Spese mediche detraibili, cosa sono e come fruirne

spese per dichiarazione redditi
quali spese detrarre

All’interno delle dichiarazioni dei redditi (sia modello Unico che modello 730) è possibile inserire le spese mediche detraibili (che danno diritto ad una detrazione di imposta pari al 19 %). A partire dall’anno 2016 (dichiarazione dei redditi percepiti nel 2015) il modello 730 precompilato conterrà l’importo delle spese mediche sostenute dal contribuente nell’anno, importo che sarà comunque modificabile dal contribuente (tenendo conto del tetto massimo spese detraibili).

Il modello 730 precompilato, introdotto nel 2015 dal governo Renzi, riporta diversi dati fiscali riguardanti il contribuente al fine di rendere più facile ed intuitiva la compilazione.  Qualora il contribuente decida di confermare i dati inseriti nella dichiarazione da parte dell’amministrazione finanziaria, lo stesso non sarà assoggettato ad un controllo da parte dell’Agenzia delle Entrate; viceversa nel caso in cui vengano modificati o integrati i dati all’interno del modello 730 precompilato la dichiarazione potrà essere contattato dagli ispettori del fisco per attestare la veridicità dei dati inseriti.

I dati contenuti nel modello 730 precompilato sono comunicati direttamente dai sostituti di imposta (per quanto concerne redditi percepiti o ritenute effettuate), da istituti di credito o assicurazioni (nel caso di interessi passivi sui mutui, assicurazioni caso morte ed infortuni detraibili) o da Asl e istituti di cura nel caso delle spese mediche detraibili.

Come detto in precedenza le spese mediche possono essere indicate in dichiarazione dei redditi quali spese che danno diritto ad una detrazione fiscale pari al 19 %. Nel modello 730 precompilato, a partire dal 2016, verranno indicate le spese mediche detraibili per le quali è stata rilasciata fattura o ricevuta fiscale (in molti casi occorrerà pertanto integrare tale importo con le spese sostenute e documentate da scontrino “parlante”). Come stabilito dall’art. 10 comma 1, lett. b) del Testo Unico delle imposte sui redditi la detrazione è riconosciuta qualora si effettui una spesa certificata da fattura o scontrino fiscale parlante (nello scontrino sono pertanto precisati natura, quantità dei prodotti, codice fiscale del destinatario e codice alfanumerico riportato sulla confezione del medicinale.

spese per dichiarazione redditi
quali spese detrarre

Sebbene lo scontrino parlante riporti tutte le diciture sopra elencate non tutti i prodotti venduti danno diritto alla detrazione del 19 %.

Possono essere inseriti in dichiarazione dei redditi i prodotti con le seguenti diciture:

  • Farmaco, medicinale, med o altre terminologie che indicano comunque un farmaco;
  • Codice univoco di autorizzazione: (denominato Aic ossia codice di autorizzazione all’immissione in commercio) che indica un particolare farmaco;
  • Ticket: Tale dicitura indica un medicinale erogato dal SSN e pertanto dà diritto ad una detrazione fiscale del 19 %;
  • Farmaco Galenico / Preparazione Galenico: Tale tipo di farmaco è preparato direttamente dalla farmacia in base ad una prescrizione medica (preparazione galenica) o in base ad una Farmacopea in vigore all’interno degli Stati membri. La detrazione è riconosciuta qualora sia indicata l’indicazione del farmaco o del medicinale;
  • Omeopatici: tali prodotti sono equiparati a medicinali e sono identificati attraverso la definizione del d. lgs. 219/2006 (ottenuti tramite un processo descritto dalla farmacopea europea o altra farmacopea in vigore negli Stati membri);
  • Medicinali fitoterapici: Medicinali he hanno esclusivamente sostanze vegetali o preparazioni vegetali e sono stati approvati dall’AIFA (agenzia italiana del Farmaco). La risoluzione n. 396/2008 dell’Agenzia Entrate stabilisce che i prodotti fitoterapici sono detraibili esclusivamente nel caso in cui si tratti di medicinali;
  • Sop – Otc – Medicinali che non hanno bisogno di una prescrizione medica per essere venduti. Rientrano tra i farmaci detraibili al 19 %.

In base alle indicazioni fornite dall’Agenzia delle Entrate non potranno invece essere inserite all’interno della dichiarazione dei redditi i seguenti prodotti:

  • Integratori alimentari: In quanto prodotti appartenenti all’area alimentare;
  • Parafarmaci: sono prodotti esclusi dal campo dei farmaci.
Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY