Rivoluzione Deutsche Bank: riduce la presenza americana e il trading

Grandi cambiamenti in vista per Deutsche Bank, già ribattezzati “cura Sewing”, dal nome del nuovo amministratore delegato dell’istituto di credito tedesco: Christian Sewing. Del resto, l’istituto bancario viene da una fase nella quale è stata accusata di agire nelle vesti di un hedge fund speculativo.

Questa sua eccessiva esposizione all’attività di trading, l’ha fatta finire sotto la lente della Banca centrale europea, la quale non a caso ha chiesto di recente di calcolare i costi di una sua eventuale liquidazione.

Christian Sewing ha preso il posto di John Cryan, annunciando una forte revisione del corporate e investment banking e «una significativa riduzione della forza lavoro entro quest’anno». Il suo obiettivo è quello di contenere i costi al di sotto dei 23 miliardi di euro.

Come ci riuscirà? Decidendo di ridimensionare le attività negli Stati Uniti sui tassi e riformulando le strategie sull’azionario. Quindi riducendo l’attività della piattaforma di trading. Insomma, per Deutsche Bank si prevede una dieta sul fronte americano e del trading.

Deutsche Bank quali novità in arrivo

Il riassetto dell’istituto tedesco prevede maggiore una maggiore concentrazione sulle attività come banca commerciale e private, oltre che nell’asset management, al fine di stabilizzare la base dei ricavi.

Come detto, Deutsche Bank vuole ridimensionare la sua attività internazionale, specie negli Usa dove si è esposta molto con le politiche degli ultimi anni, al fine di concentrarsi di più sulla clientela europea.

Infatti, Sewing ha detto: «Deutsche Bank è profondamente radicata in Europa, dove vogliamo fornire ai nostri clienti accesso a soluzioni globali di finanziamento e di tesoreria». Citando pure il nostro Paese, dove la banca tedesca vanta 95mila dipendenti in tutto il gruppo.

Agli occhi di Sewing, l’Italia è «un mercato in crescita» dove «focalizzare le attività nella banca commerciale e private». Si tratta di una vera e propria rassicurazione, dato che in passato si era pure parlato di possibili ridimensionamenti nel nostro Paese. Ora quindi smentite, almeno nelle parole di apprezzamento del nuovo Ad. Poi bisognerà vedere i fatti.

Il titolo Deutsche Bank

In realtà, già il precedente CEO Cryan stava valutando di diminuire la taglia della divisione di investment banking, prima di lasciare l’incarico in quanto le performance del colosso bancario tedesco non hanno convinto gli azionisti i cui rappresentanti sono presenti nel consiglio di Sorveglianza presieduto da Paul Achleitner.

Ricordiamo che i primi soci singoli dell’istituto restano i cinesi di Hna (che però hanno recentemente ridotto la partecipazione al 7,9%) e un veicolo d’investimento del Qatar. Oltre che i fondi BlackRock e Cerberus.

Il titolo di Deutsche Bank è in calo dal 24 aprile, dove aveva raggiunto 12,19 euro. Dopo un timido rialzo a 12,06 euro giovedì 26 aprile. Ha chiuso la settimana a 11,39 euro, con un calo del 3,88%.

Deutsche Bank in breve

Deutsche Bank AG vanta più di 100.000 dipendenti in oltre 70 paesi e ha una grande presenza in Europa, nelle Americhe, nell’area Asia-Pacifico e nei mercati emergenti. A partire da giugno 2017 Deutsche Bank è la sedicesima banca più grande al mondo per patrimonio totale.

Nel 2009, Deutsche Bank era il più grande rivenditore di valuta estera al mondo con una quota di mercato del 21%. La società era una componente dell’indice del mercato azionario STOXX Europe 50 fino a essere sostituita su tale indice nell’agosto 2016. La banca offre prodotti e servizi finanziari per clienti aziendali e istituzionali insieme a clienti privati e commerciali.

Essendo una delle “Bulge Bracket Banks”, il suo core business è l’investment banking, che rappresenta il 50% del capitale azionario, il 75% delle attività di leva finanziaria e il 50% degli utili.

I servizi includono vendite, trading, ricerca e creazione di debito e capitale; fusioni e acquisizioni (M&A), prodotti di gestione del rischio, quali derivati, finanza aziendale, gestione patrimoniale, banca retail, gestione di fondi e operazioni bancarie.

Deutsche Bank storia

Deutsche Bank origini

La Deutsche Bank fu fondata a Berlino nel 1870 come banca specializzata per il commercio estero. Lo statuto della banca fu adottato il 22 gennaio 1870 e il 10 marzo 1870 il governo prussiano gli concesse una licenza bancaria. Lo statuto poneva un forte accento sulle imprese straniere: l’oggetto della società è di negoziare attività bancarie di ogni tipo, in particolare per promuovere e facilitare le relazioni commerciali tra Germania, altri paesi europei e mercati esteri.

Tre dei fondatori erano Georg Siemens, il cui cugino di padre aveva fondato Siemens e Halske, Adelbert Delbrück e L. Bamberger. Prima della fondazione di Deutsche Bank, gli importatori e gli esportatori tedeschi dipendevano dagli istituti bancari inglesi e francesi sui mercati mondiali, un grave svantaggio in quanto le banconote tedesche erano quasi sconosciute nel commercio internazionale, generalmente non gradite e soggette a un tasso di sconto più elevato di fatture inglesi o francesi.

I primi sportelli locali della banca, inaugurati nel 1871 e nel 1872, furono aperti a Brema e ad Amburgo. La sua prima incursione all’estero arrivò poco dopo, a Shanghai (1872) e a Londra (1873) seguiti dal Sud America (1874-1886). L’apertura della filiale a Londra, dopo un fallimento e un altro tentativo parzialmente riuscito, fu una necessità primaria per l’istituzione del credito per il commercio tedesco in quello che allora era il centro del denaro mondiale.

Grandi progetti nei primi anni della banca inclusi la Northern Pacific Railroad negli Stati Uniti la Ferrovia di Baghdad (1888). In Germania, la banca è stata determinante nel finanziamento delle offerte obbligazionarie della società siderurgica Krupp (1879) e ha introdotto la società chimica Bayer nel mercato azionario di Berlino. La seconda metà del 1890 ha visto l’inizio di un nuovo periodo di espansione in Deutsche Bank. La banca formò alleanze con grandi banche regionali, dando a se stessa un ingresso nelle principali regioni industriali della Germania.

Le joint venture erano sintomatiche della concentrazione allora in corso nel settore bancario tedesco. Per Deutsche Bank, le filiali nazionali erano ancora una rarità all’epoca; la filiale di Francoforte risaliva al 1886 e la succursale di Monaco dal 1892, mentre altre filiali furono fondate a Dresda ea Lipsia nel 1901. Inoltre, la banca percepì rapidamente il valore delle istituzioni specializzate per la promozione degli affari esteri.

La delicata pressione del ministero degli Esteri ha avuto un ruolo nella costituzione della Deutsche Ueberseeische Bank nel 1886 e la partecipazione è stata acquisita nella nuova banca Deutsch-Asiatische tre anni dopo. Ed il successo di tali società ha dimostrato che era giusto fondarle.

Deutsche Bank tra le due guerre mondiali

L’immediato dopoguerra fu un periodo di liquidazioni. Avendo già perso la maggior parte delle sue attività estere, Deutsche Bank era obbligata a vendere altre partecipazioni. Una grande quantità di energia è andata a rafforzare ciò che era stato raggiunto. Ma c’erano anche nuovi affari, alcuni dei quali avrebbero avuto un impatto per molto tempo a venire. La banca ha svolto un ruolo significativo nella costituzione della società di produzione cinematografica UFA e della fusione di Daimler e Benz.

Nel 1929 la banca si fuse con altre banche locali per creare Deutsche Bank und DiscontoGesellschaft, a quel punto la più grande fusione mai realizzata in Germania storia bancaria. L’aumento dei costi era una delle ragioni della fusione. Un’altra era la tendenza alla concentrazione in tutto il settore negli anni ’20. La fusione è arrivata proprio nel momento giusto per aiutare a contrastare la crisi economica e bancaria del mondo emergente.

Nel 1937, il nome della società cambiò di nuovo in Deutsche Bank. La crisi fu, in termini di impatto politico, l’evento economico più disastroso del secolo. La scarsità di liquidità che ha paralizzato le banche è stata alimentata da una combinazione di debito estero a breve termine e mutuatari non più in grado di pagare i loro debiti, mentre l’inflessibilità dello stato ha esacerbato la situazione.

Per le banche tedesche, la crisi del settore è stata uno spartiacque. Un ritorno alle circostanze che in qualche modo potrebbero essere state considerate come reminiscenze dell ‘”età dell’oro” prima che la Prima Guerra Mondiale fosse esclusa per molti anni.

Deutsche Bank durante il Nazismo

Dopo che Adolf Hitler arrivò al potere, istituendo il Terzo Reich, la Deutsche Bank respinse i suoi tre membri del consiglio ebraico nel 1933. Negli anni successivi, Deutsche Bank prese parte all’arianizzazione delle imprese di proprietà ebraica; secondo i propri storici, la banca fu coinvolta in 363 tali confische entro il novembre 1938.

Durante la guerra, Deutsche Bank ha incorporato altre banche che sono cadute in mano tedesca durante l’occupazione dell’Europa dell’Est. Deutsche Bank fornì servizi bancari alla Gestapo e prestò i fondi utilizzati per costruire il campo di Auschwitz e le vicine strutture di IG Farben. Durante la seconda guerra mondiale, Deutsche Bank divenne responsabile della gestione della Bohemian Union Bank a Praga, con filiali nel Protettorato e in Slovacchia, il Bankverein in Jugoslavia (che ora è stato diviso in due società finanziarie, una in Serbia e una in Croazia), l’Albert de Barry Bank di Amsterdam, la Banca nazionale di Grecia ad Atene, il Creditanstalt-Bankverein in Austria e Ungheria, la Deutsch-Bulgarische Kreditbank in Bulgaria e Banca Comercială Română (La Banca commerciale rumena) a Bucarest.

Ha inoltre mantenuto una filiale a Istanbul, in Turchia. Nel 1999, Deutsche Bank ha confermato ufficialmente di essere stata coinvolta ad Auschwitz. Nel dicembre 1999 Deutsche, insieme ad altre importanti aziende tedesche, contribuì a un fondo di compensazione di 5,2 miliardi di dollari USA a seguito di cause intentate da sopravvissuti all’Olocausto. La storia di Deutsche Bank durante la seconda guerra mondiale è stata documentata da storici indipendenti commissionati dalla Banca.

Deutsche Bank dal Secondo Dopoguerra ad oggi

Dopo la sconfitta della Germania nella seconda guerra mondiale, le autorità alleate, nel 1948, ordinarono la separazione della Deutsche Bank in dieci banche regionali. Queste 10 banche regionali sono state successivamente consolidate in tre grandi banche nel 1952: Norddeutsche Bank AG; Süddeutsche Bank AG; e Rheinisch-Westfälische Bank AG. Nel 1957 queste tre banche si unirono per formare Deutsche Bank AG con sede a Francoforte. Nel 1959, la banca entrò nel settore bancario al dettaglio introducendo piccoli prestiti personali.

Negli anni ’70, la banca portò avanti l’espansione internazionale, aprendo nuovi uffici in nuove sedi, come Milano (1977), Mosca, Londra, Parigi e Tokyo. Negli anni ’80, ciò è continuato quando la banca ha pagato 603 milioni di dollari USA nel 1986 per acquisire la Banca d’America e d’Italia, la controllata italiana che Bank of America aveva stabilito nel 1922 con l’acquisizione di Banca dell’Italia Meridionale.

L’acquisizione ha rappresentato la prima volta che Deutsche Bank aveva acquisito una considerevole rete di filiali in un altro paese europeo. Nel 1989, i primi passi verso la creazione di una significativa presenza di investment banking sono stati acquisiti con l’acquisizione di Morgan, Grenfell & Co., una banca d’investimento con sede nel Regno Unito. Verso la metà degli anni ’90, l’avvio di un’operazione sui mercati finanziari era iniziato con l’arrivo di una serie di figure di alto profilo dei principali concorrenti.

Dieci anni dopo l’acquisizione di Morgan Grenfell, è stata aggiunta la società statunitense Bankers Trust. Ha continuato a rafforzare la sua presenza in Italia con l’acquisizione nel 1993 della Banca Popolare di Lecco dalla Banca Popolare di Novara per circa US $ 476 milioni.

Nel 1999 ha acquisito una partecipazione di minoranza in Cassa di Risparmio di Asti. Nell’ottobre 2001, Deutsche Bank era quotata alla Borsa di New York. Questa è stata la prima quotazione al NYSE dopo l’interruzione a causa degli attacchi dell’11 settembre. L’anno seguente, Deutsche Bank rafforzò la propria presenza negli Stati Uniti acquistando Scudder Investments. Nel frattempo, in Europa, Deutsche Bank ha incrementato la propria attività di private-banking acquisendo Rued Blass & Cie (2002) e la banca d’investimento russa United Financial Group (2006).

In Germania, ulteriori acquisizioni di Norisbank, Berliner Bank e Deutsche Postbank hanno rafforzato l’offerta retail di Deutsche Bank sul mercato nazionale. Questa serie di acquisizioni era strettamente allineata con la strategia della banca per le acquisizioni con imbutitura, preferendo le fusioni cosiddette “trasformative”. Questi facevano parte di una strategia di crescita complessiva che mirava anche a un rendimento del 25% sostenibile, cosa che la banca aveva conseguito nel 2005. La sede della società, la Deutsche Bank Twin Towers, è stata ampiamente rinnovata a partire dal 2007.

La ristrutturazione ha richiesto circa tre anni completare. L’edificio ristrutturato è stato certificato LEED Platinum e DGNB Gold. La banca ha sviluppato, posseduto e gestito il Cosmopolitan di Las Vegas, dopo che lo sviluppatore originario del progetto non aveva preso in prestito i suoi prestiti. Deutsche Bank ha aperto il casinò nel 2010 e lo ha eseguito in perdita fino alla sua vendita nel maggio 2014. L’esposizione della banca al momento della vendita è stata di oltre $ 4 miliardi, tuttavia ha venduto la proprietà a Blackstone Group per $ 1,73 miliardi.

Deutsche Bank e lo scandalo dei CDO

Deutsche Bank è stata uno dei principali driver del mercato dei titoli di debito collateralizzati (CDO) durante la bolla del credito immobiliare dal 2004 al 2008, con un valore di circa $ 32 miliardi. Il rapporto del Senato Permanente del 2011 sulle relazioni investigative del Senato degli Stati Uniti su Wall Street e la crisi finanziaria hanno analizzato la Deutsche Bank come studio del coinvolgimento delle banche di investimento nella bolla dei mutui, mercato dei CDO, stretta creditizia e recessione.

Ha concluso che anche se il mercato stava crollando nel 2007, e il suo principale operatore globale CDO stava deridendo il mercato dei CDO e scommettendo contro alcune delle obbligazioni ipotecarie nei suoi CDO, la Deutsche Bank ha continuato a sfornare i prodotti CDO negativi agli investitori. Il rapporto si concentrava su un CDO, Gemstone VII, costituito in gran parte da ipoteche di Long Beach, Fremont e New Century, tutti noti istituti di credito subprime.

Deutsche Bank ha inserito attività rischiose nel CDO, come ACE 2006-HE1 M10, che i suoi trader ritenevano essere un cattivo legame. Ha anche inserito alcune obbligazioni ipotecarie che il proprio dipartimento di ipoteche aveva creato ma non potevano vendere, dalla serie DBALT del 2006. Il CDO è stato poi commercializzato in modo aggressivo come un buon prodotto, con la maggior parte di esso descritto come avente un rating di livello A.

Nel 2009 l’intero CDO era pressoché privo di valore e gli investitori (compresa la stessa Deutsche Bank) avevano perso gran parte del loro denaro. Greg Lippmann, responsabile del trading globale di CDO, scommetteva contro il mercato dei CDO, con l’approvazione del management, anche se Deutsche continuava a sfornare prodotti. Era un personaggio importante nel libro di Michael Lewis, The Big Short, che illustrava dettagliatamente i suoi sforzi per trovare “cortometraggi” per acquistare Credit Default Swaps per la costruzione di CDO sintetici. È stato uno dei primi trader a prevedere la bolla nel mercato dei CDO e l’enorme potenziale offerto da CDS in questo.

Come interpretato in The Big Short, Lipmann nel mezzo della frenesia CDO e MBS ha orchestrato le presentazioni agli investitori, dimostrando la sua visione ribassista del mercato, offrendo loro l’idea di iniziare a comprare CDS, specialmente ad AIG per trarre profitto dal prossimo crollo. Per quanto riguarda l’accordo Gemstone VII, anche se la Deutsche lo stava creando e vendendolo agli investitori, Lippman ha inviato ai colleghi una email che “soffiava”, e ha chiamato parti di “schifo” e “maiali” e consigliato ad alcuni dei suoi clienti di scommettere contro titoli ipotecari di cui era composto.

Lippman ha definito il mercato dei CDO uno “schema ponzi”, ma ha anche cercato di nascondere alcune delle sue opinioni a certe altre parti perché la banca stava cercando di vendere i prodotti che stava definendo “schifo”. Il gruppo di Lippman ha ricavato denaro da queste scommesse, anche se la Deutsche ha complessivamente perso denaro nel mercato dei CDO. Anche Deutsche è stata coinvolta con Magnetar Capital nella creazione del suo primo CDO Orion.

Deutsche aveva il suo gruppo di CDO cattivi chiamati START. Ha lavorato con Elliot Advisers su uno di loro; Elliot scommise contro il CDO anche se la Deutsche vendeva parti del CDO agli investitori come buoni investimenti. Deutsche ha anche collaborato con John Paulson, della polemica Goldman Sachs Abacus CDO, per creare alcuni START CDO.

Deutsche ha perso denaro su START, come ha fatto su Gemstone. Il 3 gennaio 2014 è stato riferito che Deutsche Bank avrebbe risolto una causa intentata da azionisti statunitensi, che avevano accusato la banca di raggruppare e vendere cattivi prestiti immobiliari prima della recessione del 2008.

Questo accordo è venuto successivamente e in aggiunta alla transazione di 1,93 miliardi di dollari di Deutsche con la US Housing Finance Agency su contenziosi analoghi relativi alla vendita di titoli garantiti da ipoteca a Fannie Mae e Freddie Mac.

Ex dipendenti tra cui Eric Ben-Artzi e Matthew Simpson hanno affermato che durante la crisi Deutsche non ha riconosciuto fino a $ 12 miliardi di perdite di carta sul proprio portafoglio di $ 130 miliardi di operazioni con super senior leveraged, sebbene la banca respinga le richieste.

Un documento aziendale del maggio 2009 descriveva le operazioni come “il più grande rischio nel portafoglio di negoziazione” e gli informatori affermano che se la banca avesse rappresentato correttamente le sue posizioni, il suo capitale sarebbe caduto nella misura in cui avrebbe potuto necessitare di un salvataggio del governo. Uno di loro afferma che “Se Lehman Brothers non dovesse contrassegnare i suoi libri per sei mesi, potrebbe ancora essere in affari, e se Deutsche avesse segnato i suoi libri avrebbe potuto essere nella stessa posizione di Lehman.”

Deutsche Bank era diventata la più grande operatrice in questo mercato, che erano una forma di derivato del credito progettato per comportarsi come la tranche più importante di un CDO. Deutsche Bank ha acquistato un’assicurazione contro l’insolvenza da parte delle società blue-chip da parte degli investitori, per lo più fondi pensione canadesi, che hanno ricevuto un flusso di premi assicurativi come reddito in cambio della pubblicazione di una piccola quantità di garanzie.

La banca ha poi venduto protezione agli investitori statunitensi tramite l’indice di credito CDX, lo spread tra i due era minimo, ma valeva $ 270 milioni nei 7 anni di attività. È stato considerato molto improbabile che molti blue chip avrebbero avuto problemi allo stesso tempo, quindi Deutsche ha richiesto garanzie di appena il 10% del valore del contratto.

Il rischio che Deutsche Bank subisse ingenti perdite se la garanzia fosse stata spazzata via in una crisi è stato chiamato l’option gap.

Ben-Artzi sostiene che dopo la modellizzazione ha prodotto risultati “economicamente irrealizzabili”, Deutsche ha considerato l’option gap prima con un semplice “haircut” del 15% sulle negoziazioni (descritto come inadeguato da un altro dipendente nel 2006) e poi nel 2008 da un $ 1-2bn di riserva per il desk di correlazione del credito progettato per coprire tutti i rischi, non solo l’option gap.

Nell’ottobre 2008 hanno smesso di modellare l’option gap e hanno appena acquistato S&P al fine di prevenire ulteriori interruzioni del mercato, ma uno dei denuncianti ha descritto questo come una copertura inappropriata. Un modello del precedente lavoro di Ben-Artzi a Goldman Sachs ha suggerito che l’opzione del gap rappresentava circa l’8% del valore delle negoziazioni, per un valore di $ 10,4 miliardi. Simpson afferma che i trader non stavano semplicemente sottovalutando l’opzione del gap, ma svalutando attivamente il valore dei loro scambi.

Deutsche Bank negli anni recenti

Nel gennaio 2014, Deutsche Bank ha registrato una perdita prima delle imposte di € 1,2 miliardi ($ 1,6 miliardi) per il quarto trimestre del 2013. Ciò è avvenuto dopo che gli analisti avevano previsto un utile di quasi € 600 milioni, secondo le stime di FactSet. I ricavi sono diminuiti del 16% rispetto all’anno precedente. Nel 2015 il Deutsche Bank’s Capital Ratio Tier-1 (CET1) era solo dell’11,4%, inferiore al CET1 ratio del 12% mediano delle 24 maggiori banche quotate in Europa, quindi non ci sarebbe stato alcun dividendo per il 2015 e il 2016.

Inoltre, 15.000 posti di lavoro dovevano essere tagliati. Nel giugno 2015, gli allora co-amministratori delegati, Jürgen Fitschen e Anshu Jain, hanno entrambi offerto le dimissioni al consiglio di sorveglianza della banca, che sono state accettate. Le dimissioni di Jain sono entrate in vigore a giugno 2015, ma ha fornito consulenza alla banca fino a gennaio 2016. Fitschen ha continuato a lavorare come CEO congiunto fino a maggio 2016. La nomina di John Cryan come CEO congiunto è stata annunciata, a partire da luglio 2016; è diventato amministratore unico alla fine del mandato di Fitschen.

Nel gennaio 2016, Deutsche Bank ha preannunciato una perdita del 2015 prima delle imposte sul reddito di circa € 6,1 miliardi e una perdita netta di circa € 6,7 miliardi. A seguito di questo annuncio, un analista di banca di Citi ha dichiarato: “Riteniamo che un aumento di capitale ora sembri inevitabile e veda un deficit azionario fino a 7 miliardi di euro, sulla base del fatto che Deutsche potrebbe essere costretta a prenotare altri 3 miliardi di euro a 4 miliardi di euro delle spese processuali nel 2016. ”

Da maggio 2017, il suo maggiore azionista è il conglomerato cinese HNA Group, che detiene il 10% delle sue azioni. Da inizio 2018, come detto, il nuovo CEO è Christian Sewing, che vuole ridurre la presenza della Banca tedesca negli Usa e le operazioni di trading.

Deutsche Bank controversie

Deutsche Bank in generale, e dipendenti con ruoli specifici, hanno spesso subito accuse di comportamento ingannevole o transazioni illegali. A partire dal 2016, la banca è stata coinvolta in circa 7.800 contenziosi legali e ha calcolato € 5,4 miliardi come riserve per contenziosi, con ulteriori € 2,2 miliardi trattenuti contro altre passività potenziali.

Sei ex dipendenti sono stati accusati di essere coinvolti in un’importante operazione di frode fiscale con certificati di emissione di CO2 e la maggior parte di essi sono stati successivamente condannati. È stato stimato che la somma di denaro nello scandalo dell’evasione fiscale avrebbe potuto raggiungere i 850 milioni di euro. Deutsche Bank stessa non è stata condannata per l’assenza di leggi in materia di responsabilità sociale in Germania.

Dal 2001 fino ad almeno il 2007, la banca si è impegnata in spionaggio segreto sui suoi critici. La banca ha ammesso gli episodi di spionaggio dal 2001 al 2007 diretti dal suo dipartimento di sicurezza aziendale, anche se li ha etichettati come “isolati”. Secondo la pagina del Wall Street Journal, Deutsche Bank aveva preparato un elenco di nomi di 20 persone che desiderava indagare per le critiche nei confronti della banca, tra cui Michael Bohndorf (un investitore attivista della banca) e Leo Kirch (ex dirigente dei media in contenzioso con la banca).

Lo studio legale di Monaco di Baviera di Bub Gauweiler ha anche preso di mira Partner, che rappresenta Kirch. Secondo il Wall Street Journal, il dipartimento legale della banca era coinvolto nello schema insieme al suo dipartimento di sicurezza aziendale. a banca ha assunto Cleary Gottlieb Steen & Hamilton, uno studio legale di New York, per indagare sugli incidenti per suo conto.

La ditta Cleary ha concluso la propria indagine e ha presentato la propria relazione, che tuttavia non è stata resa pubblica. Secondo il Wall Street Journal, la società Cleary ha scoperto un piano con cui Deutsche Bank doveva infiltrarsi nella società Bub Gauweiler con una “talpa” di banca assunta come stagista presso la ditta Bub Gauweiler.

Il piano sarebbe stato cancellato dopo che lo stagista era stato assunto ma prima che iniziasse a lavorare. Peter Gauweiler, presidente dello studio legale designato, ha dichiarato: “Mi aspetto che le autorità competenti, compresi i pubblici ministeri e le agenzie di controllo della banca, conducano un’indagine completa.” Nel maggio 2009, Deutsche Bank ha informato il pubblico che la direzione esecutiva aveva appreso delle possibili violazioni avvenute negli anni passati in merito alle procedure interne o ai requisiti legali della banca in relazione alle attività che coinvolgono il dipartimento di sicurezza aziendale della banca.

Deutsche Bank ha immediatamente mantenuto lo studio legale Cleary Gottlieb Steen & Hamilton a Francoforte per condurre un’indagine indipendente e ha informato l’autorità federale di vigilanza finanziaria tedesca (BaFin).

I principali risultati dello studio legale, pubblicati nel luglio 2009, sono i seguenti: sono stati identificati quattro incidenti che sollevano questioni legali come la protezione dei dati o le preoccupazioni sulla privacy. In tutti gli incidenti, le attività sono nate da determinati mandati eseguiti da fornitori di servizi esterni per conto del Dipartimento di sicurezza aziendale della Banca.

Gli incidenti sono stati isolati e non è stato riscontrato alcun comportamento scorretto sistemico. E non vi è alcuna indicazione che i membri attuali del consiglio di amministrazione siano stati coinvolti in attività che sollevano questioni giuridiche o hanno avuto conoscenza di tali attività. Ciò è stato confermato dalla Procura della Repubblica di Francoforte nell’ottobre 2009. Deutsche Bank ha informato tutte le persone interessate dalle attività di cui sopra e ha espresso il suo sincero rammarico. BaFin ha riscontrato carenze nelle operazioni all’interno dell’unità di sicurezza di Deutsche Bank in Germania, ma non ha rilevato alcuna cattiva condotta sistemica da parte della banca.

La banca ha avviato misure volte a rafforzare i controlli per l’affidamento dei fornitori di servizi esterni da parte del Dipartimento sicurezza aziendale e delle loro attività.

Deutsche Bank acquisizioni

Queste le varie acquisizioni di Deutsche Bank in questi anni:

  • Morgan, Grenfell & Company, 1990
  • Bankers Trust, 30 November 1998
  • Scudder Investments, 2001
  • RREEF(Rosenberg Real Estate Equities Fund, fondata nel 1975), 2002
  • Berkshire Mortgage Finance, 22 ottobre 2004
  • Chapel Funding (ora DB Home Lending), 12 settembre 2006
  • MortgageIT, 3 gennaio 2007
  • Hollandsche Bank-Unie – 2 luglio 2008: Fortis, ABN AMRO e Deutsche Bank hanno annunciato di aver firmato un accordo con il quale Deutsche Bank acquisirà da ABN AMRO la sua controllata Hollandsche Bank-Unie che si è concentrata sulle attività bancarie commerciali nei Paesi Bassi. L’accordo fu inizialmente sospeso quando il governo olandese salvò il controllo e prese il controllo di Fortis Bank Nederland. Tuttavia, l’operazione è stata successivamente liquidata e la controllata è stata acquistata da Deutsche Bank per 709 milioni di EUR nel 2010.
  • Sal. Oppenheim, 2010
  • Deutsche Postbank, 2010
Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY