Risparmiare in tempo di crisi? Si può e si deve: ecco come

Se Acri/Ipsos fanno presente che, ormai, nel nostro Paese e per le nostre famiglie il risparmio è diventato quasi un lusso, dato che la crisi economica non accenna a finire e si fa sempre più fatica ad arrivare a fine mese.

Tuttavia, ci sono degli escamotages per risparmiare e gli italiani lo sanno bene e lo dimostra il fatto che più della metà dichiara di avere in qualche modo dato un taglio alle spese, cercando di fare a meno dei beni non di prima necessità. Stiamo parlando di divertimenti, ma anche abiti, vacanze, accessori e quant’altro. Insomma: si può risparmiare facendo qualche sacrificio. Ma questo è risaputo.

Ci sono, invece, altre voci che si possono tagliare o ridurre. Infatti, ci sono delle vere e proprie strategie che, se studiate e attuate al meglio, possono portare a risparmiare anche sulla spesa al supermercato. Molti odiano i volantini delle offerte che arrivano nelle cassette della posta, ma quasi nessuno capisce che, invece, possono essere fonte di notevole risparmio (stiamo parlando anche di 1.500 euro annui). Comparando i volantini, infatti, è possibile trovare il supermercato che fa l’offerta più conveniente proprio su quel prodotto che stiamo cercando. In questo modo, si risparmierà una bella somma, semplicemente cercando l’offerta migliore. Ma questa non è l’unica strategia per tagliare qualche spesa. Ad esempio, anche bere acqua del rubinetto aiuta a risparmiare un bel po’ di soldi (oltre 200 euro all’anno pro capite, oltre 650 euro per una famiglia media di tre persone). Fare colazione a casa piuttosto che al bar, non lasciare gli apparecchi elettrici in standby, collegarli tutti a una sola ciabatta, comprare un frigorifero A+++: sono tutti trucchetti per risparmiare un po’ di denaro da tenere per le emergenze o, perché no, da usare per concedersi qualche piccolissimo lusso che, altrimenti, non possiamo permetterci.

In altre parole, per risparmiare bisogna tagliare gli sprechi e dare qualche sforbiciata ad abitudini un po’ troppo costose.

Le cose sopra descritte potrebbero a primo acchito sembrare insignificanti, ma non lo sono perché, come dimostrato, sono le piccole rinunce che ci fanno risparmiare senza dover fare enormi sacrifici. Tutto sommato si tratta di accortezze da prendere, come quella di cercare di riutilizzare gli oggetti, di evitare di comprare vestiti e accessori inutili, di andare a mangiare qualche pizza o bere qualche birra in meno.

Salva

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY