Sky: Italia paese trainante per i ricavi con un +34%

sky

In questo momento storico in cui ci troviamo abbiamo aziende virtuose o aziende veramente in perdita, vedi la Samsung o vedi Mediaset. Nell’ambito televisivo chi sta andando bene però sembra essere Sky, che chiude il primo trimestre con un +13% sui ricavi. Basti pensare che alla fine dello scorso anno c’erano seri dubbi sull’andamento di Sky e adesso si è ripreso alla grande. I maggiori profitti sono stati nel nostro caro bel paese, con un +34% pari a circa 610 milioni. Seguono immediatamente dietro, Germania ed Austria con 29% e Irlando e Gran Bretagna con il 5%.sky

La formula segreta di Sky per aumentare i ricavi

Il marketing fatto da Sky è veramente efficacie, visto questo prosperoso aumento avuto in così breve tempo, ma un altro evidente aumento che probabilmente ha contribuito all’aumento di questi ricavi è il rincaro automatico che si sono visti addebitare più volte in bolletta gli abbonati. C’è sempre qualche attività che parte ad un prezzo standard, come “l’HD” a soli 1-2€ in più e arriva fino a 5€. Oppure aumenti sull’IVA o su altri servizi inizialmente fornito gratuito come “Sky Go”, il cui numero di ore fruibili senza pagamento è stato recentemente diminuito.

Il rincaro avviene spontaneamente in bolletta, solo con un avviso tramite posta che spesso viene scambiato per pubblicità. Si nota lo spiacevole accaduto solo rintracciandolo dalla fattura. Questo aumento dei ricavi e dei clienti, sarà allora destinato a rimanere costante nel tempo?

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY