Scadenze fiscali ottobre 2017: Irap, 770 e invii telematici

Appuntamento con il Fisco? Oramai ogni mese i contribuenti sono alle prese con le varie scadenze fiscali fissate con l’Agenzia delle Entrate. Tra caos e proroghe, l’appuntamento con il Fisco non può mancare e deve attirare la costante attenzione dei soggetti contribuenti e degli operatori specializzati (Dottori Commercialisti, Consulenti del Lavoro, etc.).

Ecco le scadenze fiscali da appuntarsi per il prossimo mese di ottobre 2017, mancano pochissimi giorni all’inizio: occhi sul calendario fiscale in modo tale da evitare ritardi ed omissioni nei termini ed invii telematici!

2 ottobre 2017: ecco le tre scadenze da appuntare sul calendario

Si parte già con il 2 ottobre, primissimo appuntamento del mese di ottobre 2017 da fissare in Agenda per non incorrere in sanzioni; ecco gli adempimenti fiscali:

  • voluntary disclosure bis, o “collaborazione volontaria” è uno strumento che consente ai contribuenti che detengono illecitamente patrimoni all’estero di regolarizzare la propria posizione denunciando all’Amministrazione tributaria la violazione degli obblighi di monitoraggio. Ecco il Modello da presentare esclusivamente per via telematica; direttamente (se si è abilitati a Entratel o Fisconline) oppure tramite i soggetti incaricati. Le istanze per accedere alla procedura di collaborazione volontaria possono essere inviate da tutti i professionisti abilitati ai servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate;
  • chiusura delle liti fiscali pendenti: è pendente una controversia avente ad oggetto una sanzione non collegata al tributo ed il contribuente abbia già definito, attraverso la definizione agevolata dei carichi affidati all’agente della riscossione, l’iscrizione a ruolo dei due terzi dell’importo in contestazione. Con il Comunicato Stampa del25 settembre 2017, l’Agenzia delle Entrate ha specificato che la lite pendente può essere definita con il pagamento del 40% dell’importo della sanzione non collegata al tributo ancora in contestazione (ossia 1/3 non ancora iscritto a ruolo), essendo i 2/3 già iscritti a ruolo),
  • rottamazione cartelle ex Equitalia (oggi Agenzia delle Entrate – Riscossione): versamento della seconda rata relativa all’adesione agevolata per chi avesse optato per la rateazione dell’importo dovuto e risultante sulla cartella. Utilizzando il codice RAV presente su ciascun bollettino ricevuto al proprio domicilio, è possibile pagare presso gli sportelli bancomat che fanno parte del servizio pagamento CBILL del Consorzio CBI. Le modalità di pagamento delle rate Equitalia sono le seguenti: domiciliazione bancaria; sportelli bancari; internet banking; uffici postali; tabaccai convenzionati con Banca 5 SpA, tramite i circuiti Sisal e Lottomatica; portale gruppoequitalia.it tramite PagoPa; App Equiclick tramite PagoPa; 200 sportelli ubicati sul territorio nazionale.

5 ottobre 2017: Scadenza prorogata relativamente allo Spesometro

Con Comunicato Stampa dell’Agenzia delle Entrate del 25 settembre 2017, il Fisco italiano ha comunicato che il servizio web ‘Fatture e Corrispettivi’, temporaneamente sospeso dalla serata del 22 settembre scorso, è nuovamente disponibile agli utenti da martedì 26, dopo alcuni interventi correttivi effettuati da Sogei, che gestisce il sistema informativo dell’Anagrafe Tributaria. In considerazione dei diversi disagi sopravvenuti, Agenzia delle Entrate ha comunicato che “saranno ritenute tempestive le comunicazioni relative ai dati delle fatture presentate entro il 5 ottobre 2017”.

16 ottobre 2017: adempimenti periodici Irpef, Inps e IVA

Altro appuntamento fiscale è fissato per il 16 ottobre 2017, ecco cosa si deve versare:

  • versamento IVA di competenza mese di settembre 2017 per i contribuenti che liquidano l’IVA mensilmente. Il versamento IVA deve essere eseguito tramite modello F24 indicando il codice tributo 6009 nella sezione erario,
  • IRPEF: versamento delle ritenute alla fonte a titolo d’acconto operate dai sostituti d’imposta sui redditi di lavoro dipendente e assimilati corrisposti nel mese di settembre. Il sostituto d’imposta deve versare anche le addizionali comunali e regionali. Inoltre, si deve procedere con il versamento delle ritenute alla fonte a titolo d’acconto operate per i redditi di lavoro autonomo corrisposti nel mese di settembre (provvigioni per rapporti di commissione, di agenzia, di mediazione e di rappresentanza). Il codice tributo da utilizzare (Modello F24) è 1040,
  • contributi INPS: versamento degli oneri contributivi dovuti dal datore di lavoro sulle retribuzioni corrisposte ai lavoratori,
  • rata debito Dichiarazione redditi e Dichiarazione IVA (titolari Partita IVA) per periodo di imposta 2016.

25 ottobre 2017: Intrastat mensili e trimestrali

Penultima scadenza fissata per il mese di ottobre 2017 è da appuntare per la data del 25: questa data interessa tutti i contribuenti operatori intracomunitari con obbligo mensile e trimestrale INTRASTAT.

Gli operatori intracomunitari devono presentare gli elenchi riepilogativi INTRASTAT delle cessioni e/o prestazioni di servizi intracomunitari. Le modalità di presentazione del modello Intrastat sono per via telematica all’Agenzia delle Dogane o all’Agenzia delle Entrate.

31 ottobre 2017: dichiarazione dei redditi, modello Irap e modello 770

Entro Halloween ricordate di inoltrare telematicamente:

  • la dichiarazione modello Redditi 2017, si ricorda che sono tenuti ad utilizzare questo modello i contribuenti titolari di redditi da terreni, fabbricati, lavoro autonomo occasionale o continuativo, d’impresa, di pensione e altre tipologie di reddito,
  • il modello Irap, si basa sull’attività produttiva svolta dall’impresa nel corso dell’anno precedente sia sotto forma di scambi commerciali che di prestazioni di servizi, effettuati sul territorio regionale. Devono essere indicate tutte le entrate e le uscite che l’impresa ha sostenuto in quanto concorrono a formare la base imponibile dell’impresa,
  • il modello 770 e certificazione unica autonomi che non compilano il modello 730.
Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY