Snapchat sbarca in Borsa

L’applicazione di messaggistica istantanea, Snapchat, la quale grazie alla possibilità di creare piccoli video divertenti e di inviare messaggi e foto fantasma, ha conquistato dal 2011 sempre più utenti, passando dai teenager ai più adulti. L’ultima valutazione della società, avvenuta nel mese di maggio ha ottenuto 17,8 miliardi di dollari e le previsioni dei ricavi sembrerebbero aggirarsi intorno ai 350 milioni di dollari. L’insieme di questi risultati positivi, oltre all’apertura agli inserzionisti ed alla collaborazione con Square con la quale è stata realizzata Snapcash, hanno posto le basi per far sì che Snapchat sbarchi in Borsa.

Snapchat entra a Wall Street

Secondo quanto riportato dal Wall Street Journal, la società Snapchat Inc. starebbe raccogliendo tutta la documentazione necessaria per la quotazione in Borsa entrando di fatto con un capitale di 25 miliardi di dollari e, sempre secondo le fonti citate dal Journal, l’Ipo dovrebbe arrivare ai primi di marzo del prossimo anno.snapchat

Se tutto dovesse andare secondo le previsioni, Snapchat sarebbe la seconda azienda più grande ad entrate a Wall Street dopo la società cinese specializzata in e-commerce, Alibaba, entrata nel 2014 con un capitale di 231 miliardi di dollari.

Snapchat non conferma le indiscrezioni

Le indiscrezioni che darebbero per certa la decisione di Snapchat di sbarcare in Borsa, non sono state confermate da nessuno dei due CEO, Evan Spiegel e Bobby Murphy, ma neppure smentite.

In un mercato azionario che non sempre ha portato al successo le società dei Social Network, come ad esempio la vicenda di questi giorni legata a Twitter, i due co-fondatori starebbero probabilmente ponderando la decisione con molta più cautela.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY