Siemens, slitta fusione con Alstom: intanto si impegna contro xenofobia

La Commissione europea ha fissato una scadenza al 28 gennaio per l’approvazione della proposta di fusione per quanto concerne le operazioni ferroviarie della tedesca Siemens e della francese Alstom. Il processo era stato sospeso ad agosto, ma il braccio della Commissione antitrust ha riavviato l’orologio.

L’accordo, concordato lo scorso settembre, ha un ampio sostegno politico in Francia e Germania, dove i politici sostengono la fusione dell’unità di mobilità di Siemens con la loro rivale francese, che riunisce le attività di produzione di materiale rotabile, segnalamento e ferrovie. Necessaria per contrastare la concorrenza cinese, vale a dire CRRC , il più grande creatore di treni del mondo.

“Questa fusione franco-tedesca di eguali invia un segnale forte in molti modi”, ha dichiarato Joe Kaeser, presidente e amministratore delegato di Siemens al momento della trattativa. “Abbiamo messo l’idea europea al lavoro e, insieme ai nostri amici di Alstom, stiamo creando un nuovo campione europeo nel settore ferroviario a lungo termine.”

Se approvato, il gruppo combinato avrà un fatturato di 16 miliardi di euro, e sarà elencato e con sede in Francia con un amministratore delegato francese, Henri Poupart-Lafarge. Tuttavia, Siemens avrà una maggioranza di posti di consiglio. Nonostante il forte sostegno politico, l’accordo propone di combinare i due maggiori fornitori europei di treni e apparecchiature di segnalazione ed è sottoposto a un controllo approfondito a Bruxelles. I funzionari della concorrenza europei temono che l’accordo porterebbe a prezzi più alti, meno scelta e meno innovazione.

Margrethe Vestager, commissario per la concorrenza, ha lanciato un’indagine approfondita a luglio e ha dichiarato: “La Commissione esaminerà se la proposta acquisizione di Alstom da parte di Siemens priverebbe gli operatori ferroviari europei di una scelta di fornitori e prodotti innovativi e porterebbe a prezzi più elevati, che potrebbero alla fine danneggiare i milioni di europei che usano il trasporto ferroviario ogni giorno per lavoro o per piacere.”

Le compagnie hanno fino a dicembre per offrire cessioni o altri impegni per mitigare i problemi di concorrenza dei funzionari.

Siemens avverte sui pericoli della xenofobia dopo violente proteste in Germania

Siemens sta sollecitando i suoi dipendenti a parlare in seguito a una serie di violente proteste in Germania. La società di ingegneria ha inviato una lettera ai suoi 4.300 dipendenti nello stato tedesco della Sassonia martedì, incoraggiandoli a combattere la xenofobia e difendere la reputazione di tolleranza della Germania. “E’ tempo di difendere tolleranza e compassione e di denunciare la xenofobia e la discriminazione, hanno scritto i dirigenti regionali nella lettera, che è stata fornita alla CNN. Questi principi sono stati fondamentali per il suo business globale”. “Il successo economico come base della nostra prosperità in Germania e Sassonia dipende anche dalla reputazione che abbiamo tra i nostri clienti in tutto il mondo “, hanno aggiunto.

L’intervento di Siemens (SIEGY) è un raro esempio di attivismo aziendale da parte di un’importante azienda europea. Siemens ha oltre 375.000 dipendenti, di cui circa 120.000 in Germania. La Germania è stata scossa da una serie di proteste e contro-manifestazioni dopo che un uomo tedesco-cubano sarebbe stato ucciso da un iracheno e un siriano nella città orientale di Chemnitz. Alcuni manifestanti sono stati fotografati dando del fuorilegge saluto nazista e altri sono stati visti cantare slogan razzisti come “Germania per i tedeschi”.

I manager di Siemens hanno detto di aver rifiutato gli obiettivi dei manifestanti, scrivendo che equità, tolleranza, rispetto e dialogo sono importanti per il suo business come perizia ingegneristica “L’immagine che il mondo ha della Sassonia in questi giorni è quella dell’odio e dell’odio, della xenofobia e della pubblica violazione della legge”, ha affermato la lettera. “Questo non solo disturba, ma ci fa arrabbiare”. Joe Kaeser, l’amministratore delegato di Siemens, all’inizio dell’anno denunciò un legislatore tedesco, affermando che il loro nazionalismo avrebbe danneggiato la prosperità tedesca.

“È una questione complicata”, ha detto Kaeser alla Financial Volte a maggio. “Sono lì per rappresentare l’azienda e rendere conto agli azionisti, d’altra parte, se la gente gira la testa (…) Bene, abbiamo avuto quella volta in Germania, nessuno ha parlato, poi è stato troppo tardi.”

Siemens non è il solo a condannare le proteste. La Camera di commercio e dell’industria tedesca ha dichiarato che gli eventi di Chemnitz sono “inaccettabili dal punto di vista dell’economia tedesca”. Eric Schweitzer, presidente della lobby economica, ha affermato che la xenofobia e il nazionalismo danneggiano la reputazione della Germania. “Le aziende tedesche sono attive in tutto il mondo e quindi contano (…) per essere le benvenute in altri paesi del mondo”, ha affermato in una nota.

Xenofobia in Germania, a Siemens fa eco Volkswagen

Le maggiori compagnie tedesche prendono posizione contro il razzismo. Volkswagen (VLKAF) si è unito a Siemens in una violenta denuncia di odio e xenofobia in seguito a una serie di violente proteste in Germania. Top dirigenti della più grande casa automobilistica europea hanno indirizzato i dipendenti in uno stabilimento nella città orientale di Chemnitz, dove i manifestanti di destra si sono scontrati con la polizia e hanno scandito slogan razzisti come “Germania per i tedeschi”.

“Quello che è successo fuori dai cancelli della fabbrica va contro tutti i valori fondamentali della Volkswagen”, Gunnar Kilian, membro del consiglio di amministrazione per le risorse umane , ha detto ai lavoratori. “Facciamo in modo che non ci siano nuovi muri, dev’essere la nostra missione.” Volkswagen impiega 1.800 lavoratori nello stabilimento di Chemnitz, tra cui persone provenienti da paesi come Afghanistan, Cuba, Messico, Nigeria, Ucraina, Ungheria e Vietnam.

“Non c’è spazio per la xenofobia, l’odio, l’esclusione e la persecuzione sulla nostra azienda”, ha detto Bernd Osterloh, capo del consiglio aziendale dell’azienda, che rappresenta i dipendenti. In una dichiarazione, Volkswagen ha descritto diversità, rispetto e partnership come “principi incrollabili”. è stato scosso da una serie di proteste e contro-manifestazioni dopo che un uomo tedesco-cubano sarebbe stato ucciso alla fine del mese scorso da un iracheno e un siriano a Chemnitz. Alcuni manifestanti sono stati fotografati mentre davano il saluto nazista come noto fuorilegge in Germania.

Volkswagen è stata costituita nel 1938 per realizzare il sogno di Adolf Hitler di costruire un’auto popolare. Migliaia di persone sono state utilizzate come schiave nella sua fabbrica principale di Wolfsburg, costruendo armi e veicoli durante l’era nazista. La Camera di commercio e dell’industria tedesca ha detto all’inizio di questa settimana che gli eventi di Chemnitz erano “inaccettabili dal punto di vista del tedesco economia “.

Eric Schweitzer, presidente della lobby degli affari, ha affermato che la xenofobia e il nazionalismo danneggiano la reputazione della Germania.” Le società tedesche sono attive in tutto il mondo e quindi contano … per essere benvenute in altri paesi del mondo “, ha detto in una dichiarazione.

Siemens smentisce il taglio di 20mila posti di lavoro

Il gigante tedesco dell’ingegneria Siemens (SIEGn.DE) ha fatto sapere che il rapporto di Manager Magazin mensile nel quale si asseriva che avrebbe potuto tagliare 20.000 posti di lavoro come parte della strategia di Vision 2020, sia “completamente infondato”.

“Non seguiamo il ragionamento alla base delle cifre riportate nell’articolo della rivista. Non sono state fatte dichiarazioni di questo tipo”, ha detto Siemens venerdì scorso, aggiungendo che i dettagli della nuova strategia erano ancora in fase di elaborazione. La rivista Magazin ha detto giovedì che Siemens mirava a risparmiare sui costi riducendo i costi amministrativi in personale, legale e finanziario, e alla divisione dei servizi condivisi, citando i commenti che l’amministratore delegato Joe Kaeser ha fatto ad alcuni investitori in un roadshow all’inizio di agosto.

Il rapporto arriva dopo che Siemens all’inizio di questo mese ha svelato la sua nuova strategia, che vede le sue cinque divisioni industriali combinate in tre operative aziende per semplificare i treni per le compagnie di turbine e rendere la struttura più snella. Secondo le modifiche, Siemens ha previsto di aumentare il tasso di crescita e il margine di profitto del settore industriale di 2 punti percentuali nel medio termine e aumentare i suoi utili base per azione ad un ritmo più veloce.

Il gruppo ha detto che all’epoca le funzioni della sua sede centrale sarebbero state più snelle a causa delle attività esternalizzate, ma non ha fornito dettagli sulle perdite di posti di lavoro. “Le nuove società operative stanno attualmente lavorando alla pianificazione dettagliata”, ha affermato Siemens, aggiungendo non ci sono piani per un programma di riduzione dei costi a livello aziendale avviato dalla sua sede. La rivista Manager ha anche riferito che Kaeser ha detto agli analisti che stava cercando un partner per le sue attività nel settore delle turbine a gas ed era in trattative di “alto livello” con aziende in Cina. Siemens ha rifiutato di commentare la possibile partnership.

Siemens e SAP firmano accordi di cooperazione con l’Arabia Saudita

L’Arabia Saudita vuole che le società tedesche Siemens (SIEGn.DE) e SAP (SAPG.DE) svolgano un ruolo importante nella promozione della “trasformazione digitale” del regno, hanno detto oggi funzionari della compagnia durante la visita del cancelliere tedesco Angela Merkel nel paese.

Gli alti dirigenti del conglomerato ingegneristico e della società di software aziendale che viaggiavano con la Merkel hanno firmato dichiarazioni di intenti per collaborare con le autorità saudite, hanno detto i funzionari. L’Arabia Saudita sta spingendo una trasformazione economica a lungo termine soprannominata “Visione 2030” per ridurre il paese dipendenza dal petrolio, attrarre investimenti e migliorare la vita dei suoi cittadini.

Siemens ha firmato un accordo quadro con il Programma di sviluppo industriale dei cluster industriali sauditi (NICDP) che il gruppo tedesco ha affermato potrebbe portare ad equipaggiare progetti infrastrutturali che valgano almeno un miliardi di euro.

La compagnia vuole anche fornire formazione professionale in Arabia Saudita, mentre SAP ha concordato con il Ministero della pianificazione saudita di collaborare agli sforzi di digitalizzazione del paese, hanno detto i funzionari. La delegazione d’affari tedesca in viaggio con Merkel nella sua visita al golfo comprende anche gli amministratori delegati di Lufthansa (LHAG.DE), operatore ferroviario nazionale Deutsche Bahn [DBN.UL] e gruppo di servizi industriali Bilfinger (GBFG.DE).

Siemens vede i primi risultati sugli ultrasuoni in ambito medico

Siemens sta vedendo i primi segnali di successo da un’inversione di tendenza della sua fino ad ora sottoperformante attività nell’ecografia medica, ha detto oggi l’amministratore delegato di Siemens Healthineers.

“Sappiamo che possiamo fare meglio e faremo meglio. Abbiamo un chiaro piano pluriennale per trasformare questo business in giro. Puntiamo a una posizione di leadership nel campo dell’imaging e della cardiologia in generale “, ha detto Bernd Montag agli analisti in una presentazione via Web.

Siemens intende elencare i 13,5 miliardi di euro (14,8 miliardi di dollari) di aziende sanitarie e ha dichiarato di esplorare tre diversi modi per farlo, senza fornire dettagli. I dirigenti della sanità non hanno voluto parlare della quotazione prevista lunedì durante la sezione di domande e risposte della presentazione, che è stata annunciata come “teach-in” per gli investitori.

Qatar annuncia maggiori investimenti in Germania, che coinvolgeranno anche Siemens

Il Qatar prevede di investire miliardi di dollari in più in Germania e allargherà la propria attenzione alle medie imprese del paese, ha detto il quotidiano economico Handelsblatt in un rapporto che verrà pubblicato il lunedì.

Citando fonti diplomatiche e aziendali, il documento afferma che il Qatar Investment L’autorità (QIA) e gli operatori del settore privato guarderebbero alle aziende manifatturiere tedesche “Mittelstand”. “Consideriamo la Germania un attore chiave nell’economia mondiale e guardiamo al mercato tedesco con grande ottimismo”, ha detto Handelsblatt, ministro delle finanze del Qatar. Sharif al-Emadi afferma: “La nostra delegazione annuncerà grandi nuovi investimenti”, ha detto in un’intervista nel rapporto Handelsblatt in vista di un Business Forum e Investment Forum del Qatar in Germania a Berlino il 7 settembre.

Il Qatar, il più grande esportatore mondiale di gas naturale liquefatto (LNG), ha partecipazioni in società tra cui Volkswagen (VOWG.DE), Deutsche Bank (DBKGn.DE), Siemens (SIEGn.DE), Hochtief (HOTG.DE) e SolarWorld (SWVKk.F).

Siemens in breve

Siemens AG (pronuncia tedesca: [ziːmɛns]) è una società conglomerata tedesca con sede a Berlino e Monaco e la più grande società di produzione industriale in Europa con filiali all’estero. Le principali divisioni dell’azienda sono Industria, Energia, Sanità (Siemens Healthineers) e Infrastruttura & Città, che rappresentano le attività principali dell’azienda.

La società è un importante produttore di apparecchiature di diagnostica medica e la sua divisione di assistenza sanitaria medica, che genera circa il 12% delle vendite totali dell’azienda, è la seconda unità più redditizia, dopo la divisione automazione industriale. La società è una componente dell’indice del mercato azionario Euro Stoxx 50. Siemens e le sue sussidiarie impiegano circa 372.000 persone in tutto il mondo e hanno registrato un fatturato globale di circa 83 miliardi di euro nel 2017, in base al rilascio degli utili.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY