Snapchat farà il suo ingresso in Borsa nel 2017

L’applicazione di messaggistica istantanea, Snapchat, ha presentato alla SEC – l’Autorità statunitense della Borsa – l’Initial public offering, ovvero l’intera documentazione necessaria per quotarsi in Borsa (Ipo). L’intenzione di Snapchat di fare il suo ingresso a Wall Street si vociferava già da diversi mesi, ma per via delle imminenti elezioni americane era rimasta in via riservata, ad ogni modo l’esito non ha modificato i piani: Snapchat Inc. verrà quotata a marzo 2017. Dopo la quotazione di Alibaba avvenuta nel 2014, Snapchat sarà la maggiore Ipo nel settore tecnologico americano grazie alla sua valutazione che si aggira tra i 20 ed i 25 miliardi di dollari.

snapchat-logo

Ipo in rialzo grazie a Snapchat

Quest’anno il mercato delle Ipo ha avuto un calo, infatti, si sono quotate solamente 103 società per un totale di 21,8 miliardi di dollari, il livello più basso dal 2009, ma Snapchat potrebbe fare da traino invertendo la tendenza di quest’ultimo anno.

Seppur con soli quattro anno di attività, Snapchat, ha raccolto circa 100 milioni di utenti perlopiù della fascia di età tra i 13 ed i 34 anni. Nel 2014 l’applicazione di messaggistica istantanea ha introdotto la pubblicità, fonte fondamentale dei profitti, i quali potrebbero aumentare notevolmente grazie ai Spectacles, i nuovi occhiali che consentono di scattare fotografie o girare dei video.

Molti sono gli investitori che hanno intenzione di scommettere su Snapchat, tra cui la General Atlantic, Sequoia Capital ma anche Google attraverso CapitalIG, il reparto finanziario che si occupa della collocazione di capitali a rischio.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY