Shopping online: gli uomini italiani spendono molto di più delle donne

Donne maniache dello shopping e spendaccione. Questo è un cliché ormai superato, almeno da quanto si evince leggendo una ricerca sulle abitudini di acquisto e pagamento sul web condotta da Paysafecard, leader mondiale delle soluzioni di pagamento prepagate su Internet, con sede a Vienna e parte di Paysafe Group Plc, su un campione di 500 intervistati tra i 16 e i 69 anni.

La ricerca Paysafecard

In Europa la differenza di spesa negli acquisti online tra uomini e donne si attesta intorno al 58 per cento. In Italia, invece, lo scarto tra i due sessi per quanto riguarda l’e-commerce è del 74 per cento. La spesa media italiana si aggira intorno ai 138 euro a persona: tra le donne la media è di circa 100 euro, mentre gli uomini spendono mediamente 175 euro. Ad acquistare maggiormente sul WEB, i giovani fra i 16 e 29 anni con una media di 172 euro a persona, contro i 115 euro spesi dagli intervistati tra i 60 e i 69 anni.
Dal confronto sulle attitudini maschio/femmina emerge inoltre che il 62 per cento delle donne valuta la convenienza come un fattore decisivo al momento dell’acquisto, mentre per gli uomini lo è solo per il 48 per cento. Le donne risultano anche più attente in tema di anonimato e di controllo dei costi.

Il futuro degli acquisti online

L’analisi Paysafecard prende in esame un settore in continua trasformazione e in costante crescita. Già oggi gli acquisti online non avvengono quasi più tramite PC fisso, bensì con apparecchi mobili come tablet o smartphone, che in molti Stati hanno raggiunto una penetrazione di mercato pari quasi al 100 per cento. La massiccia diffusione di questi dispositivi si deve principalmente alla velocità, alla flessibilità e alla sicurezza nel loro utilizzo.
Restando in tema di sicurezza online, tema particolarmente caro agli internauti, si prevede che i sistemi di riconoscimento biometrici quali la scansione dell’impronta digitale o della retina saranno uno dei trend di quest’anno. Così come vedranno un boom i dispositivi indossabili, come gli smartwatch.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY