Snapchat esordisce a Wal Street, azioni vendute a 17 dollari

Dopo un lungo vociferare, oggi farà il suo esordio alla Borsa di Wall Street, la società produttrice della fortunata applicazione di messaggistica istantanea, Snapchat.

Snap Inc venderà le sue azioni a 17 dollari l’una, superando la forchetta prevista di 14-16 dollari valutando la società a 24 milioni di dollari e con un primo totale di 200 milioni.

È la più consistente Ipo dopo quella di Alibaba avvenuta nel 2014.

Facebook Vs Snapchat

Recentemente Facebook ha arricchito il proprio social network con le “Storie”, inventate proprio da Snapchat e quotandosi a 38 dollari per azione, ma attualmente ne vale 136, ad ogni modo se l’Ipo dovesse raggiungere il successo sperato, farà da apripista a molte altre “unicorn” ovvero le start up con una valutazione oltre al miliardo di dollari.

Il 2016 si è concluso per Snapchat ottenendo 404,5 milioni di ricavi totali, in crescita rispetto al 2015, tuttavia con perdite annuali da 520 milioni di dollari.

I riflettori restano dunque puntati sulla Snap Inc per capire se il suo futuro sarà roseo come quello di Facebook o turbolento come quello di Twitter.

Evan Spiegel e Bobby Murphy, i due co-fondatori rimarranno al timone della società con quote di 4,3 miliardi di dollari per ognuno, mentre le azioni vendute saranno senza diritti di voto.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY