Snapchat: valutazione Ipo da 25 miliardi

Dopo una serie di indiscrezioni mai confermate, il sevizio di messaggistica virtuale, Snapchat, ha ufficializzato il suo debutto nel mercato azionario.

Prima valutazione multimiliardaria nel gruppo di start up tecnologiche, Snapchat, tenta la fortuna con un collocamento iniziale del valore di 25 miliardi di dollari, ossia circa 13 milioni per dipendenti.

Documentazione

Nella giornata di ieri è stata depositata la documentazione presso la Sec (Filling S1), nella quale Snapchat avrebbe dichiarato di avere all’attivo 158 milioni di utenti quotidiani nel quarto trimestre dell’anno appena trascorso, con un aumento del 48% rispetto al 2015.

Un aumento delle entrate di 7 volte (404,5 nel 2016 e 58,7 milioni nel 2015), tuttavia rispetto a questa crescita, la start up ha subito una forte perdita infatti il passivo risulta essere superiore alle vendite: 514,6 milioni peggiorato dai 372,89 milioni del 2015.

Ipo

Il controllo dell’azienda resterà all’Ad Evan Spiegel e al Direttore Tecnologico Bobby Murphy, ai quali spetterà la stessa quota e potranno emettere solo azioni senza diritto di voto.

Per quanto riguarda l’Ipo dovrebbe arrivare a circa 3 miliardi di dollari e verrà gestita in Borsa da alcune grandi banche: Jp Morgan, Deutsche Bank, Barclays, Credit Suisse, Morgan Stanley, Goldaman Sachs ed Allen & Co.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY