Come si calcola la quattordicesima mensilità?

Determinate categorie professionali hanno il diritto di percepire non solo la Tredicesima mensilità a dicembre, ma anche la Quattordicesima mensilità. Alcune “mosche bianche” ricevono perfino la Quindicesima mensilità. Se la Tredicesima ha quasi un secolo di storia – essendo prevista dal CCNL a partire dal 5 agosto 1937 (articolo 13), sebbene prima solo al settore industriale e solo alla categoria impiegatizia, per poi essere estesa anche agli operai nel 1946 – la Quattordicesima ha una storia più recente.

Inoltre, si differisce dalla Tredicesima perché, mentre quest’ultima viene erogata come detto a dicembre (infatti viene anche chiamata “gratifica natalizia”, per la sua prossimità alle feste natalizie), la Quattordicesima viene elargita tra i mesi di giugno e luglio. Non a caso viene anche denominata “gratifica feriale”. Proprio perché percepita a ridosso delle ferie estive. Una cosa che accomuna entrambe le mensilità aggiuntive alle dodici canoniche, è che esse sono da considerarsi un beneficio non garantito legalmente, ma contrattualmente. Ciò in quanto solo alcune categorie contrattuali danno il diritto al lavoratore di percepire Tredicesima e Quattordicesima. E sono quelle legate ai settori dell’edilizia, del turismo e del commercio.

Vediamo di seguito come si calcola la Quattordicesima mensilità e su quali fattori.

Sommario

Come si calcola la Quattordicesima

La Quattordicesima, come la Tredicesima, viene calcolata sulla base della retribuzione lorda annuale. Per quanto invece concerne le frazioni di mese, il computo parte dai 15 giorni. Inoltre, se un lavoratore ha lavorato per meno di 12 mesi, il calcolo deve essere effettuato sul numero di mesi nei quali si è effettivamente lavorato. La formula per calcolare la Quattordicesima è il seguente:

Retribuzione lorda mensile moltiplicato il numero di mesi lavorati. Il risultato va diviso per il totale delle mensilità in cui si è lavorato.

Quindi, se un soggetto ha lavorato per un lasso di tempo che va dal primo settembre 2015 al 31 luglio 2016, percependo mille euro lordi mensili, riceverà una Quattordicesima mensilità pari a 916,66 euro:

1.000€ X 11 / 12 = 916,66€

Cosa determina la Quattordicesima

Così come quanto avviene per la Tredicesima, esistono alcuni fattori che incidono sul calcolo per intero. Mentre altri solo parzialmente. Rientrano nel primo caso i seguenti fattori, i quali non comportano una diminuzione della base imponibile del calcolo:

  • Ferie beneficiate;
  • Festività e Permessi ricevuti;
  • Congedo di tipo Matrimoniale;
  • Malattia breve a completo carico del datore di lavoro);
  • Infortuni entro però i tempi previsti dal contratto;
  • Riposo giornaliero dovuto ad allattamento.

I fattori che invece incidono negativamente sulla Quattordicesima, non consentendone il conseguimento sono:

  • Congedo di tipo Parentale;
  • Le ore di lavoro straordinario;
  • Le ore di lavoro notturno (laddove non sia previsto dall’orario ordinario previsto nel contratto);
  • Malattie ed infortuni oltre i tempi previsti da contratto;
  • Le ore di Sciopero;
  • I Permessi beneficiati;
  • Il periodo beneficiato come aspettativa.

Va poi specificato il fatto che la Quattordicesima è per legge una retribuzione aggiuntiva a tutti gli effetti. E per effetto di ciò non può essere considerata a livello fiscale ed amministrativo come un premio aziendale.

In quali casi i pensionati ricevono la Quattordicesima

La Quattordicesima può spettare di diritto anche quando si è in pensione. Per rientrare tra questi, occorre soddisfare i seguenti requisiti.

Requisiti anagrafici

Naturalmente, la pensione è un diritto che si acquisisce col sopraggiungere di una determinata età. Di conseguenza, anche la Quattordicesima può diventarlo. Per poterne beneficiare, il beneficiario deve avere un’età superiore ai 64 anni.

Ente erogante la pensione

La pensione deve essere necessariamente erogata dai seguenti Enti:

  • Gestione pensioni per coltivatori diretti, mezzadri, coloni, artigiani, esercenti attività commerciali;
  • Fondo previdenza destinato alla Chiesa cattolica o alle altre principali confessioni religiose;
  • Assicurazione generale obbligatoria per i casi di invalidità civile, di vecchiaia e per i superstiti (lavoratori dipendenti);
  • Gestione pensionistica di tipo speciale appannaggio di quanti nella propria vita hanno lavorato nelle miniere, in una cava o in una torbiera;
  • Gestione delle forme esclusive, sostitutive ed esonerative dell’assicurazione generale obbligatoria, gestite però sempre da parte di enti pubblici di previdenza obbligatoria.

Requisito di reddito

Come per l’età, anche il reddito è un requisito immancabile. Il reddito percepito dal pensionato, infatti, non può superare di 1,5 volte il trattamento minimo annuo del Fondo pensioni dei lavoratori dipendenti. Il quale equivale a 9.767,16 euro. Superata questa soglia, la quattordicesima viene calcolata in modo tale da non superare la soglia data dalla somma che scaturisce dal trattamento minimo più la mensilità aggiuntiva. Infine, per calcolare la Quattordicesima mensilità appannaggio dei pensionati occorre tenere in considerazione gli anni di contributi versati.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY