corso degli ultimi tre anni. Il reddito operativo – ovvero quanto rimane del fatturato una volta sottratti i costi per l’acquisto dei giocatori, le tasse e gli interessi – si aggira invece intorno ai 135 milioni di dollari. Un trend che è previsto in consolidamento (e, probabilmente, anche in aumento), viste e considerate le entità degli sponsor contratti dalle merengues, pari a 42 milioni di dollari per la partnership con Adidas, e 39 milioni di dollari per Emirates.

Non mancano, ad ogni modo, i costi significativi. Il Real Madrid progetta infatti la ristrutturazione dello storico stadio, il Santiago Bernabeu, per un controvalore di oltre 300 milioni di dollari: il break even point dell’investimento dovrebbe tuttavia essere raggiunto nel breve – medio termine, ricordando che il Real auspica di ottenere – proprio dal nuovo stadio – circa 60 milioni di dollari l’anno di ricavi entro il 2018.

Il dominio delle squadre calcistiche. Calcio e football sembrano essere i veri dominatori della lista Forbes. Non è un caso che la top three è rappresentata da tre squadre di calcio europee: al Real Madrid segue infatti il Manchester United e il Barcellona.

Proprio il Manchester United sembra essere il grande “sconfitto” dell’analisi Forbes, considerato che lo scorso anno era riuscito ad accaparrarsi il massimo scettro. Nel 2013 la società britannica si è invece dovuta accontentare di un valore pari a 3,165 miliardi di dollari, contro i 3,3 miliardi del Real Madrid, e pur sempre dinanzi ai 2,6 miliardi del Barcellona. Tra il terzo posto del Barcellona e il decimo posto dell’Arsenal (1,326 miliardi di dollari), è un dominio a stelle e strisce: New York Yankees, Dallas Cowboys, New England Patriots, Los Angeles Dodgers, Washington Redskins e New York Giants completano i primi 10 posti.

Le italiane. E le italiane? Tra i primi 50 leader finanziari del comparto sportivo troviamo solamente due rappresentanti tricolori. La prima società è la Ferrari, i cui 1,15 miliardi di dollari gli valgono il 21mo posto; la seconda è invece il Milan, che tuttavia non arriva nemmeno alla soglia del miliardo di dollari, e che si deve “accontentare” della 37ma posizione.

Foto originale by bradleypjohnson

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY