Rolls Royce: perdita da record, oltre 5 miliardi

La svalutazione della sterlina a seguito della Brexit miete un’altra vittima, l’azienda dei motori per aerei, Rolls Royce, ha visto infatti precipitare i suoi conti con una perdita di 4,6 miliardi di sterline circa 5,4 miliardi di euro e affonda tra i titoli quotati alla Borsa di Londra.

La perdita lorda ammonta a circa 4,636 miliardi di sterline contro un utile di 160 milioni ottenuto nel 2015, a pesare è l’effetto Brexit che non accenna ad arrestarsi, oltre ai 671 milioni iscritti al bilancio dopo un accordo per sanare una controversia legale, inerente ad un caso di corruzione contestata all’azienda dalla giustizia britannica, brasiliana e americana.

Rolls Royce rassicura i mercati

Il numero uno di Rolls Royce, Warren East, tenta di rassicurare i mercati affermando che le perdite, al netto delle voci non è preoccupante come sembra. L’utile è sceso meno delle aspettative ed i ricavi hanno avuto un incremento del 9% (15 miliardi di sterline), inoltre il saldo sul dividendo è pari a 7,1 pence per azione. La gestione operativa mostra un risultato positivo pari a 813 milioni di sterline, in diminuzione rispetto all’1,4 miliardi dell’esercizio precedente, migliore quindi rispetto alle stime degli analisti di 685 milioni.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY