Ryanair punta su Malpensa

Dal 1 dicembre 2015, Ryanair aprirà un nuova base a Milano Malpensa con un aeromobile assegnato e un investimento da 100 milioni di dollari. Sarà questa la 73esima base della rete della compagnia area low cost irlandese e la 15esima in Italia. Dallo scalo di Milano Malpensa saranno attivate quattro rotte per un totale di 28 voli settimanali: Siviglia (con 3 voli la settimana), Londra Stansted (con 2 voli al giorno), Bucarest (con 4 voli la settimana) e Comiso, Ragusa (con 1 volo al giorno). In totale, saranno 450mila i clienti che beneficeranno di questi nuovi collegamenti aerei e saranno circa 450 i nuovi dipendenti presso lo scalo.

L’accordo giunge dopo otto anni di trattative con Sea, la società che gestisce il sistema aeroportuale milanese, ed è percepito come storico dalla Ryanair stessa. Giulio De Metrio, Ceo Sea, commentando lo sbarco della compagnia irlandese a Malpensa, ha voluto sottolineare come Milano non stia puntando tutto sul low cost; anzi, tutto il contrario, “i passeggeri di voli intercontinentali sono cresciuti del 12% nel 2014 e del 4% nel 2015, con un incremento del 10% nello scorso luglio, i numeri si commentano da soli. Malpensa è un aeroporto conveniente sia per chi cerca il lusso sia per chi cerca un servizio di qualità a prezzi contenuti”.

I vertici di Ryanair, per voce del CEO David O’Brien, hanno annunciato che Orio al Serio (Bergamo) è e rimarrà comunque il principale scalo in Italia della compagnia. Lo stesso chief commercial officer ha aggiunto parole molto dirette contro la nostra compagnia di bandiera: “Credo che gli italiani preferiscano buoni prezzi e buoni servizi rispetto a prezzi alti e servizi spazzatura, che è ciò che Alitalia ha fornito negli ultimi anni … Milioni di persone hanno smesso di volare con Alitalia perché ci sono troppi scioperi, il network è piccolo e la puntualità e il servizio non sono all’altezza dei prezzi che hanno”. Una bordata in piena regola.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY