Scommesse: nasce Paddy Power-Betfair

Ieri, è giunto il definitivo ok alla fusione di due colossi attivi nel settore del gioco e delle scommesse. L’irlandese Paddy Power e la britannica Betfair si sono unite dando vita ad un’operazione da 6 miliardi di sterline, circa 8 miliardi di euro. Nasce così il leader mondiale Paddy Power Betfair che potrà contare su un fatturato di 1,1 miliardi di euro e una quota di mercato pari al 16%.
Questa è solo l’ultima delle mosse societarie realizzate in questo settore. Lo scorso luglio è, infatti nata la Ladbrokes Coral (una quota di mercato globale pari al 14%) dall’unione di Ladbrokes e Gala Coral: una fusione da 2,3 miliardi di sterline. La scorsa settimana, inoltre, Gvc ha acquistato Bwin.party per 1,06 miliardi di sterline.

Sia Paddy Power che Betfair erano già attive in Italia, dove il gioco on line frutta un fatturato di circa 700 milioni di euro. Ad esempio, nel 2014 si parla di 728 milioni di euro, con una crescita dello 0,4% rispetto al 2013. Da questo business l’erario statale trae un profitto pari a 160 milioni di euro. La crescita del gioco on line, pur molto recente, è costante e si attesta ad oggi sul 4,2% della spesa totale. Il canale mobile (smartphone e tablet) ha fatto toccare, secondo quanto stabilito da una ricerca dell’Osservatorio Giochi Online del Politecnico di Milano, i 100 milioni di euro. Questa attenzione da parte degli utenti, ha fatto sì che diversi operatori sviluppassero applicazioni ad hoc per attirare sempre più scommettitori.

Secondo gli ultimi dati relativi alle scommesse sportive (sia online che offline), in Italia, a giugno 2015 sono stati giocati 302 milioni di euro. Il mercato è dominato da Bet365 con ben 77 milioni di euro, seguita da Snai (37 milioni) e Eurobet (35 milioni). Inseguono Lottomatica, Sisal, Intralot, William Hill, Bwin/GD, Paddy Power, Microgame, Cogetech, Betclic, Betflag it , Betfair, Gazzabet, Scommettendo.