Shopping Cart di eToro, cos’è e se conviene

Cos’è Shopping Cart di eToro? Conviene utilizzare Shopping Cart di eToro? Shopping Cart di eToro è una truffa?

eToro (clicca qui per visitare il sito ufficiale), una ne pensa e cento ne fa. Questo Broker non finisce mai di stupire per i continui servizi appannaggio dei trader iscritti che lancia anno per anno. I quali finiscono sempre per essere apprezzati dagli stessi, ma che finiscono anche per accattivare nuovi trader.

Non a caso, questo Broker opera su 140 Paesi diversi e vanta quasi 11 milioni di utenti iscritti. Numeri legati non solo ai suoi innumerevoli servizi, ma anche alla convenienza degli stessi. Dato che non prevede commissioni sul trading online, bensì solo lo spread (dazio irrinunciabile, poiché è un modo per un Broker di guadagnare). Mentre le commissioni che prevede su altri servizi sono molto convenienti.

Inoltre, eToro vanta la licenza da parte della CySEC, autorità preposta al controllo sui mercati finanziari con sede a Cipro. Viene considerata la più importante d’Europa. Motivo? Semplice. Fino al 2014 Cipro era un Paradiso fiscale, ma poi si è allineato alle politiche del resto dell’Ue.

eToro offre tanti servizi molto apprezzati, dicevamo. Tra questi annoveriamo il Copy Trading, che consente ai trader neofiti di guadagnare quando sono ancora alle prime armi. In che modo? Copiando semplicemente quanto fanno i Popular trader, ossia i trader più esperti e navigati. I quali a loro volta guadagnano una commissione su ogni trader che li copia.

Ed ancora, il Social trading, ossia i vari servizi che fanno di eToro una autentica Community. Infatti, i trader possono iscriversi alle feed di altri utenti e sapere cosa fanno e dicono. Comunicando con essi e scambiandosi opinioni e suggerimenti. Oltre al fatto che eToro sia presente sui principali Social – Facebook, Instagram, Twitter, Youtube e Telegram – così da poter restare sempre aggiornati su ogni novità del Broker.

Infine, eToro offre anche i Copyportfolios, la possibilità di investire su panieri di asset appartenenti alla stessa categoria di asset, gestiti da algoritmi automatici che selezionano gli asset facendo uscire quelli che stanno andando male e facendo entrare quelli che stanno andando meglio. Il tutto, però, sempre supervisionato da esperti “in carne ed ossa”.

Ma eToro, come dicevamo, non si ferma mai. E ha pensato ad un servizio proprio in vista del Natale: Shopping Cart. Vediamo di seguito di cosa si tratta.

75% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro

Shopping Cart eToro cos’è

Cos’è la Shopping Cart di eToro? Questa novità è pensata per i traders retails. Ossia, per la gran parte di quegli utenti che investe (relativamente parlando) piccoli importi sul mercato finanziario.

Grazie a questo strumento potrai tradare, senza commissioni, i CFD sulle azioni che sono attive nel settore retail. I CFD sono Contratti derivati, chiamati così perché riflettono il valore di un sottostante. L’asset in questione appunto.

I CFD sono comodi in quanto mediante essi è possibile investire su una pluralità di asset senza possederli direttamente. Si pensi anche al poter investire su Oro o Petrolio senza doverlo comprare materialmente. Ma anche alle azioni, senza essere per forza azionisti di una società.

Shopping Cart dunque un portafoglio titoli, o se preferite paniere di azioni, contenente quelle di società molto importanti. Come ad esempio quelle Tech tipo Amazon, eBay Inc, Alibaba. O dell’abbigliamento, come il marchio sportivo JD.com.

Basti pensare che tutte le società incluse nel portafoglio retail che è stato lanciato da eToro, sono in grado di generare un giro d’affari pari a qualcosa come 20 trilioni di sterline. Oltre a rappresentare una capitalizzazione di mercato pari a 1,9 trilioni di dollari. Praticamente più della produzione annua totale del Brasile.

Avrai notato la presenza dei più importanti siti e-commerce inclusi nella Shopping Cart. Il che non è un caso, dato che le persone ormai stanno preferendo rivolgersi più ad essi che ai negozi tradizionali, ancora di più in un periodo come quello di Natale dove si fanno tanti regali.

Il che conferma, semmai ce ne fosse ancora bisogno, il fatto che eToro sia perfettamente in grado di interpretare i cambiamenti in atto nella società.

Shopping cart eToro come funziona

Come funziona la Shopping cart di eToro? Intanto elenchiamo quali sono le 25 aziende che vi rientrano:

  • Vipshop Holdings Ltd
  • Netflix Inc
  • Wayfair Inc
  • Alibaba Group Holding Ltd
  • Expedia Group Inc
  • eBay Inc
  • Booking Holdings Inc
  • Zalando SE
  • Farfetch Ltd
  • Ocado Group plc
  • Amazon.com Inc
  • MercadoLibre Inc
  • JD.com Inc
  • N Brown Group plc
  • Etsy Inc
  • MakeMyTrip Ltd
  • Spotify Technology SA
  • ASOS plc
  • On the Beach plc
  • Chewy Inc
  • 1-800-Flowers.com Inc
  • Meituan Dianping
  • Overstock.com Inc
  • Trip.com Group Ltd
  • Jumia Technologies AG

Puoi provare la Portafoglio Shopping Cart di eToro già tramite Conto demo, che offre 100mila euro di soldi virtuali. Naturalmente, essendo soldi virtuali, anche le vincite, come le perdite, sono finte. Quindi per poter poi guadagnarci davvero, dovrai passare ad un account live.

Assia ha anche evidenziato che del portafogloio fanno parte le aziende più amate dai consumatori nonchè tutte quelle società che presentano una maggiore crescita e quelle che producono beni entrati a far parte della vita quotidiana. Per questo motivo Assia ritiene che il nuovo portafoglio possa portare molto valore aggiunto agli investitori essendo focalizzato su un settore dinamico.

Per investire nel Portafoglio Shopping Cart eToro la somma minima richiesta è di 2.000 dollari.

Potrai usare Tool e Grafici per monitorare l’andamento dei tuoi trade.

Clicca qui per iniziare a fare trading con eToro.

Shopping Cart eToro truffa?

La Shopping Cart di eToro è una truffa? Assolutamente no, visto che questo Broker ha regolare licenza CySEC. Quindi stiamo parlando di una piattaforma sottoposta a severi controlli e doveri.

Questo Broker è gestito dalla società Toro (Europe) Ltd. (o “eToro Europe”), una società cipriota d’investimenti registrata (Cypriot Investment Firm – CIF) con il numero HE20058. Mentre il numero di licenza presso la CySEC è 109/10. Nel Regno Unito, eToro è autorizzata e regolamentata dalla Financial Conduct Authority (FCA), con numero di registrazione 583263.

Ancora, in Australia, i servizi e i prodotti sono forniti da eToro AUS Capital Pty Ltd. registrata presso la Australian Securities and Investments Commission (ASIC), e regolamentata ai sensi del Corporations Act (Commonwealth).

Per aprire un account gratuito su eToro clicca qui.

Disclaimer: eToro è una piattaforma multi asset che consente dio investire sia in azioni che in criptovalute, e di fare trading sui CFDs.

Considera che i CFD sono strumenti complessi con un alto rischio di perdere denaro dovuto alla leva finanziaria.75% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro.

Criptoasset non sono regolati e possono subire ampie variazioni di prezzo, dunque non sono appropriati per tutti gli investitori. Il trading di criptoasset non è regolamentato da alcuna normativa Europea.

Le performance passate non sono indicatori di risultati futuri.
Responsabilità: Tutti gli autori, i collaboratori e i redattori degli articoli pubblicati su webeconomia.it esprimono opinioni personali. Tutte le assunzioni e le conclusioni fatte nei post ed ulteriori analisi di approfondimenti sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime, indici) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e/o raccomandazioni all'investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di investimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here