saldi

Confcommercio comunica che la percentuale di italiani pronti a fare acquisti durante i saldi invernali 2017 è in netto rialzo rispetto all’anno passato: 58,5% contro il 55%. Quindi, quasi 6 italiani su 10 faranno compere in saldo.
Come ogni anno il settore dell’abbigliamento è in netto vantaggio con il 93%, seguito dalle calzature (79,2%). Si accodano gli accessori e i capi di biancheria intima, 32% e 27,4%.
Per quanto riguarda il budget medio di spesa dei consumatori, da un’analisi condotta da Confcommercio, si oscilla tra i 150 e i 200 euro.

saldi

Certo se confrontiamo questi dati con quelli del 2012, ben 5 anni fa, la cosa potrebbe essere non rassicurante. La percentuale di italiani pronti a spendere durante la stagione dei saldi invernali si aggirava intorno al 70%. Una quota quasi impensabile di questi tempi!
Risultano essere in crescita i saldi sul settore dell’e-commerce; infatti gli italiani che acquisteranno online prodotti in saldo ha registrato un +7,2%.

Sommario

I saldi invernali sono partiti ufficialmente Giovedì 5 Gennaio.

Nella vigilia della befana è iniziata la stagione dei winter sale, e ci sono stati segnali positivi sull’avvio. Confesercenti comunica che c’è stata una “performance di partenza positiva a Torino e a Roma, in controtendenza rispetto allo scorso anno”. Risultati soddisfacenti, dovuti anche al turismo natalizio, anche nelle altri maggiori città italiane come Napoli, Milano, Firenze, Bologna.

saldi-invernali

Il Codacons, però chiarisce subito. A fare affari ed a registrare una maggiore affluenza sono sopratutto gli outlet e i negozi del lusso.
Le tipologie di negozio base, ovvero i rivenditori, le boutique e calzature registrano “una riduzione generalizzata dei clienti”. Probabilmente i consumatori attendono un ulteriore ribasso sui prezzi che generalmente arriva intorno alla seconda settimana della stagione dei saldi.

Per quanto riguarda le politiche di sconto adottate in media dai negozi, sempre secondo Confcommercio, il 48,2% dei negozi farà uno sconto non superiore al 30%, mentre sale il numero delle imprese che offre sconti oltre al 50%.

Quanto durerà la stagione dei saldi? Qui l’elenco delle date, regione per regione!

Abruzzo: 5 gennaio – 5 marzo 2017
Basilicata: 5 gennaio – 1° marzo 2017
Calabria: 5 gennaio – 28 febbraio 2017
Campania: 5 gennaio – 2 aprile 2017
Emilia Romagna: 5 gennaio – 5 marzo 2017
Friuli Venezia Giulia: 5 gennaio – 31 marzo 2017
Lazio: 5 gennaio – 15 febbraio 2017
Liguria: 5 gennaio – 18 febbraio 2017
Lombardia: 5 gennaio – 5 marzo 2017
Marche: 5 gennaio – 1° marzo 2017
Molise: 5 gennaio – 5 marzo 2017
Piemonte: 5 gennaio – 28 febbraio 2017
Puglia: 5 gennaio – 28 febbraio 2017
Sardegna: 5 gennaio – 5 marzo 2017
Sicilia: 5 gennaio – 15 marzo 2017
Toscana: 5 gennaio – 5 marzo 2017
Umbria: 5 gennaio – 5 marzo 2017
Valle D’Aosta: 5 gennaio – 31 marzo 2017
Veneto: 5 gennaio – 28 febbraio 2017
Provincia di Trento: 5 gennaio – 5 marzo 2017
Provincia di Bolzano: 5 gennaio – 18 febbraio 2017

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY