Sixt lancia app rivoluzionaria per car sharing e taxi

Il car sharing sta diventando lentamente una realtà anche in Italia. La cosiddetta mobilità condivisa, al fine di risparmiare sul trasporto e abbassare sensibilmente l’inquinamento.

Naturalmente, la tecnologia fa la sua parte importante. Mettendo facilmente in comunicazione quanti vogliono condividere questa esperienza.

Molto esperta del settore è la multinazionale tedesca Sixt, leader internazionale nella fornitura di servizi di mobilità di alta qualità. La quale, proprio in questi giorni, ha lanciato sul mercato la prima piattaforma online al mondo che con un’unica applicazione permette di noleggiare un veicolo, chiamare un taxi, utilizzare una vettura di carsharing o chiedere un passaggio con il ridehaling.

Per quanti non lo sapessero, quest’ultimo è un sistema di trasporto ‘social’ che include l’utilizzo a pagamento di auto con conducente.

La app si chiama Sixt One ed è utile sia per prenotare il viaggio, sia per pagare il conto. Consente l’interconnesione fra i prodotti ‘Sixt rent’ (autonoleggio), ‘Sixt share’ (carsharing) e ‘Sixt ride’ (ridehailing/taxi).

Ad oggi la piattaforma è attiva in 250 grandi città in Europa e negli USA, conta circa 240.000 veicoli, 1.500 partner affiliati ed oltre un milione di guidatori.

Per ora la app è operativa in Germania, ma si estenderà presto in tutto il vecchio continente. A livello mondiale, Sixt è già presente in 110 Paesi, con 2.200 sedi e 20 milioni di clienti.

L’innovazione da parte di Sixt non sorprende, visto che esiste dal 1912. E secondo la società, sono stati proprio loro, fin da oltre un secolo fa, ad aver inventato il Car sharing.

Sixt chi è

Sixt SE è una società di noleggio auto multinazionale con circa 4.000 sedi in oltre 105 paesi. Sixt SE funge da capogruppo e holding del gruppo Sixt, che opera a livello internazionale nelle aree di business del noleggio di veicoli, car sharing, noleggio di grandine e leasing. La maggior parte dell’azienda (60%) è di proprietà della famiglia Sixt, che gestisce la società. La rimanente quota è scambiabile: SIX2 (XETRA).

È la più grande compagnia di autonoleggio in Germania, Austria, Svizzera e Israele.

Sixt storia

Nel 1912, Martin Sixt fondò l’azienda in Germania con una flotta di tre auto. La prima società di noleggio auto teutonica in assoluto. Durante la prima guerra mondiale, la flotta fu confiscata e utilizzata dall’esercito tedesco. Stessa sorte seguì in occasione della Seconda guerra mondiale.

Finita anche la seconda guerra mondiale, ha quindi aperto un’attività di taxi a Monaco con i primi taxi radio.

Negli anni Sessanta e Settanta, l’azienda si espanse aprendo filiali in tutti i principali aeroporti della Germania. Nel 1982, Auto Sixt è stata rinominata Sixt Autovermietung GmbH, con il nome Sixt / Budget nel logo. La società fu nuovamente trasformata nel 1986, questa volta diventando Sixt AG, una società quotata alla borsa tedesca.

Negli anni ’90, il Gruppo ha ampliato la sua attività all’estero in paesi come Svizzera, Francia e Gran Bretagna. Tunisia, Marocco e Nuova Zelanda seguirono nel 1998. Nel 2001, Sixt si espanse in Medio Oriente e in altri paesi dell’Africa. Sixt ha iniziato a operare negli Stati Uniti nel 2011.

Nel 1999, il Tribunale federale del Bundesgerichtshof (BGH) emette una sentenza storica contro Sixt per la fissazione illegale dei prezzi, richiedendole di risarcire i suoi affiliati. Sixt aveva controllato di fatto il prezzo per i prezzi dei franchisee indipendenti, in quanto facevano parte del sistema di prenotazioni in tutta la Germania. Date le discrepanze nei prezzi, i contratti di noleggio sono stati restituiti alla Germania.

Questo è stato ritenuto inammissibile ai sensi della legge antitrust tedesca (fissazione dei prezzi della seconda mano) e vietato dal BGH.

Nel 2003, la società fu costretta a difendersi contro il gestore del fondo Hedge Florian Homm, che aveva speculato sul calo dei prezzi delle azioni. Alla fine Homm è stata multata per manipolazione dei prezzi. Nel 2006, Sixt fece un’offerta per assumere il controllo del suo concorrente, Europcar, quando il proprietario Volkswagen lo offrì per la vendita.

Oltre alle preoccupazioni antitrust (a quel tempo Sixt aveva una quota di mercato di circa il 23%, Europcar 22%), c’era anche una resistenza da parte del comitato aziendale di Europcar, che temeva tagli di posti di lavoro dopo la fusione. Volkswagen ha finalmente accettato un’offerta della società di investimenti francese Eurazeo.

Dal 2007 e tramite società controllate, Sixt ha gestito l’intermediazione online di veicoli a motore con i siti Web Autocommunity Carmondo, Mystocks, RadAlert, Winebase e autohaus24.

Nel 2013, Sixt AG è stata convertita nella forma giuridica di una società europea (Societas Europaea) e da allora è stata denominata Sixt SE.

Sixt business

Ecco i settori commerciali di cui si occupa Sixt:

a) Unità di business

Il gruppo Sixt è attivo in più di 100 paesi nelle aree commerciali del noleggio e del leasing di veicoli.

b) Noleggio auto

La business unit Vehicle Rental è rappresentata in Germania, Francia, Spagna, Gran Bretagna, Italia, Paesi Bassi, Austria, Svizzera, Belgio, Lussemburgo, Monaco e Stati Uniti con le proprie filiali di Sixt. Fuori dall’Europa e parzialmente negli Stati Uniti, Sixt è rappresentato da partner in franchising e cooperazione. I servizi sono suddivisi nelle seguenti aree: noleggio di un camion, noleggio auto, servizio di limousine, auto di lusso e Sixt Unlimited.

c) Leasing

Sixt gestisce la Sixt Leasing SE quotata in borsa, una delle maggiori società di leasing bancarie e indipendenti in Germania. La divisione ha filiali in Francia, Austria, Svizzera e Paesi Bassi. Inoltre, offre finanziamenti e servizi di leasing a franchisee e partner in più di 40 paesi. Le aree di business sono: leasing di flotte per clienti aziendali, gestione della flotta attraverso la controllata Sixt Mobility Consulting GmbH e leasing per clienti privati e commerciali tramite la piattaforma online.

d) Altre aree di business

  • Sixt Leasing SE: piattaforma Internet per il noleggio e il finanziamento di nuove auto; inoltre gestisce e consulta grandi flotte di compagnie internazionali.
  • Sixt X: nuova divisione mobilità focalizzata sul settore della mobilità digitale. L’obiettivo di Sixt X è creare una piattaforma di mobilità integrata che offra tutti i servizi di Sixt da un’unica fonte.
  • DriveNow: Car sharing a Berlino, Monaco, Amburgo, Düsseldorf e Colonia, così come a Vienna e Londra, gestito in collaborazione con BMW dal 2011. Venduto il 50% di quota a BMW nel 2018
  • Sixt ride (precedentemente: myDriver e Sixt Limousine Service): offre un servizio auto premium, basato su app, prenotazione taxi & corsa
  • Autohaus24.de: piattaforma Internet per la vendita di auto nuove; gestito congiuntamente con Axel Springer Auto Verlag GmbH.
Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY