Arrivato modulo per la rottamazione delle cartelle esattoriali di Equitalia

rottamazione delle cartelle esattoriali

Come già preannunciato, il premier Matteo Renzi, ha deciso di “chiudere” Equitalia e sono state avviate le procedure per la rottamazione delle cartelle esattoriali. I contribuenti avranno fino al 23 gennaio 2017 di tempo per la domanda di sconto sui debiti maturati.

Dove prendere e come funziona il modulo per la rottamazione delle cartelle esattoriali?

E’ possibile scaricare il modulo per la rottamazione delle cartelle esattoriali già a partire da domani lunedì 7 novembre 2016. Il modulo sarà presente anche in tutti gli sportelli del gruppo stesso. Una volta compilato, dovrà essere restituito presso uno delle tante sedi di Equitalia oppure potrà essere rispedito tramite email con posta elettronica certificata.rottamazione delle cartelle esattoriali

Se sul modulo di adesione trovate la sigla “DA1” allora il contribuente dopo aver accertato la e verificato la propria identità, dovrà selezionare e indicare le cartelle per le quali richiedere la definizione agevolata, specificando anche le modalità di pagamento.

Per quali cartelle vale la rottamazione?

La rottamazione è valida per tutte le categorie di cartelle, anche per quelle esattoriali e non solo per quelle di Equitalia. Sarà possibile usufruire dello sconto anche nei confronti dell’Iva. Questione leggermente differente invece per le multe stradali, dove lo sconto riguarda solamente gli interessi.

Una volta aderito al processo, entro il 24 aprile verranno comunicati gli importi esatti con le relative scadenze. Per ora sono previste quattro rate, ma in parlamento si continua a discutere a riguardo se aggiungerne ulteriori. Tuttavia, le prime tre dovranno essere assolutamente versate entro dicembre 2017. La quarta potrà slittare a marzo 2018.

Anche chi ha già iniziato a pagare le rate potrà ugualmente aderire alla procedura e avere a che fare con col debito residuo sul capitale tramite la definizione agevolata.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY