Sky Italia: oggi l’incontro con i sindacati

Nella giornata odierna si terrà l’incontro tra i sindacati Cgil, Cisl e Uil e l’Amministratore Delegato di Sky Italia, Andrea Zappia, per discutere il piano che prevede un taglio di 200 esuberi e il trasferimento di 300 dipendenti dalla sede di Roma a quella di Milano.

Il piano anticrisi di Zappia

La ristrutturazione messa in atto dell’AD, Andrea Zappia, prevede per la sede di Roma un ridimensionamento dei settori Facility, Finance e Management, con un taglio di 120 esuberi, mentre nella sede di Milano verranno riviste le aree Controllo Qualità e Finance, per un ammontare di 80 esuberi, inoltre, 300 dipendenti della sede romana verranno trasferiti in quella ambrosiana.

Nel piano è incluso anche il trasferimento dei giornalisti di Sky Tg 24, ad eccezion fatta per la redazione del Centro Sud e politica, inoltre lascerà la sede della Capitale anche il settore commerciale e dell’Information Technology. Nella sede milanese di Sky arriveranno anche i dieci dipendenti nella Control Room di Cagliari.

Le motivazioni di Sky Italia

Le motivazioni che hanno spinto Zappia a modificare la struttura di Sky Italia, sono legate alla necessità di rispondere alla concorrenza sempre più pressante e prestante. In primo luogo l’operazione Mediaset-Vivendi che potrebbe rendere più competitivo il pacchetto Premium, in secondo luogo Sky dovrà trovare una soluzione in grado di rispondere le offerte a pagamento low-cost di Netflix e della recente Amazon.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY