Rottamazione cartelle: la domanda potrà essere presentata anche ai Caf

Le domande di rottamazione delle cartelle di Equitalia, potranno essere presentate dai contribuenti anche tramite i Centri di Assistenza Fiscale – Caf – questa è l’ultima novità introdotta grazie al recente accordo tra i due istituti, oltre a poter usufruire di una proroga sulla scadenza richiesta dai Caf.

Caf

A partire dalle prossime settimane, i Caf forniranno assistenza fiscale e di consulenza ai contribuenti che devono provvedere alla rottamazione delle cartelle esattoriali. Non solo trasmissione dei documenti quindi, ma anche aiuto nella valutazione della miglior scelta da compiere. In virtù dell’imponente mole di lavoro, i Caf hanno presentato una richiesta ufficiale per prorogare la data di scadenza, che attualmente si ricorda essere il 31 marzo 2017.

Come si presenta la domanda

La domanda di rottamazione dovrà essere presentata dopo aver compilato il modulo “DA1” di dichiarazione di adesione ed entro il 31 marzo 2017, Equitalia invierà ai contribuenti che hanno aderito alla rottamazione, una comunicazione nella quale verrà indicato l’importo dovuto ed i bollettini con le relative date di scadenza.

I cittadini potranno tramite questa procedura, usufruire di uno sconto sulle sanzioni dovute sulle somme ed interessi di mora sulle cartelle emesse tra l’1 gennaio 2000 e il 31 dicembre 2016. I contribuenti dovranno comunque pagare: gli interessi per la ritardata iscrizione, le spese per le procedure esecutive, le spese di notifica della cartella e le somme maturate a titolo di aggio.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY