Rubate 700 nuove banconote da 10 euro: è allarme contraffazione

10-euro-rubati

Brutte notizie per la Banca centrale europea. Attenta a contrastare le falsificazioni delle proprie banconote (tanto da aver preso spunto dalla lotta alla contraffazione per rigenerare tutti i tagli delle serie esistenti), la Bce si è lasciata sfuggire 700 nuove banconote da 10 euro, la cui uscita ufficiale è prevista solo per il prossimo mese di settembre.

Il fattaccio è avvenuto ad Amburgo, dove un gruppo di falsari è riuscito a rubare 700 esemplari delle banconote da 10 euro che – salvo dietro front rispetto a tali prototipi – usciranno sul mercato solamente a partire dalla fine dell’estate. Di qui l’evidente allarme: dare ai falsari delle banconote che non sono ancora uscite, significa permetter loro di preparare degli affidabili sistemi di contraffazione in largo anticipo, vanificando quindi gli sforzi della Bce nel contrasto alle illegalità.

Secondo quanto è oggetto di ricostruzione da parte della polizia, la colpa sarebbe di una evidente imperizia nella protezione delle banconote che, dalla sede della Bundesbank tedesca avrebbero dovuto terminare la loro strada in un’azienda di Amburgo specializzata nella produzione di banconote con elevati livelli di sicurezza anti-falsificazione. E la strada, effettivamente, è stata compiuta: peccato solo che, in piena notte, un gruppo di falsari sia entrato nella sede dell’azienda, abbia spaccato le chiusure di sicurezza e abbia sottratto 700 banconote da 10 euro appena stampate su commissione.

L’allarme è scattato solamente la mattina dopo e, a dare una mano agli inquirenti, è stata una cassiera di un distributore di benzina, sorpresa dal fatto che davanti a sé avesse tre giovani con una strana richiesta: cambiare 5 tagli piccoli, da 10 euro, con una banconota da 50 euro. Insospettita dalla stranezza della nuova banconota, la cassiera ha chiamato gli agenti che, giunti immediatamente sul posto, hanno arrestato i giovani. Una perquisizione nella loro abitazione ha permesso il recupero di altri 100 esemplari dei biglietti rubati.

Tutto bene, dunque? Non proprio. Perché all’appello mancano 600 banconote e perché per il momento non vi è alcuna traccia significativa di dove possano essere. Il timore della Bce – paura piuttosto fondata, in verità – è che le banconote possano esser state indirizzate verso un gruppo di falsari molto esperti che, da qui al mese di settembre, avrà certamente il tempo di poterle “lavorare” adeguatamente, al fine di trovare il modo per replicarle con perizia. Ne consegue che a settembre, quando usciranno le nuove banconote, in un contesto di sostanziale “inesperienza” dei consumatori, oltre alle banconote ufficiali potrebbero trovar spazio anche milioni di banconote false…