Sempre più italiani a rischio povertà

italy-poverty

La crisi economica, nel nostro Paese come nel mondo intero, non accenna a finire. Lo dimostrano le statistiche dell’Istat che mostrano che sempre più italiani sono prossimi alla soglia di povertà. Entrando nello specifico, i dati dimostrano che tre italiani su dieci sono a rischio povertà.

La situazione è davvero difficile da affrontare, dato che ci sono delle famiglie che non possono permettersi non solo delle vacanze fuori porta, ma neanche i riscaldamenti accesi durante l’inverno. Si tratta di un quadro davvero allarmante e che dovrebbe far pensare. I più colpiti dalla povertà sono gli anziani, i disoccupati, ma anche le famiglie monoreddito e quelle con tanti figli. Volendo parlare di cifre, diciamo che gli ultimi dati resi noti dall’Istat dimostrano che ben il 28,4% della popolazione del nostro Paese è a rischio di povertà. Che la situazione in Italia sia molto peggiorata, lo si capiva anche senza dati Istat, ma questi ultimi servono a far capire si tratta di un vero e proprio allarme sociale, difficile da arginare alla luce della crisi ancora intensa che attanaglia la nostra economia.

I dati sono peggiori che in qualsiasi altro Paese europeo. Già lo scorso anno, l’indicatore della povertà era aumentato di 2,6 punti percentuali rispetto al 2010 e ora i punti diventano sempre di più (tra tutti, ci sono anche un 11,1% di persone che vivono in stato di severa deprivazione). Aumentano anche coloro che non possono più permettersi neppure una settimana di ferie lontano da casa (attualmente il 46,6%), coloro che non possono riscaldare la casa (17,9%), coloro che non riescono a far fronte a spese improvvise di media entità, coloro che non possono mangiare in maniera adeguata.

Il quadro che si profila è davvero duro e nero per le famiglie del nostro Paese, specialmente per quelle numerose o in cui lavora solo un componente. Si tratta di una situazione che dovrebbe essere presa di petto, prima di un ulteriore, inevitabile, peggioramento. La percentuale di persone che rischia l’esclusione sociale, infatti, in crescita e questo potrebbe portare il nostro Paese in un baratro dal quale, poi, sarà difficile alzarsi. Dovrebbero essere presi dei provvedimenti mirati a far abbassare queste percentuali, facendo uscire le famiglie da questi stati di deprivazione in cui versano.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY