SIA Aree colpite dal Sisma: guida utile per presentare la domanda, requisiti e destinatari

A seguito degli eventi sismici che hanno interessato il Centro Italia alla data del 24 agosto 2016, del 26 ottobre 2016 o del 18 gennaio 2017, come previsto dall’articolo 10 del decreto legge 9 febbraio 2017, n. 8, è stato disposta la concessione di un beneficio economico in favore dei soggetti che versano in condizioni di maggiore disagio economico, residenti in uno dei Comuni colpiti dagli eventi sismici del 2016 e del 2017.

Si tratta del SIA Aree colpite dal Sisma, il quale non a niente a che vedere con il Sostegno per l’Inclusione Attiva ordinario, intesa come misura di contrasto alla povertà che prevede l’erogazione di un beneficio economico alle famiglie in condizione di povertà nelle quali almeno un componente sia minorenne oppure sia presente un figlio disabile (anche maggiorenne) o una donna in stato di gravidanza accertata.

Per la concessione di tale beneficio economico previsto a favore dei residenti delle Aree del Centro Italia colpite dallo sciame sismico del biennio 2016-2017, è stato previsto uno stanziamento di 41 milioni di euro.

La recentissima Circolare pubblicata dall’INPS n. 126 del 22 agosto 2017 ha fornito chiarimenti aggiuntivi e dettagliati in merito ai requisiti necessari per presentare la domanda di richiesta del SIA Aree Sisma.

Vediamo in questa guida di capire meglio il quadro normativo vigente in materia di Sostegno per l’Inclusione Attiva per coloro che risiedono nelle aree del Centro Italia colpite dal sisma, i requisiti, i destinatari e la modalità di presentazione della domanda.

SIA Aree colpite dal Sisma Centro Italia: normativa di riferimento

Per quanto concerne le fonti normative di riferimento utili per inquadrare il beneficio economico SIA Aree colpite dal Sisma, il decreto legge 9 febbraio 2017, n. 8, convertito con modificazioni nella legge 7 aprile 2017, n. 45, recante “Nuovi interventi urgenti in favore delle popolazioni colpite dagli eventi sismici del 2016 e del 2017”, è il corpus centrale a cui si deve fare riferimento.

In particolare, si deve richiamare l’art. 10 del decreto legge 9 febbraio 2017, n. 8, il quale ha sancito ed introdotto la concessione di una valida e importante misura di sostegno economico (SIA Aree colpite da eventi sismici) a favore dei soggetti che risiedono e versano in condizioni di disagio economico, residenti in uno dei Comuni del c.d “cratere”.

Lo stesso Decreto legge 9 febbraio 2017, n. 8 individua in modo certosino i beneficiari ed i requisiti (art.2), il beneficio concesso (art.3), le modalità di accesso al beneficio (art.4), i criteri per l’ordinamento delle famiglie (art.5), nonché le disposizioni finali e di coordinamento (art. 6) del SIA Aree Sisma che si distingue dal SIA Ordinario, misura di sostegno economico concesso a livello nazionale.

Il SIA Aree Sisma è, infatti, un beneficio economico “una tantum” di sostegno alle fasce deboli della popolazione residente e localizzata in determinate aree interessate da eventi sismici. Infatti, i requisiti di accesso sono differenti rispetto alla misura nazionale SIA ordinario.

Ai Comuni interessati (Centro Italia) è affidato il compito di ricevere le domande di SIA Aree Sisma e, Poste Italiane Spa è titolare della gestione del servizio relativo al rilascio della Carta acquisti su cui viene versato l’ammontare del beneficio economico.

La recentissima Circolare INPS n. 126 pubblicata in data 22 agosto 2017, ha chiarito ulteriormente il framework legislativo, i requisiti necessari per inoltrare e presentare l’istanza per richiedere il SIA Aree Sisma.

Destinatari e Requisiti necessari per richiedere SIA Aree Sisma

Come sancito dalla Circolare INPS n. 126 del 22 agosto 2017 e come richiamato dall’articolo 10 del decreto legge 9 febbraio 2017, n.8, i destinatari del Sia Aree Sisma sono tutti i soggetti residenti nelle Aree colpite dagli eventi sismici del 24 agosto 2016, del 26 e del 30 ottobre 2016 e del 18 gennaio 2017 (Centro Italia).

Gli stessi destinatari devono:

  • versare in condizioni di maggior disagio economico;
  • non soddisfare i requisiti per richiedere il SIA in via ordinaria;
  • essere residenti e dimoranti da almeno due anni in uno dei comuni colpiti dagli eventi sismici.

Inoltre, l’istante del SIA Aree Sisma deve essere in possesso dei seguenti requisiti, che devono sussistere congiuntamente:

  1. requisito di residenza stabile, da almeno 24 mesi in uno dei comuni colpiti dal Sisma del Centro Italia,
  2. requisito economico: condizione di disagio economico identificata da un valore dell’ISEE ovvero dell’ISEE corrente pari o inferiore a 6.000 euro.

ISEE corrente Aree Sisma: calcolo

L’ISEE corrente Aree Sisma fa riferimento ai redditi dichiarati al Fisco l’anno precedente e per la concessione del beneficio economico SIA Aree Sisma, viene richiesto come requisito economico un ISEE corrente pari o inferiore ai 6.000 euro.

Si ricorda che per chiedere il calcolo dell’ISEE corrente Aree Sisma è sempre necessario il possesso di un ISEE in corso di validità.

Il calcolo dell’ISEE corrente Aree Sisma viene computato nel seguente modo:

  1. esclusione dal calcolo dell’indicatore della situazione patrimoniale, il valore del patrimonio immobiliare riferito all’immobili ad uso residenziale e agli immobili distrutti e dichiarati totalmente o parzialmente inagibili;
  2. esclusione dal calcolo dell’indicatore della situazione reddituale, i redditi derivanti dal possesso di beni immobili distrutti e dichiarati totalmente o parzialmente inagibili o espropriati;

Inoltre, sono considerati trattamenti utili alla determinazione della condizione di maggior disagio economico anche le seguenti prestazioni:

  • il contributo di autonoma sistemazione (CAS),
  • le indennità di sostegno del reddito dei lavoratori,
  • i trattamenti di integrazione salariale ordinaria e straordinaria concessi in conseguenza degli eventi sismici.

Presentazione dell’istanza SIA Aree Sisma: come procedere

Per procedere con la presentazione della domanda per l’accesso al SIA Aree Sisma è necessario utilizzare il modulo reperibile online che deve essere scaricato e compilato correttamente in ogni sua parte.

Il modello di domanda assolve alla funzione di dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà è disponibile sul sito dell’INPS (Allegato 2 alla Circolare n. 126 del 22 agosto 2017).

I cittadini residenti nei Comuni interessati devono presentare la domanda per l’accesso al SIA Aree Sisma a partire dal 2 settembre 2017 ed inoltrarla entro non oltre il 31 ottobre 2017.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY