Segnali Forex: una guida esaustiva

Il Forex è un mercato molto affascinante: è liquido, ossia coinvolge grandi masse di denaro; è leggibile, dal momento che i prezzi sono influenzati da un numero elevato di fattori esterni; è proficuo. Il problema è che anche molto difficile, come tutte le attività di investimento del resto. Ecco, dunque, che molti trader preferiscono fare affidamento ai cosiddetti segnali Forex: suggerimenti espliciti circa i trader da ordinare, offerti più o meno “gentilmente” dai broker. Quanto sono affidabili? A quali rischi gli investitori vanno incontro? Di seguito, qualche consiglio per utilizzarli nel migliore dei modi.

La Guida ai Segnali Forex

Segnali Forex a pagamento o gratis: una distinzione doverosa

Il consiglio generale è di prendere i segnali Forex con le pinze. Alcuni, è vero, possono essere affidabili e incredibilmente utili. Va specificato, tuttavia, che se fossero davvero utili, e quindi vincenti, non verrebbero elargiti così tanto abbondantemente. La sfida, dunque, è riuscire a trovare la fonte giusta e sfruttarla al meglio. Il segreto, invece, è concepirli non come soluzione, bensì come supporto. Il trader deve continuare a fare il suo mestiere, quindi individuare strategie e tattiche, realizzare ipotesi di intervento e verificarle. Tutt’al più – ma è già tantissimo – utilizzerà i segnali Forex per verificare l’esattezza dei suoi metodi e delle sue idee.

Fatte queste doverose specificazioni, si può discutere sul “come”. Riconoscere i buoni segnali Forex da quelli cattivi non è poi così difficili. Un criterio dirimente è il costo. Se sono a pagamento, è già positivo perché vuol dire che sono state spese risorse, intellettuali o meno, per realizzarli. I segnali non a pagamento, infatti, sono spesso generati in modo automatico dai software. Ora, per quanto gli algoritmi possano essere complessi, non riusciranno mai (almeno non nel prossimo futuro) a sostituire l’ingegno e la capacità di interpretazione umana. Dunque, dal proprio programma di lavoro vanno esclusi i segnali Forex gratuiti. E’ raro che da questi si possa ricavare qualcosa di buono (il discorso è simile a quello sui robot).

Segnali Forex affidabili: come riconoscerli

E’ evidente: se i segnali non sono prodotti da un software, vuol dire che la loro origine è “umana”, quindi che sono stati pensati e redatti a una persona in carne e ossa. Appurato questo, si può affermare che l’autore debba essere un trader esperto, affinché possano essere considerati affidabili.

Il consiglio, dunque, è chiedere o informarsi su chi realmente abbia prodotto i segnali. Fermo restando che, se è vero che si tratta di un trader, ha utilizzato quelle strategie prima di ogni altro, e quindi queste perdono giocoforza un po’ della loro efficacia.